home page

 

> Home
> News
> Ricorrenze
> Comitato
> Incontri
> Personaggi
> Foglio notizie
> Opera
   - volume I
   - volume II
   - volume III
> Dicono di noi
> Solidarietà
> Luoghi
   - Pezzaze
   - Pomponesco
   - Viadana
   - Dosolo
   - Gussago
   - Portiolo
   - Pezzoro
   - Franciacorta
   - Lavone
   - BRASIL

> Links
> Archivio

espanol Español
english English
portugues Português
brasileiro Brasileiro

Gruppo Piardi su Facebook


Questo sito nasce da un'idea di Achille Piardi, il quale dopo anni di ricerche e dopo aver redatto una prima versione della biografia sulla Famiglia Piardi è alla costante ricerca di nuove informazioni... se anche tu sei un Piardi... continua a navigare tra queste pagine!!!


powered by digionet

 INDICE:  VOLUME I >  VOLUME I I  >  VOLUME I I I  



Chiunque fosse interessato all'Opera (Volume I - II) può contattare il Comitato I PIARDI via S. Rocco 19 25060 Pezzaze - Stravignino - Tel. Carla Piardi 030.920388 - oppure via mail: info@piardi.org ed anche carla352@libero.it



   VOLUME III  

 I PIARDI NEL TEMPO - dimore, vita vissuta, costumi portati dai Piardi ed anche devozioni cui siamo stati capaci in più di cinque secoli di vita. 

 4. DEVOZIONI 

 4.2 SACRO CUORE

sacro_cuorePompeo Girolamo Batoni - Pittore (Lucca, 1708 - Roma, 1787).

A Roma il Batoni si distinse per la grazia, la morbidezza delle forme, la preziosità del disegno e del colore. Il quadro del Sacro Cuore di Gesù è ispirato alle visioni della santa monaca francese Margherita Maria Alocoque.

E' il primo pittore che vi si riferisce nel 1780 circa, su richiesta di una regina del Portogallo e subito ampiamente diffusa: il Cristo sostiene con la sinistra un cuore fiammeggiante, con la destra fa un gesto come invito alla confidenza nella sua misericordia.

Il salvatore ha un Volto bellissimo, giovanile, con lunghi capelli e breve barba. I Piardi di Gussago, originari di Pezzaze, sono tutt'oggi devoti al Sacro Cuore iniziato molto presto in Gussago con la pia pratica del 1° Venerdì del mese.
L'effigie, come questa, veniva esposta all'altare laterale, cappella centrale, della Prepositurale Pievana di Santa Maria Assunta al fine di ricordare la citata pia pratica ed anche durante il dedicato mese di Giugno...

Una devozione, quella del Sacro Cuore di Gesù, che scaturisce dal Vangelo. Devozione lodata dai Padri e dai Dottori della Chiesa e, successivamente, arricchita nei suoi significati più profondi di visioni mistiche di sante come S. Geltrude e S. Margherita Maria Alacoque. Nel secolo XVII Gesù apparve ripetutamente a S. Margherita Maria Alacoque, lamentandosi che gli uomini non si rivolgevano alla Sua infinita misericordia per implorare le grazie necessarie per la vita spirituale. (A cura di Achille Giovanni Piardi)

pezzase-1790-020   pezzase-1790-0-15

Pezzaze (Val Trompia, Brescia).
Chiesa parrocchiale di Sant' Apollonio nuovo (sec. XVIII) in frazione Stravignino; altare del Sacro Cuore. (V. Rizzinelli con C. Sabatti. Pezzaze nella storia e nell'arte, 1530-1797. Comune di Pezzaze, anno 2000)

Roma, Città del Vaticano. Mistero del CUORE di GESU'. L'anno 2006, il 15 maggio, ricorrendo il 50° di emanazione, da parte di Pio XII, dell'Enciclica papale "Haurietis aquas", papa Benedetto XVI pubblica apposita lettera. << Lo sguardo al 'costato trafitto dalla lancia', nel quale rifulge la sconfinata volontà di salvezza da parte di Dio, non può essere considerato come una forma passeggera di culto o di devozione: l'adorazione dell'amore di Dio, che ha trovato nel simbolo del 'cuore trafitto' la sua espressione storico - devozionale, rimane imprescindibile per un rapporto vivo con Dio >>. Il culto del Cuore di Gesù, soprattutto nel corso del mese di giugno, fu ripreso ed incoraggiato da papa Giovanni Paolo II (Carol Voytila).

A livello della Diocesi vescovile di Brescia, nel libro del Sinodo della Chiesa bresciana del 1981 si richiama con particolare insistenza la devozione al Sacro Cuore di Gesù nel mese di giugno e praticata pure tutto l'anno con la preghiera e con la pia pratica del "primo venerdì del mese". (La Voce del Popolo; Brescia, 2 giugno 2006. Riscoprire il mistero del Cuore di Gesù nella preghiera; pag. 23).


Monsignor Giuseppe Rossini,
Parroco di S.Maria Assunta in Gussago
dal 1948 al 28 giugno 1961

Durante il parrocchiato di Mons. Rossini i Piardi delle generazioni del dopo guerra apprendono e maturano la devozione al Sacro Cuore di Gesù, gia in essere, da 150 anni, tra i Piardi gussaghesi di origini Valtrumpline. L'attenzione dei fedeli viene richiamata con l'esposizione, durante l'intero mese di Giugno di ogni anno, del quadro del Sacro Cuore di Gesù, del pittore Pompeo Girolamo Batoni, innanzi l'altare del Santissimo Sacramento ("Ultima cena"), non a caso detto del Sacro Cuore. Negli anni Sessanta del secolo XX la devozione, con l'esposizione dell'opera del Batoni, è continuata con l'arrivo a Gussago (Brescia) di Don Vittore Antomelli e proseguita, dal mese di Novembre 1968 sino agli anni Novanta, con il nuovo parroco (1968 - 2001) di S. Maria Assunta, il Prevosto Don Angelo Porta.
Successivamente l'esposizione del "Sacro Cuore" non è più avvenuta anche se risulta ancora viva la tradizione devozionale al Cuore di Gesù. Speriamo che con l'ingresso del nuovo Parroco, previsto per il 8 marzo 2009, nella persona del Rev.do sacerdote Don Adriano Dabellani, venga ripresa la tradizione dell'esposizione del quadro nella continuità devozionale degli antichi gussaghesi, ivi compresi i Piardi.
(Testim. di Achille Giovanni Piardi, 20 febbraio 2009).


Gesù Misericordioso e Santa Faustina Kowalska

Il 22 febbraio 1931 Gesù apparve in Polonia nel Convento di Plok a Suor Faustina Kowalska affidandole il messaggio della Devozione alla Divina Misericordia.
In un’altra apparizione Gesù le chiese l’istituzione della Festa della Divina Misericordia, esprimendosi così: <<Desidero che la prima domenica dopo Pasqua sia la Festa della mia Misericordia. Figlia mia, parla a tutto il mondo della mia incommensurabile Misericordia! L’Anima che in quel giorno si sarà confessata e comunicata, otterrà piena remissione di colpe e di castighi. Desidero che questa Festa si celebri solennemente in tutta la Chiesa>>. Molte altre ancora sono le “promesse” fatte da Gesù Misericordioso.
Forte è il parallelismo tra gli insegnamenti, discendenti dalle personali visioni, di suor Margherita Maria Alacoque (secolo XVII) e suor Faustina (secolo XX).


Gesù Misericordioso, come descritto da Faustina,
e la stessa Santa Faustina Kowalska

Nel testo in lingua spagnola, che appare in questa stessa pagina, infatti, leggiamo: <<Tutti conosciamo e pratichiamo la devozione al Sacro Cuore di Gesù, però come tante altre meraviglie della Chiesa, ignoriamo l’origine di così straordinario regalo. Fu un’umile monaca colei che ebbe le visioni del signore, il quale le rivelò questa devozione, “come ultimo sforzo del Suo Amore” per poter così attrarre le anime che lo ignorano e lo rifiutano nonostante i Suoi permanenti inviti alla salvezza. Nell’analizzare la vita di Santa Margherita Maria Alacoque, possiamo avvertire lo straordinario accostamento con le devozioni recate dal medesimo Signore a Suor Faustina Kowalska in Polonia, nel secolo XX. La devozione è quella della Divina Misericordia, continuazione della più antica devozione al Sacro Cuore di Gesù >>. (Achille Giovanni Piardi. 19 Aprile 2009. Domenica dopo Pasqua - Festa della Divina Misericordia).


Santa Margarita Maria Alacoque
Vidente del Sagrado Corazón de Jesús (esp)

Todos conocemos y practicamos la devoción al Sagrado Corazón de Jesús, pero como tantas otras maravillas de la Iglesia, desconocemos el origen de tan extraordinario regalo. Fue una humilde monjita la que tuvo las visiones del Señor, quien le reveló esta devoción, “como último esfuerzo de Su Amor” para poder atraer así a las almas que lo ignoran y rechazan pese a Sus permanentes invitaciones a la salvación.
Al analizar la vida de Santa Margarita María, podemos advertir el extraordinario paralelo con las devociones entregadas por el mismo Señor a Sor Faustina Kowalska en Polonia, en el siglo XX. La devoción es la de la Divina Misericordia, continuación de la devoción al Sagrado Corazón de Jesús.
Santa Margarita María Alacoque fue sin dudas una elegida, pero fue ella la que respondió al llamado, pudiendo haberse perdido en las tentaciones del mundo. Su vida fue una sinfonía al Amor de Dios, a la obediencia, a la sencillez y particularmente a un profundo amor al Santísimo Sacramento, Jesús Eucaristía.
Esta extraordinaria santa nació en el año 1647 en la diócesis de Autun (Francia). Como suele suceder con muchos grandes santos, tuvo una fuerte devoción por el Amor de Dios desde que era muy pequeña, viviendo experiencias místicas que le abrieron las puertas del mundo sobrenatural, el mundo de Dios. Su familia rechazó su vocación, a la que tuvo que convencer con grandes sufrimientos y la eficaz ayuda de la Madre de Dios.
Conocer la vida de Santa Margarita Maria Alacoque es unirse al Amor de Dios por nosotros, expresado de modo tan maravilloso como sólo El lo puede hacer: La devoción al Sagrado Corazón de Jesús es una gracia que debemos valorar y practicar con alegría y esperanza. Sagrado Corazón de Jesús, en vos confío.
(http://www.reinadelcielo.org).

Santa Margarita Maria Alacoque. 1647-1690 (esp)

Vidente de las revelaciones del Sagrado Corazón de Jesús. Fiesta: 16 de octubre.
 Margarita Maria Alacoque, finalmente, entró a formar parte de las monjas de la Visitación de Paray-le-Monial y allí llevó una vida de constante perfección espiritual. Tuvo una serie de revelaciones místicas referentes sobre todo a la devoción al Sagrado Corazón de Jesús, cuyo culto se esforzó desde entonces por introducir en la Iglesia.
Murió el día 17 de octubre del año 1690 y fue canonizada en 1920 por el Papa Benedicto XV. Es la patrona de los que piadosamente alaban y dan gloria al Sagrado Corazón de Jesús.
Dijo el Señor a Santa Margarita María: "Te constituyo heredera de Mi Corazón y de todos Mis tesoros".
La Devoción al Sagrado Corazón de Jesús es un inmenso regalo que Jesús le hace a Su Iglesia, es sangre que corre por las venas del Cuerpo Mistico del Señor, Sangre que lo vivifica y alimenta en el camino a la perfección en el amor, a la que Dios nos invita de modo insistente. La santidad no es una meta inalcanzable, es nuestra obligación de cristianos el buscarla desde el lugar que nos toque, de acuerdo a la Voluntad del Señor. Oremos con frecuencia:"Jesús Manso y Humilde de Corazón, haz nuestro corazón semejante al Tuyo". "Sagrado Corazón de Jesús, en vos confío".
Agradecemos a www.corazones.org por el maravilloso material sobre Santa Margarita Maria Alacoque.
(http://www.reinadelcielo.org).


GUSSAGO, 29 maggio 2009.
<<OH! CUORE ADORABILE DI GESU' SALVATE QUESTO POPOLO>>.


GUSSAGO, 29 maggio 2009.
Altare santissimo sacramento con l'immagine del Sacro Cuore di Gesù

La foto, scattata il 7 giugno 2009 da Angelo Cartella da Gussago, mostra come, sin dal termine del mese di Maggio (dopo aver ricordato il mese della Madonna al frontale altare della Vergine del Rosario, altra devozione dei PIARDI, sin dal sec. XVI, http://www.piardi.org/vol3/volume3devozioni44.htm ), il Parroco di S. Maria Assunta, Don Adriano Dabellani, ha fatto preparare l'altare del Santissimo Sacramento (popolarmente detto del Sacro Cuore) ricorrendo ogni Giugno il mese del Cuore di Cristo.

La Chiesa ha vissuto e sperimentato che l'amore di Cristo supera ogni conoscenza (Lettera agli Efesini 3, 18). I Padri della Chiesa presentavano questo amore come simbolo del suo cuore. A partire dal medioevo si diffuse la devozione al Cuore ferito di Gesù. Poi dalle rivelazioni private a Margherita Maria Alacoque (1647-1690), come si racconta in questa stessa pagina, la presente devozione divenne più popolare. Il magistero della Chiesa ha insistito sull'amore di Cristo simbolizzato dal Suo Cuore, e ha descritto il Suo amore, invitando a dare una risposta d'amore, di fiducia e riparazione: Il Cuore di Cristo è "la sintesi di tutto il mistero della nostra Redenzione, perchè fu la forza del Suo amore a mettere in croce il nostro Divino Redentore". (Papa Pio XII, Enciclica "Haurietis aquas", 1956)

RONCO di Gussago. Parrocchia dei Santi Zenone e Eurosia: statua del sacro Cuore di Gesù.
Qui crebbe Angelo Piardi (1948) figlio di Francesco; l'anno 1974,
Sacerdote della Chiesa cattolica.
Inizialmente Curato a Provaglio d'Iseo e poi Parroco in Alta Val Camonica (Cortenedolo e Vico di Edolo), indi Missionario in Uruguay (1985-1996). Torna in Italia ed è Vicario Cooperatore a Capriolo dal 1997 sino al 2001; "Fidei Donum" in Missione in Uruguay (2001-2005); ritornato in Diocesi è Vicario Cooperatore parrocchiale in Chiari dal 2005 e dal 2006 anche Cappellano coordinatore dell'Ospedale M.Mellini di Chiari (Brescia).
(La Diocesi di Brescia 2010. http://www.diocesi.brescia.it/diocesi/notizie/nomine/nomine_2006.php)

top