I Piardi

 

> Home
> News
> Ricorrenze
> Comitato
> Incontri
> Personaggi
> Foglio notizie
> Opera
   - volume I
   - volume II
   - volume III
> Dicono di noi
> Solidarietà
> Luoghi
   - Pezzaze
   - Pomponesco
   - Viadana
   - Dosolo
   - Gussago
   - Portiolo
   - Pezzoro
   - Franciacorta
   - Lavone
   - BRASIL

> Links
> Archivio

espanol Español
english English
portugues Português
brasileiro Brasileiro

Gruppo Piardi su Facebook


Questo sito nasce da un'idea di Achille Piardi, il quale dopo anni di ricerche e dopo aver redatto una prima versione della biografia sulla Famiglia Piardi è alla costante ricerca di nuove informazioni... se anche tu sei un Piardi... continua a navigare tra queste pagine!!!


powered by digionet

Don Pietro Boifava

INDICE DEI PERSONAGGI


Vorresti vedere tratteggiata in 'Personaggi' la figura di un Piardi? CLICCA QUI

Don Pietro Boifava
Un eroe delle X Giornate di Brescia.

Don Pietro Boifava, nativo e Curato di Serle – un colosso nero e peloso, con uno schioppo ad armacollo ed alla cintura due pistole e una spada – nell’insurrezione bresciana del marzo 1949 aveva posto quartiere generale dei suoi montanari armati ai Medaglioni sui Ronchi di Brescia.
Nella prima sortita che Tito Speri fece dalla barricata di Torrelunga il 27 marzo, Don Pietro piombò con i suoi sul borgo di S. Eufemia scendendo dai colli mentre Tito Speri avanzava da Brescia.
Boifava Don Pietro Quella sortita ebbe un esito felice; gli Austriaci vennero sconfitti e dispersi. ma, nonostante l’ardimento e la tenacia degli insorti, l’operazione delle X Giornate terminò in tragedia. I patrioti che vollero e poterono salvarsi dalla forca dovettero cercare scampo all’estero.
Don Pietro Boifava riparò in Svizzera. Il suo cammino fu quello di esperto montanaro. valicò i cucuzzoli dei monti che dividono la Valtrompia dalla Valsabbia.
Una sera buia, stanco e sfinito, si presentò all’Arciprete di Pezzaze a domandare alloggio per quella notte. Fu accolto con tutte le premure. Al mattino di buonora celebrò la Santa Messa e si rimise in viaggio sull’asprezza dei monti. Sul registro delle Messe egli lasciò un ricordo: “Qui celebrò la S. Messa Don Pietro Boifava mentre cercava scampo nella Svizzera”. E’ un prezioso documento.
Don Pietro Boifava dovette passare dieci anni in esilio nella generosa Svizzera. ma dopo il 1859 ritornò libero alla diletta Serle (Brescia) e dal suo nido d’aquila potè salutare con esultanza l’Italia unità nel fatidico anno 1861.
Il Carducci coronò d’immortalità le X Giornate di Brescia con tre dei suoi versi di metrica barbara: Brescia la forte, Brescia la ferrea; Brescia Leonessa d’Italia.
(D. Angelo Galotti in “Botticino nei secoli”- Edizione Tip. Squassina. Brescia, anno 1962).

[L’Arciprete di Pezzaze cui si presentò Don Boifava e dal quale fu amorevolmente accolto è Don Antonio PIARDI (Pezzaze, 1801 - Abbazia di S. Nicola in Rodengo - Franciacorta, 1880)].

LEGGI QUI l'articolo del GIORNALE DI BRESCIA del 12 luglio 2003 a riguardo.

top