home page

 

> Home
> News
> Ricorrenze
> Comitato
> Incontri
> Personaggi
> Foglio notizie
> Opera
   - volume I
   - volume II
   - volume III
> Dicono di noi
> Solidarietà
> Luoghi
   - Pezzaze
   - Pomponesco
   - Viadana
   - Dosolo
   - Gussago
   - Portiolo
   - Pezzoro
   - Franciacorta
   - Lavone
   - BRASIL

> Links
> Archivio

espanol Español
english English
portugues Português
brasileiro Brasileiro

Gruppo Piardi su Facebook


Questo sito nasce da un'idea di Achille Piardi, il quale dopo anni di ricerche e dopo aver redatto una prima versione della biografia sulla Famiglia Piardi è alla costante ricerca di nuove informazioni... se anche tu sei un Piardi... continua a navigare tra queste pagine!!!


powered by digionet

The Piardi's have a new internet site !

Internet has opened the way to new methods of "evangelizing" and of helping the less fortunate. The Piardi's, always ready to find "new pulpits" to spread the "good news" in the most effective way, have created their own Internet site, which is worth visiting.

With their communication "portal," the Piardi's have the desire to guide the web surfers - all Piardi's, their descendents and others around the world - to learn about the Piardi-World.

This world inspires both editorial (books, magazine) and social activities (charity projects: "Piardi for HARDEMAN" - classrooms and didactic subsidies at the Father Remo Prandini boarding-school / Viotti - Santa Cruz de la Sierra in Bolivia; Khulna Mission's Infirmary and Hospital, Saveriani Missionaries in Bangladesh) all performed around the world in the Piardi's name.


Mondaro di Pezzaze, 1920

To visit the Internet site you may click on www.piardi.org and discover a world full of interesting things and new realities. Soon, you will find it translated in many other languages; right now it is only available in Italian and English. To do this, we ask for your help...

From the villages of Pezzaze and Gussago (Italy), we routinely keep in touch with our readers and associates from the redaction of "The Piardi News Letter," where we answer letters, now even via e-mail (E-mail address: info@piardi.org).

It is through events and communication tools that the Piardi's - "Piardi around the world" - communicate with hundreds of families, express the quest for relationships based on human solidarity and, in particular, address the ancient history of the Piardi's family, which carries this last name since the beginning of the 15th century.

BRESCIA, THE DAYS OF RISORGIMENTO

On the Cidneo hill that overlooks Brescia, stands a castle, a mighty sixteenth century fortification, with some earlier sections, similar to many others; but to the fathers of the Risorgimento it had become the "Hawk of Italy",monument to X days in Loggia square, Brescia - Italy because, like a bird of prey, it hovers over the city - in turn called the "Lioness of Italy" - in its defence.
We are in the middle of the nineteenth century epos: Brescia revolted against the Austrians, first in March 1848, as the people of Milan had in the Five Days Revolt.
The partisans gathered all the town in Piazza della Loggia, called the Civil Guard and the rebellion broke out. On the 22nd of that month the city was liberated - but not for long. The Piedmontese defeat at Custoza (July 23 - 25) allowed the Austrians to get back in.
Carlo Alberto resumed hostilities on March 12th 1849 and on March 22nd the Brescians were up is arms once again. The Austrian garrison troops withdrew into the castle and waited for reinforcements, which arrived from the strongholds of Mantua, Padua, and Verona, totalling a contingent of four thousand men.

Generals with a great deal of experience were in command: Nugent, Leshk, Haynau.
On the other side were the mayor, Sangervasio, Contratto, Cassola, and the heroic Tito Speri, twenty-four years old, who had already fought in Milan and - in the regular army - at Governolo. Speri later took part in the Mazzinian conspiracy of Mantua and was hung in Mantua in '53.
From the castle, the Austrian artillery bombed without respite, while Speri and the curate of Serle, don Pietro Boifava, who had come down from the Ronchi with his mountaineers, stood up to Nugent's troops at Sant'EufeA coach used by Giuseppe Garibaldi in Brescia's Civic Museum of the Risorgimentomia.
On the night of March 30th, General Haynau was able to enter the castle from the Soccorso street, the same one used by the French troops of Gaston de Foix and Jacques de la Lude in 1512.
When the garrison of the Serenissima surrendered, horrendous pillage ensued. Haynau avenged the 10 days of heroic Bresciani resistance.
On the morning of March 31st the general forced an unconditional surrender with the threat of plunder. The citizens resisted, house by house, in a succession of courageous episodes at Porta Bruciata, Porta Venezia, and San Barnaba. Soldiers set everything on fire.
On the morning of April 1st, to avoid extreme ruin, the municipal government sent Father Maurizio Malvestiti to negotiate the conditions for surrender.
Thesack and killings continued, however, until late into the night, followed by shootings by a firing squad. Haynau was called "la jena di Brescia".

S.Barnaba

The repression was in fact ruthless. The "10 days of Brescia" are remembered by a monument, the work of G.B.Lombardi (1864) at Porta Bruciata. In the same castle, in the wing of the Great Millet (so named because it was a grain shelter during the years of the Serenissima), is the Civic Museum of the Risorgimento and the objects displayed there tell the story of that epoch.
After the surrender, the curate Don Antonio Piardi hides the "General" Don Pietro Boifava in Pezzaze.
Giovanni Battista Piardi - patriot since 1832 - prisoner at Spielberg in Moravia fought in the "10 days of Brescia".

The Virgin of the Correggioli.
See more infos about Madonna dei Correggioli (devotions) here.

Italian nature and culture in province Brescia
On the miners' train in the Pezzaze tunnels; lands of Piardi.
A journey in Val Trompia to discover ancient villages that grew up around ironwork. Visit the Marzoli tunnels, the water canals and the Forno Fusorio.
The old miners' train in the Pezzaze tunnels, (lands of Piardi). The "Forno Fusorio" museum in Tavernole. The "Sentiero dei Carbonai" in Val Cavallina land of Pezzaze and the mills in Sarezzo. These are some of the isthoric attractions that the S.P.345 (of the "Tre Valli") to the north of Brescia suggest to visitor interested in knowing the ancient techniques for the extraction and work of metal amongst the mountains of Val Trompia. Exceeded the low Valtrompia it is arrived in Sarezzo where visits the “I Magli” museum with interesting canals, hidraulic wheels and blowpipes for working with iron. In the Tavernole with the beautiful XV-century church of San Filastrio and the "Forno Fusorio" museum. To the Forno Fusorio, since from XV century, the Piardi carried the mineral extracted from the mines of mountains of Pezzaze, after to have endured one before superficial baking.

The Marzoli mine. The ancient mining town of Pezzaze can be reached by taking a final detour from the SP 345: here you will see the "Sentiero dei Carbonai" and the "Marzoli"  mine (ancient mine named "STESE", 1886, from the name of the place where from of 5 centuries they live Piardi) with its charming miners' town, kept in operation for tourist. A final mine, that of Sant'Aloisio, suggests mining trekking routes in Collio.


Piazzale miniera STESE, anni '60 del sec. XX.
(foto da Enciclopedia Bresciana, a cura di A. Fappani. Vol. XVIII. Ediz. La Voce del popolo)

Natura e cultura italiana in provincia di Brescia
Sul treno dei minatori a Pezzaze di Val Trompia, terre dei Piardi.
Itinerario in Val Trompia alla scoperta di antichi borghi cresciuti attorno alla lavorazione del ferro. Si visitano le gallerie MARZOLI, i canali d’acqua e il Forno Fusorio.
Il vecchio trenino dei minatori nelle gallerie di Pezzaze. Il Museo “Forno Fusorio” di Tavernole. Il “Sentiero dei Carbonai” e i mulini di Sarezzo. Sono alcuni fra i molti richiami storici che a nord della città di Brescia la S.P. 345 suggerisce ai visitatori interessati a conoscere le antiche tecniche per l’estrazione e la lavorazione dei metalli fra le montagne della Val Trompia. Superata la bassa Val Trompia si giunge a Sarezzo ove si visita il Museo dei Magli di Sarezzo con interessanti canali, ruote idrauliche e soffiere per la lavorazione del ferro. In Tavernole si conserva la meravigliosa chiesa dedicata a San Filastrio assieme al Museo “Forno Fusorio”. Al Forno Fusorio, sin dal secolo XV, i Piardi di Pezzaze e di val Trompia portarono il minerale estratto dalle miniere tolto dalle viscere delle montagne di Pezzaze, dopo che lo stesso aveva subito una prima superficiale cottura. L’antico centro minerario di Pezzaze si raggiunge effettuando una nuova deviazione dalla S.P. 345. Nei pressi di Pezzaze, all’inizio della Val Cavallina parte il “Sentiero dei Carbonai” che ripercorre le attività legate alla produzione del carbone di legna necessario ad alimentare i vari forni di prima e seconda cottura del minerale estratto; I Piardi, sino alla fine del Ottocento – inizi del Novecento, conservano molti Aiali: appositi luoghi ove conservare il carbone vegetale pronto per i forni. Nella zona, superata la contrada di Pezzazole, poco prima di entrare in Stravignino di Pezzaze sorge la miniera “Marzoli” (antica miniera denominata STESE del 1886, dal nome del luogo ove sin dal secolo XV vivono le famiglie Piardi) che propone il suggestivo trenino dei minatori, rimesso in uso per i turisti che vengono accompagnati nelle gallerie con l’indispensabile attrezzatura di casco ed impermeabile. Un’ultima miniera, quella di Sant’Aloisio, suggerisce percorsi di trekking minerario a Collio, ultima tappa dell’itinerario storico e naturalistico della Val Trompia.


La chiesa e complesso di S. Filastrio in Tavernole.
(foto Alabisio, da Enciclopedia Bresciana, a cura di A. Fappani. Vol. XVIII. Ediz. La Voce del popolo)

 

STESE o Steze località di PEZZAZE. La galleria o Miniera STESE (ora Marzoli).

Stese è la località tra Pezzazole e Stravignino di Pezzaze, citata come “Contrata de Steze” in un atto di Domenico Richiedei di Lavone, rogato il 18 dicembre 1695 e citato in un testamento nell’Archivio Comunale di Pezzaze, Congregazione di Carità. Stese è anche la denominazione di una galleria nell’omonima località in comune di Pezzaze.


Forno Fusorio (prima dei recenti restauri) in Tavernole di Valtrompia.
(foto da Enciclopedia Bresciana, a cura di A. Fappani. Vol. XVIII. Ediz. La Voce del popolo)

Galleria STESE o “Cantiere Stese” aperta nel 1886 dalla Società TERNI quando essa acquisì tutte le concessioni minerarie valtrumpline più significative e tra esse le miniere “Regina Zoie” (nel cui ambito si aprirà la galleria di Stese) e “Bandera”, entrambe in territorio di Pezzaze. Su queste concessioni si aprivano molte piccole miniere che seguendo i filoni di minerale ferroso si immergevano all’interno del Colle di Avano (terra precipua dei Piardi) con pendenze elevate. Al loro interno le acque si raccoglievano e defluivano creando ostacoli alla coltivazione della vena e pericoli sempre incombenti. Per risolvere il secolare problema delle acque, sulla scorta anche di un’idea di Giuseppe Ragazzoni che era stato il precedente concessionario la TERNI si accinse nei primi mesi del 1886 a scavare alla quota di metri 612 s.l.m. la galleria di STESE con funzione di galleria di “ribasso” o “scavezzo”, L’intenzione era anche quella di intercettare i banchi mineralizzati delle due concessioni Regina e Bandera per poterli attaccare dal basso, ma poiché ciò non avvenne lo scavo venne interrotto nell’aprile 1889 dopo circa 488 metri di lunghezza. A quel punto l’armamento della galleria (binario, decauville, carrelli, ecc.) venne trasferito alla Regina dove si iniziarono i lavori di coltivazione della vena metallifera. La galleria di Stese fu la prima in Valtrompia scavata anche con l’ausilio di mezzi meccanici come le perforatrici a vapore e dotata di mezzi ausiliari di aereazione. Per fa ciò la Terni costruì officine meccaniche e da fabbro. Vennero posate delle vere rotaiette (decauville) invece dei semplici piatti di acciaio che si usavano allora. Molti anni più tardi, in pieno periodo autarchico la Terni cedette le sue concessioni in Valtrompia e a partire dal 1937 la Società Marzoli di Palazzolo. che subentrò, riprese i lavori a Stese iniziando l’estrazione della siderite. Negli anni successivi si estrasse anche fluorite, finché nel 1972 l’attività cessò e la miniera venne chiusa. Nel dicembre del 1999 è stato inaugurato il primo percorso turistico museale di circa 1400 metri negli ex cantieri della galleria STESE, con la simulazione fonica e visiva della progressione della “volata”, cioè dello scoppio delle cariche esplosive. Il percorso rientra nell’ambito del progetto del Parco Minerario dell’Alta Valtrompia, che prevede iniziative di rivalutazione delle tradizioni e della cultura mineraria della Valle. (...). (...). Il nome “Miniera MARZOLI” è stato dato, recentemente, all’attuale complesso che il Parco Minerario ha reso visitabile, come atto di grato riconoscimento alla Soc. Marzoli per aver acconsentito alla vendita degli edifici esistenti nel piazzale che erano ancora di sua proprietà.
(Voci: Stese e Stese - galleria, volume XVIII, dell’Enciclopedia Bresciana, a cura di Antonio Fappani. Ediz. La Voce del popolo. Brescia).

Cesare Enrico Piardi, presidente dei PIARDI NEL MONDO, già minatore alla Galleria delle Stese nel tempo dell’adolescenza, amministratore comunale e grande fautore dell’apertura della miniera, sin dall’apertura del percorso minerario è una delle “Guide” preposte alla conduzione dei visitatori entro la STESE.

Vedi, per approfondimenti:
- PEZZAZE. Itinerario in Valtrompia verso il Colle di San Zeno (Rifugio Piardi) e ... I Piardi, passando per: Pezzazole, La Stese “Marzoli” alle Stese, Stravignino, Avano e il Colle di Avano

-  Minatori valtrumplini nel tipico modo di vestire degli anni d’inizio secolo XX:
- Minatori di Marmentino (Val Trompia - Brescia) in giornata di festa ad Eigergletscher (Jungfrau) il 28.7.1911.
- Minatori di Marmentino (Val Trompia - Brescia) pronti a partire per il nuovo cantiere del traforo del Sempione; primi anni del Novecento.
"Lingere", espressione gergale, ovvero Minatori valtrumplini (Brescia) che lasciano il paese per la vita in miniera. (Il Gruppo vocale e strumentale “Famiglia Bregoli” di Pezzaze è l’autentico interprete delle tradizioni e delle sofferenze dei minatori valtrumplini).


-  Cesarino Piardi (Pezzaze, 1936), primo a sinistra, figlio di Giovanni "Nene" dei detti Quarantì, degli antichi Bone de Sante; ragazzo in miniera alla “Stese"


Poiàt (carbonaia)
Antico metodo per la produzione di carbone vegetale, a base di legne, al fine di poter alimentare i forni di cottura del minerale ricavato nelle miniere bresciane di Pezzaze, quanto in quelle bergamasche della Val di Scalve ed ancora delle montagne bresciane della sponda ovest del Lago di Garda, come a Tignale. Si tratta di un antico procedimento col quale si trasformava la legna in carbone mediante una lenta e parziale combustione dentro il poiàt. Una catasta di legna, fino anche a 100 quintali, ricoperta di terra e munita, alla base di piccoli sfiatatoi usati per accendere il fuoco all'interno della catasta, poi chiusi per far proseguire la combustione in assenza di aria. Una volta terminata la combustione, anche a distanza di giorni, il poiàt veniva aperto procedendo alla raccolta del carbone.
La sede od il sito del Poiàt e il luogo della successiva, temporanea, conservazione del carbone prodotto, si dice "ial" (aiale) in Valtrompia e "gial" in Val di Scalve. I Piardi di Pezzaze, sino alla fine del Ottocento – inizi del Novecento, conservano molti Aiali: appositi luoghi ove conservare il carbone vegetale pronto per i forni (aventi valore economico commerciale, essendo anche beni immobili successibili); come testimonia la storia di Andrea Piardi del 1799, morto l'anno 1854, e dei suoi otto figli il più grande dei quali non ha ancora 10 anni alla morte del genitore). Pezzaze ha tra le sue numerose frazioni anche quella denominata Aiale.
(foto. Il Poiàt. http://www.scalve.it/museoschi/16CARBONAI.htm).

Poiàt

Poiàt (coal cellar)

Ancient method for the production of coal, made up of woods, to the aim of being able to feed the furnaces of baking of the mineral gained in the mines of Pezzaze (Brescia), of Val di Scalve (Bergamo) and of the mountains of the side the west of the Garda lake, like to Tignale.
It is an ancient process with which the wood was transformed in coal by means of one slow and partial combustion inside the “poiat”. One stack of wood, until also 100 quintals, covered of earth and with at the base small vents used to turn on the fire to the inside of the stack, then closed to continue burning in the absence of air. After combustion the poiat was open and proceeded to collect coal.
The seat of “poiat” and the place of the next temporary storage of the produced coal is said “ial” in Valtrompia and “gial” in Val di Scalve.
Piardi of Pezzaze, until to the end of the 1800’s beginnings of the 1900’s, retain many of “Aiali”: places where to conserve the coal ready for the furnaces (with economic value commercial and considered immovable property); as he testifies the history of Andrea Piardi of 1799, died year 1854, and his 8 children, the largest of which has not yet 10 years before the death of his father.
Pezzaze has numerous fractions of which one called Aiale.


 

top