I Piardi

 

> Home
> News
> Ricorrenze
> Comitato
> Incontri
> Personaggi
> Foglio notizie
> Opera
   - volume I
   - volume II
   - volume III
> Dicono di noi
> Solidarietà
> Luoghi
   - Pezzaze
   - Pomponesco
   - Viadana
   - Dosolo
   - Gussago
   - Portiolo
   - Pezzoro
   - Franciacorta
   - Lavone
   - BRASIL

> Links
> Archivio

espanol Español
english English
portugues Português
brasileiro Brasileiro

Gruppo Piardi su Facebook


Questo sito nasce da un'idea di Achille Piardi, il quale dopo anni di ricerche e dopo aver redatto una prima versione della biografia sulla Famiglia Piardi è alla costante ricerca di nuove informazioni... se anche tu sei un Piardi... continua a navigare tra queste pagine!!!


powered by digionet

Marianna Piardi

INDICE DEI PERSONAGGI


Vorresti vedere tratteggiata in 'Personaggi' la figura di un Piardi? CLICCA QUI

Marianna Piardi

Figlia di Achille Domenico (1880) e di Angela Camilla Ghedi, nata a Gussago il 22 febbraio 1919 e deceduta il 25 agosto 1991.

Lavora da ragazza alla filanda di Cellatica ma non è salubre per lei lo stabilimento serico così che la madre, Angela Camilla, la trattiene a casa. Marianna, in giovane età, sovente si porta a San Colombano di Collio V.T., presso la famiglia "Palasà", Codenotti, quando la stessa svolge negli anni 1935/36, l'attività di oste. Marianna è la colonna portante della Compagnia Filodrammatica di Gussago, della quale è "Deus ex machina" il reverendo Don Giovanni Fogazzi, interpretando personaggi sempre aventi un ruolo clou nella commedia, anche difficili, particolarmente per lei. Per interessameMarianna Piardinto del Direttore Generale dello stabilimento, Conte Ernesto Cantoni, tramite il Prevosto Monsignor Giorgio Bazzani, lavora dal 1938 alla Breda Meccanica Bresciana aggiungendosi a Teresa Dolzanelli e Rosa Gigola (??) della Croce che già vi lavorano dal 1937. Nel marzo 1944 (forse più propriamente il 14 febbraio) ovvero giovedì 5 aprile 1945, ore 12,15, durante il grande bombardamento aereo su Brescia in cui lo stabilimento viene quasi distrutto anche Marianna e Teresa scappano in bicicletta verso Gussago ma non erano ancora giunte alla Torricella quando il bombardamento era già avvenuto con gravi danni. A seguito del bombardamento e dopo il 1945, nello stabilimento, avvengono licenziamenti. Incaricati di detta operazione nell'ambito della Commissione Interna vi sono anche due gussaghesi: Bertolotti e Zola, così che Teresa Dolzanelli viene licenziata mentre Marianna no dal momento che risulta a tutti gli effetti capo famiglia in conseguenza del fatto che Francesco è convalescente di guerra poiché mutilato e invalido, Andrea sta prestando servizio militare e Marietta è minore. Marianna, con la sorella Maria Marietta, viaggia in sella alla sua Vespa visitando tutti i luoghi di montagna a cominciare dalla zona delle Dolomiti e valica tutti i passi alpini. Lo testimoniano le belle ed espressive quanto panoramiche e suggestive foto, tuttora conservate, delle due ragazze. Nell'Enciclopedia Bresciana, Marianna viene così ricordata: "Gussago 22 febbraio 1919 - 25 agosto 1991. Di Achille e di Angela Ghedi. Operaia alla "Breda Meccanica", fu sindacalista attiva, si impegnò a fondo dal 1946 al 1974 nella FIM-CISL e dal 1960 al 1970 fu membro del Direttivo Provinciale della stessa. Intensa la sua attività nell'Azione Cattolica riguardo alla Catechesi. Il 2 giugno 1983 venne nominata Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana." La Voce del Popolo, giornale diocesano bresciano, col numero del 27 settembre 1991, così ricorda Marianna: "Il 25 agosto di quest'anno moriva a Gussago Marianna Piardi. Nata nel 1919 fin dalla sua giovinezza è stata una figura di spicco nell'impegno religioso e civile nella comunità gussaghese. Ha svolto la sua attività lavorativa presso la Breda Meccanica, impegnandosi sindacalmente nella FIM-CISL dal 1946 al 1974 e nel Direttivo Provinciale dal 1960 al 1970. Con decreto del 2 giugno 1983 da Roma è nominata Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana.
Ma il suo impegno è stato generoso anche in Parrocchia, nell'attività di azione cattolica e nella catechesi ai giovani e giovanissimi. E' stata anche esemplare militante nel campo politico e sociale, offrendo il suo contributo al bene comune nelle Acli e nella DC.
Il giorno dei suoi funerali gli amici dell'Azione Cattolica di Gussago l'hanno ricordata con queste parole: "Sicuramente Marianna non vorrebbe far parlare di sé; ma tutti noi che abbiamo avuto modo di conoscerla non possiamo non far tesoro delle molteplici opere da lei compiute. Marianna ha sempre amato l'Azione Cattolica e in essa ha trovato formazione, comprensione e affetto. Per questo suo amore ha orientato tutta la sua vita come animatrice responsabile delle giovani, puntando sull'amore e unità nell'associazione. In Parrocchia ha svolto un ruolo primario di catechista. Ha insegnato per varie generazioni seguendo l'evolversi dei cambiamenti sociali, ma sempre aggiornata sullo stile di vita della Chiesa. Ancora prima delle grandi riforme del Concilio Ecumenico Vaticano Secondo incoraggiava i giovani a portare avanti l'impegno della catechesi a livello della famiglia. Nei suoi interventi precisava:" siamo persone di speranzala nostra vita fede incoraggia anche i lontani. strada della Chiesa dell'uomo".
E ancora affermava: "non possiamo essere indifferenti o distratti ma tesi sempre ai bisogni dei fratelli. Vogliamoci bene prima fra di noi".Ai laici di Azione Cattolica proponeva come manifestare il loro essere cristiani vivendo fedelmente la condizione di vita che li caratterizza; cioè vivere da veri cristiani nel loro ambiente, in famiglia, a scuola, sul lavoro, nel divertimento, nella sofferenza sostenuti dallo stile di vita del Vangelo. La sua testimonianza di grande apostolato è suggellata nei nostri cuori, e in tutte le generazioni che hanno avuto modo di conoscerla nella sua attenta e incisiva presenza. Ha lasciato come tesoro la fermezza nei valori in cui credeva. Il suo slogan è sempre stato:

. Il suo spirito sarà sempre in mezzo a noi per la forza con la quale ha creduto e lottato nel realizzare il progetto che Dio aveva su di lei*".
La rivista nazionale Madre edita a Brescia, col numero di marzo 1984, oltre alla foto in prima pagina di copertina, la ricorda col seguente titolo: "Una sindacalista Cavaliere" e commenta: "Marianna Piardi è stata nominata Cavaliere della Repubblica al Merito, per il suo impegno a favore degli altri in fabbrica e nella comunità. E' uno dei tanti esempi del bene che ancora molti compiono nella nostra società". La sorella Maria Marietta così intende riassumere la figura di Marianna: "Era un po’ difficile, nella sua semplicità, ma oltremodo problematico era farle mangiare qualcosa che potesse gustare.
Ricordo che nostro fratello Francesco (1911), almeno per il periodo in cui lavorò alla Mida, ove vi era il servizio di mensa, le portava parte del suo pranzo, magari anche una sola coscia di pollo, affinchè lei trovasse voglia di mangiare. Francesco riusciva nel suo intento! Ha rinunciato ad avere una famiglia propria per dedicarsi agli altri".
Della zia Marianna tenterà di calcarne le orme di sindacalista il nipote Achille Piardi (1948) il quale, per volontà dei colleghi lavoratori delle Camere di Commercio d' Italia, diventerà Vice Segretario Nazionale di categoria e referente unico nazionale per il settore Previdenza e Quiescenza. Compito che lo vedrà impegnato dal 1972 al 1997 e poi anche in seguito come impegno volontario. Vedi anche capitolo I Piardi a Gussago e genealogia dei Piardi nati a Gussago.

Si veda anche Vol. 3 COSTUMI dove appare:

Marianna Piardi (Gussago, 1919), anni '50, a Vezza d'Oglio/Val Camonica Marianna e Marietta Piardi da Gussago, in gita con le ragazze del FARI, inizi anni '50 Marianna Piardi Sorelle Marianna, Marietta..

e anche PERSONAGGI:

Angela Giulia Piardi
Famiglia Achille Domenico Piardi


MARIANNA PIARDI. 8 dicembre: Gussago (Brescia). Giornata della Adesione all’Azione Cattolica. Si celebra in Parrocchia di S. Maria Assunta l’annuale “Adesione”; con la pubblicazione di un pieghevole, si ricorda la figura di Marianna Piardi (1919), a suo tempo esponente di spicco di A.C.

<< Far memoria della storia è ricordare e riconoscere le persone che nell’Azione Cattolica hanno contribuito a rendere visibile l’Associazione. Vogliamo ricordare MARIANNA PIARDI. Nasce il 22 febbraio del 1919 in una famiglia radicata nella Fede. E’ la nona di undici fratelli; le condizioni difficile di quel periodo storico mettono a dura prova la famiglia, carestie e malattie faranno sperimentare la povertà. Nel 1930 inizia il suo lavoro nella filanda di Cellatica. Marianna aderisce alle ‘Aspiranti di Azione Cattolica’ con lo slancio di una ragazzina dotata di acuta intelligenza, negli anni successivi metterà in pratica i doni ricevuti dal Signore. Una figura determinante nella formazione di Marianna fu l’Assistente dell’Associazione Don Giovanni Fogazzi, Sacerdote esigente nell’educare e indicare cammini sempre nuovi, per scoprire la presenza del Signore nella vita di ogni giorno. Con coerenza e fermezza riusciva a forgiare il carattere delle giovani per prepararle ad affrontare la vita con coraggio tenendo presente la dura battaglia per combattere il male. Fermo nell’indicare mete sempre più alte per raggiungere la vetta.
Da qui nasce l’amore di Marianna per la montagna. Responsabile nel preparare campeggi per le giovani, nel programmare escursioni per raggiungere la gioia di conquiste su percorsi impegnativi dove l’anima si avvicina a Dio. Sulla sua “Vespa” si recava a visitare luoghi di montagna valicando passi alpini fino alle Dolomiti per raggiungere i campeggi delle giovani.
Dal 1938 lavorò come operaia nella Breda Meccanica di Brescia. In questo stabilimento inizia il suo impegno sindacale FIM-CISL, compito che ha mantenuto per circa trent’anni divenendo anche membro del Direttorio Provinciale di tale Sindacato. La Fede l’ha sempre sorretta nell’impegno nelle Istituzioni come Consigliere Comunale, nel Sindacato come delegata di fabbrica. Marianna trae forza e coraggio per affrontare le scelte della sua vita nello stile dell’Azione Cattolica, partecipando alla Messa quotidiana dove per accostarsi alla S. Comunione doveva avere la dispensa del Vescovo. Negli anni ’50 partecipa alla filodrammatica delle giovani che contribuivano alle recite di commedie e storie avvincenti per animare la comunità.

Marianna è stata una figura di spicco in Parrocchia di S. Maria Assunta come catechista, responsabile ed animatrice dell giovani di A.C. Per il suo impegno sociale e la sua esperienza fu di grande aiuto nelle adunanze delle donne nel confrontarsi, discutere su argomenti sociali e politici e sull’impegno dei cristiani nella società. Responsabile della “S. Vincenzo”, Istituzione che aveva come impegno di individuare e aiutare le famiglie più povere e in difficoltà. Servizio svolto con tanta discrezione e grande considerazione per le ingiustizie sociali. Si prodigò per creare quella rete di solidarietà che era propria dell’Associazione.
Marianna non fu esente dalla sofferenza; il Signore l’ha provò nella malattia; con coraggio accettò la sua volontà, nel silenzio più assoluto. Solo in chi poneva fiducia diceva: “Piuttosto che a una mamma, il Signore ha giudicato bene”. Le stette vicino Mons. angelo Porta (parroco di Gussago) spronandola perchè ritrovasse la forza di non arrendersi, ricordandole: “E’ nella sofferenza che il Signore ci rende forti”.
Ha continuato inesorabilmente questo suo impegno oltre i sessant’anni. Sempre presente agli incontri di “Itinerario di Fede”.
Il 2 giugno 1983 venne nominata Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana per il suo impegno a favore degli altri, in fabbrica e nella comunità. Nella cerimonia di consegna Marianna ringraziava affermando: “Io devo tutto all’azione Cattolica”.

Nel 1989 l’ultimo suo intervento all’Assemblea Parrocchiale di A.C. disse ai giovani: “Scoprite quale progetto Dio ha su ognuno di voi perchè o si sceglie o si subisce. Non siate rimorchi che si fanno trascinare, ma locomotive che trascinano”. E ai meno giovani: “Siate persone di speranza, la nostra vita di fede incoraggi anche i lontani, la strada della Chiesa è la strada dell’uomo. Ai laici di Azione Cattolica, compete manifestare il loro essere cristiani vivendo fedelmente la condizione di vita che li caratterizza, in famiglia, a scuola, sul lavoro, nel divertimento, nella sofferenza: sono i segni dei tempi, meglio è la sfida dei tempi che chiede un impegno totale. Coraggio il Signore è con noi”.
Marianna ha sperimentato anche l’angoscia della solitudine a causa di persone quasi indifferenti e poco riconoscenti.
La sua ultima presenza è stata il 26 gennaio 1991 per l’inaugurazione della “Mostra su Pier Giorgio Frassati”, ... l’uomo delle otto beatitudini, fu Lei a tagliare il nastro di inaugurazione.

Marianna ha lasciato la vita terrena il 25 agosto 1991. Con gratitudine ricordiamo il suo spirito sempre giovane che ha caratterizzato il suo stile di vita. Forte è il ricordo che abbiamo di Lei >>.
(Azione Cattolica – Parrocchia di S. Maria Assunta in Gussago. 8 Dicembre 2007 – Festa dell’Adesione. “Senza memoria non c’è futuro” pieghevole predisposto per la cerimonia)


Maria Domenica "Marietta" (1923) e Brigida (1913), sorelle di Marianna (1919) Piardi

In questa pagina dedicata a MARIANNA proponiamo, altresì, un breve riferimento alla sorella MARIETTA e alcuni cenni fotografici d’epoca che ritraggono le sorelle stesse, tra cui:
Maria Domenica "Marietta" (1923 - 2009) e Brigida (1913 - 1994).

Maria “Marietta” Piardi ved. Marini (Gussago, 1923). † a Brescia il 13 Luglio 2009.
Figlia di Achille Domenico (1880), dei detti Catanì di Gussago originari di Pezzaze, e Angela Camilla Ghedi.
[Il 15 Luglio, durante la solenne celebrazione liturgica esequiale, il Prevosto di Gussago “S. Maria Assunta”, Don Adriano Dabellani, commentando le parole del Vangelo in cui si espone il differente, quasi contrastante, comportamento delle sorelle Marta e Maria ha definito la vita della nostra “Marietta”: <<... contemplativa nell’azione e attiva nella contemplazione ...>>. Moltissime le persone della gussaghese contrada di Navezze, dell’intera Gussago e da fuori si sono viste succedersi nel compiere la visita alla defunta; molte presenti al solenne funerale. I più che l’hanno conosciuta qui nel suo spiccato dire, agire e fattivo operare l’hanno anche già preceduta nell’altra vita. La riconoscenza umana per Marietta, anche se solamente simbolica data, anche, la stagione estiva, è stata copiosamente ed unanimemente espressa; le letture liturgiche dell’esequiale eucaristia sono state proclamate dai suoi attenti contradaioli:
Adriana Gozio, nata e cresciuta nel cortile di casa degli antichi Piardi, Natalina Svanera maritata Zanotti “Mosca”, da decenni accorta dirimpettaia e Achille, nipote, figlio del defunto fratello Francesco.
Molti dei presenti ci hanno testimoniato l’operosità nell’assistenza sanitaria ai malati di tutte le famiglie della Contrada compiuta da Marietta, sin dalla fine degli anni Quaranta, ... con la scusa che era e fu infermiera all’Ospedale dei Bambini “Ronchettini” di Brescia e che per questo era ... la sola a poter disporre di una siringa, all’epoca di vetro, per le iniezioni intramuscolari.
Dopo quasi 18 anni di malattia e sofferenze, serenamente sopportate, è partita l’ultima dei più antichi Piardi gussaghesi]. (Testimonianza di Achille Giovanni Piardi).


BRIGIDA in giovane età ed il marito Emilio Peroni, a Gussago;


MARIETTA e compagne, il 20 febbraio dell’anno 1945, a Gussago;


MARIANNA e MARIETTA, al Monte Maniva in Val Trompia, il mese d’agosto dell’anno 1952;


MARIANNA e MARIETTA con stelle alpine e MARIETTA, sola, in divisa da montagna.

Vedi altre foto delle sorelle Piardi, figlie di Achille Domenico (1880),
in Volume 3 Costumi ai sottoindicati momenti:
- Le sorelle: Marianna, Marietta coi figli, e Giulia Piardi - Gussago; anni '60
- Marianna Piardi (Gussago, 1919), anni '50, a Vezza d'Oglio/Val Camonica
- Marietta Piardi (1923) da Gussago, in escursione sui monti di Vilminore di Scalve, anni '50.
- Marianna e Marietta Piardi da Gussago, in gita con le ragazze del FARI, inizi anni '50.
- Marianna Piardi (Gussago, 1919), si disseta di ritorno dal Monte ARIO, 8.8.1952; gli versa l'acqua la maestra Teresa Angeli da Piedeldosso.
- Matrimonio di Marietta Piardi con Ottorino Marini. Gussago, 1956; a sx, Giuseppe Piardi (1906) accompagna la sorella, oggi "sposa".
- Roma, anni ''70. Donne di Gussago (Bs). Da dx, Marianna e Brigida con loro (da sx): Marì Zanotti e Angela Ungaro.
- Sorelle "Marietta" Maria Domenica e Marianna. Roma, 1950. (foto Don Giovanni Fogazzi).

Vedi anche: Angela Giulia Piardi (1910).

Marietta Piardi (1923), sorella di Marianna, con la cugina Libera Botti ed altre amiche sulla Marmolada, fine anni Quaranta
Marietta Piardi (1923), sorella di Marianna, 
con la cugina Libera Botti ed altre amiche sulla Marmolada, fine anni Quaranta

Marietta Piardi (1923), anno 1955, quinta in cordata sulla Marmolada con scalatori gussaghesi (Luigi Codenotti, Scout; Libera Botti; Gian Vincenzo Cerlini, Scout;  Luigi Baresi, Scout; Marietta Piardi; Pierluigi Cavagnola, Scout)
Marietta Piardi (1923), anno 1955, quinta in cordata sulla Marmolada con scalatori gussaghesi (Luigi Codenotti, Scout; Libera Botti; Gian Vincenzo Cerlini, Scout;  Luigi Baresi, Scout; Marietta Piardi; Pierluigi Cavagnola, Scout)


12 Maggio 2007, Gussago (Brescia).
Inaugurazione ed intitolazione della Sede di “La Margherita” a MARIANNA PIARDI
 
Il Circolo di Gussago del partito “La Margherita”, Sabato 12 Maggio 2007, apre la nuova sede in Piazza San Lorenzo intitolandola a “MARIANNA PIARDI”, Cavaliere al merito della Repubblica Italiana, unica donna della comunità gussaghese ad esserne insignita.

<< Chì è Marianna Piardi. Nasce a Gussago il 22 febbraio 1919. Da giovanissima entra nell’Azione Cattolica. In Associazione forma la sua sensibilità religiosa ma anche sociale e politica. Rimarrà impegnata come responsabile parrocchiale e ancor più come educatrice delle giovani e giovanissime fino agli ultimi anni della sua vita. Nel 1938 entra come operaia alla “Breda Meccanica”, coerente alla formazione ricevuta, si impegna da subito nel mondo del lavoro e dal 1946 al 1974 è sindacalista nella FIM - CISL e dal 1960 al 1970 è anche componente del Direttivo Provinciale della organizzazione sindacale. Il suo impegno è stato ad ampio raggio, sempre volto al servizio per il bene comune, con la massima attenzione verso il “prossimo” che quotidianamente incontrava, coerentemente allo spirito evangelico che ha saputo testimoniare. Marianna è stata impegnata nel sociale, attraverso le ACLI, nel politico, militando nella Democrazia Cristiana, nel civile ed istituzionale come Consigliere Comunale. Il 25 agosto 1991, dopo una intensa vita profusa per tutti quanti hanno avuto la grazia di incontrarla, faceva ritorno alla “Casa del Padre” >>.

Sabato 12 Maggio 2007 all’inaugurazione - intitolazione della Sede sono presenti in Gussago: l’On. Emilio Del Bono, Parlamentare de “L’ULIVO”; Guido Galperti, Consigliere Regionale–Portavoce Regionale “D.L. – La Margherita”; Gianantonio Girelli, Portavoce provinciale “D.L. – La Margherita”; Antonella Montini, Vice Presidente del Consiglio Provinciale – Amministrazione Provinciale di Brescia; i responsabili della Segreteria di Gussago.
(Dal manifesto “La Margherita -On Line News”. Circolo di Gussago, Maggio 2007; pubblicato il 12 maggio)

Marianna Piardi (1919 - 1991), figlia di Achille Domenico.
<< Cosa ci ha lasciato Marianna. Il suo intervento del 26 febbraio 1989, all’assemblea parrocchiale di Azione Cattolica, lo possiamo considerare come il suo “Testamento Spirituale” lasciato ad ognuno di noi.
“ ... l’Azione Cattolica forma delle persone complete, aiuta, sostiene. Dà una formazione religiosa – politica – sociale ...
Preparazione sociale: ricordo al sindacato, che era stato distribuito un questionario, una delle domande era – chi ti ha spinto a interessarti al sindacato? – io avevo scritto – l’Azione Cattolica – mi fecero notare – Che c’entra? – aggiunsi – c’entra e come, perchè è una scelta di vita. ...
Formazione caritativa: la parabola del “Buon Samaritano” è sempre valida e dove c’è bisogno non lascia tranquilli, stimola, spinge ad agire perchè è l’idea che genera l’azione ...
Preparazione politica: anche questo è un impegno che non possiamo tralasciare o delegare ad altri. Ognuno ha il dovere di contribuire a formare un mondo migliore, una società a misura d’uomo, cioè fare una politica da cristiani e Dio sa quanto c’è bisogno ... Finita la guerra ... grazie al cielo e agli italiani prevalse il sistema democratico che salvò l libertà, che forse apprezziamo poco perchè ci siamo immersi ... in fabbrica, nel sindacato avevo idee da portare con sicurezza e questo lo devo all’Azione Cattolica ...
Avere il culto della verità: possederla con chiarezza, se si è incerti, insicuri, contraddittori non si può costruire, per essere illuminati e convincenti bisogna avere una fede illuminata e convinta ...
Avere l’ansia della santità: l’Azione Cattolica deve puntare decisamente alla santità. Ogni impegno anche sociale e caritativo non deve far dimenticare che l’essenziale nel Cristianesimo è la Redenzione cioè che Cristo sia conosciuto – amato – seguito ...”. >>.
(Dal manifesto “La Margherita On Line News”. Circolo di Gussago, Maggio 2007; pubblicato il 12 maggio)


Il Circolo del Partito Democratico di Gussago, ha una nuova casa. Si trova in Via Chiesa 1.
Verrà inaugurata GIOVEDI' 30 GIUGNO 2011 alle ore 20,30.
Nello stesso momento, il Circolo verrà intitolato a "Marianna Piardi" grande donna gussaghese, Partigiana, Cavaliere del Lavoro, impegnata nel sociale come Sindacalista e animatrice dell'Azione Cattolica.


Gussao, giugno 1930, classe V elementare, tra gli scolari anche MARIANNA PIARDI (Gussago, 1919). Foto     di gruppo del giugno 1930. Per g.c. di R. Faroni, da "Il Giornale di Gussago Calcio"- Foto ricordo di fine anno 1929-    30; MARIANNA è la seconda da destra nella fila di mezzo
Gussao, giugno 1930, classe V elementare, tra gli scolari anche MARIANNA PIARDI (Gussago, 1919). 
Foto di gruppo del giugno 1930. Per g.c. di R. Faroni, da "Il Giornale di Gussago Calcio"
Foto ricordo di fine anno 1929-30; MARIANNA è la seconda da destra nella fila di mezzo.

 

 

top