I Piardi

 

> Home
> News
> Ricorrenze
> Comitato
> Incontri
> Personaggi
> Foglio notizie
> Opera
   - volume I
   - volume II
   - volume III
> Dicono di noi
> Solidarietà
> Luoghi
   - Pezzaze
   - Pomponesco
   - Viadana
   - Dosolo
   - Gussago
   - Portiolo
   - Pezzoro
   - Franciacorta
   - Lavone
   - BRASIL

> Links
> Archivio

espanol Español
english English
portugues Português
brasileiro Brasileiro

Gruppo Piardi su Facebook


Questo sito nasce da un'idea di Achille Piardi, il quale dopo anni di ricerche e dopo aver redatto una prima versione della biografia sulla Famiglia Piardi è alla costante ricerca di nuove informazioni... se anche tu sei un Piardi... continua a navigare tra queste pagine!!!


powered by digionet

Paolo Piardi e figlio Dario

INDICE DEI PERSONAGGI


Vorresti vedere tratteggiata in 'Personaggi' la figura di un Piardi? CLICCA QUI

Ing. Paolo Piardi (Sabbioneta, 1927) e figlio Dario.

L’ing. Paolo Piardi appartiene ai PIARDI mantovani di POMPONESCO. La genealogia dei Piardi nativi del Viadanese mantovano è lo studio compiuto dalla Dott.ssa Isabella Piardi (1926) da Sabbioneta, operato sui testi parrocchiali di Pomponesco. Qui ne proponiamo l’inizio, riprendendola solo a partire da Angelo (del 1883, padre dell’ing. Paolo), traendola dal testo concessoci dall’Ing. Paolo Piardi (1927), da Milano, fratello della farmacista Isabella. Isabella ha esercitato anche a Pomponesco; proprio durante questo periodo compie lo studio relativo all’albero genealogico del casato Piardi rilevando personalmente, dal Cinquecento, i dati dall’archivio parrocchiale della località posta sulla riva sinistra del Po.
All’inizio del Cinquecento Pomponesco è sotto il dominio del ramo cadetto dei Gonzaga. Infatti, << ... a partire dalla morte del marchese Ludovico II Gonzaga, avvenuta nel 1478, Pomponesco diventa, come le altre terre di oltre Oglio, appannaggio dei Gonzaga cadetti di Gazzuolo e Bozzolo, entrando a far parte di un "condominio signorile marchionale". Nel 1555, alla morte di Carlo II Gonzaga che reggeva Bozzolo, San Martino Dell'Argine e Marcaria, Pomponesco è assegnata al suo ultimogenito, il marchese Giulio Cesare Gonzaga. L'arrivo nel 1579 del marchese permette a Pomponesco un innegabile salto di qualità. Nato nel 1552, educato alle fastose corti di Mantova e Spagna, principe del Sacro Romano Impero, uomo del Rinascimento attento alle opere del più famoso cugino Vespasiano signore di Sabbioneta, ben deciso ad avere una sua corte che uguagliasse quella dei fratelli e dei cugini, Giulio Cesare Gonzaga vuole trasformare Pomponesco in una "città ideale". ... >>. (In: Cenni storici del Comune di Pomponesco. www.comune.pomponesco.mn.it)
<< “Dal libro Primo dei battesimi dello archivio parrocchiale della chiesa di Pomponesco”.
1549. Pomponesco (MN). “1549 Io Don Pietro di Jsachi baptizai uno figliolo a Iacomo del Piardo chiamato Stefano a di 3 de zennaro 1549”.
IACOMO DEL PIARDO (1520 ?)
IACOMO DEL PIARDO (1520), si sposa ed ha i seguenti figli:
Antonio che sposa Lucretia Maiocho ed ha figli
Stefano (1549)
Giuseppe (1551) che sposa Dorotea Cavalli ed ha figli
Zonà (Giov.) (1553)
Lodovico (1556)
Cecilia (1557)
Susanna (1561)
Susanna (1562)
Lodovico C. (1565) che sposa Antonia Rosa ed ha figli.
Giovan Angelo (?) che sposa Margarita ed ha figli
(...). (...).
(...).
ANGELO PIARDI (1883) sposa Anna Gozzoli ed ha: Isabella (1926); Dott. Ing. Paolo (1927); Rag. Gianandrea (1929); Cesira (1931) >>.
Dott. Ing. PAOLO PIARDI (1927) sposa Licia Pagliardi (1936) ed ha: Dott. Silvio (1965) Milano, che sposa Dott. Erica Rampoldi; Dott. Dario (1968) Milano.

PAOLO PIARDI: Sabbioneta (1927). Figlio di Angelo e Anna Gozzoli. Laureato in ingegneria, imprenditore, sposa Licia Pagliardi ed ha due figli: Silvio (1965) e Dario (1968) entrambi laureati ed imprenditori. Silvio sposa Erica Rampoldi.
Dall’ingegner Paolo riceviamo la seguente testimonianza: “(…) Invio l’albero genealogico della mia famiglia precisando: a) è veritiero perché ottenuto da mia sorella Isabella (1926) durante il suo soggiorno a Pomponesco quale farmacista supplente e ricavato personalmente dall’archivio parrocchiale; b) è strato tramandato verbalmente che Iacopo (Iacomo) del Piardo, o suo padre, fosse un ufficiale spagnolo che per meriti di servizio abbia ottenuto in dono larghi appezzamenti di terreno che comprendevano anche delle “piarde del fiume Po” da cui il nome “Del Piardo”; c) da padre in figlio si tramandavano i terreni conservando ed estendendo le loro proprietà. Tutte le diverse generazioni si sono sempre legate all’attività agricola; d) Luigi Piardi (1839) si è trasferito a Sabbioneta (Mantova) acquistando una casa in via Vespasiano Gonzaga, risalente al 1500, con facciata monumento nazionale; in Sabbioneta hanno vissuto tutte le generazioni e lì sono nato io assieme ai miei fratelli”. Paolo è valente aiuto del curatore nel corso della presente ricerca.
L’ingegnere Paolo è nato a Sabbioneta (Mn) il 24 luglio 1927 in Via Gonzaga, una casa di proprietà della famiglia Piardi da tre generazioni, costruita nel 1500 e considerata parzialmente monumento nazionale.
Ha frequentato il Ginnasio presso i Salesiani a Parma, poi il liceo classico a Cremona e l’università a Padova. Laureato in Ingegneria industriale elettronica si trasferisce a Milano. Qui svolge gran parte della sua attività lavorativa, intervallata da numerose permanenze all’estero.
Presso una multinazionale tedesca quale progettista, si occupa di apparati VHF, UHF ed a microonde.
Poi, passato ad attività commerciale, ha costituito una società di importazione di apparati scientifici ed industriali dedicandosi a questa attività per molti anni e fino a quando ha affiancato i prodotti importati con altri progettati e costruiti in proprio. Questi prodotti sono ormai presenti in tutte le parti del mondo.
Ormai settantenne distribuisce la sua permanenza in Milano, al mare ed in collina. E’ sposato con Licia Pagliardi – maestra. (Da una nota del medesimo Ing. Paolo Piardi. Milano 21 gennaio 2000).

DARIO PIARDI (1968), figlio dell’ing. Paolo.
Con DS Europe strumentazione di misura al servizio dell’industria.
[30/10/2001. Da:  http://www.ilb2b.it/node/1683. Aggiornato alle 18:35 di venerdì 25 giugno 2010].
1970. Milano. L’ing. Paolo Piardi, originario di Sabbioneta (Mantova), fonda una nuova azienda industriale.
[Con DS Europe strumentazione di misura al servizio dell’industria. (Milano, anno 2000).
Da trent’anni DS Europe progetta e vende strumentazione di misura e controllo per il mercato industriale italiano e dei principali paesi industrializzati. Il continuo investimento in ricerca ha prodotto una vastissima gamma di strumentazione per misurare: forze, pesi, pressioni, spostamenti lineari, livelli di liquidi, angoli ed accelerazioni. Nel corso degli anni, l’azienda si è affermata come affidabile e solido interlocutore in grado di soddisfare le principali esigenze dei progettisti industriali. Anche da un’iniziale esperienza di importazione e commercializzazione di strumenti per l’industria possono nascere realtà produttive di elevato livello qualitativo e di respiro internazionale. È il caso di DS Europe, azienda italiana fondata nel 1970 dall’ingegner Paolo Piardi e ora affermata nella produzione di strumentazione di misura e controllo per il mercato industriale. A partire dalle prime celle di carico, accumulando specifici know how e una particolare sensibilità per le esigenze delle industrie, i tecnici di DS Europe hanno raggiunto risultati di tutto rispetto arrivando a coprire numerosi settori applicativi e aprendo la strada a soluzioni innovative. Oggi l’azienda ha una rete commerciale estesa ai principali paesi industrializzati ed è presente, oltre che sul mercato europeo, in Israele, Canada, Australia, Taiwan, Tailandia e Sud Africa. Incontrando Dario Piardi, figlio del fondatore, possiamo renderci conto dei traguardi raggiunti in questi decenni e delle prospettive aperte per il futuro.

Un’azienda innovativa
“La filosofia aziendale – osserva Piardi - è sempre stata volta all’autofinanziamento e questo ha portato ad una notevole solidità e capitalizzazione che ha favorito gli investimenti in macchinari, attrezzature e soprattutto nella ricerca e sviluppo di nuovi prodotti”. L’attività incessante del reparto R&S, coadiuvata dal lavoro di consulenti qualificati e supportata dalle indicazioni provenienti da estese ricerche di mercato, ha consentito la creazione di prodotti all’avanguardia in Italia e nel mondo. DS Europe è stata la prima a produrre celle di carico in Italia ed è uno dei pochi produttori al mondo di trasduttori magnetostrittivi e servoinclinometrici. Per questi ultimi prodotti l’azienda ha avuto anche un riconoscimento dalla Camera di Commercio di Milano con i “premi per l’innovazione”. L’ufficio tecnico si è dotato di competenze specifiche che l’hanno messo in grado di introdurre sempre di più nei propri prodotti l’elettronica, sia analogica che digitale, nonché il software necessario per sua gestione. Tutta l’attività di DS Europe è interconnessa ad una rete informatica aziendale che collega tutte le postazioni di lavoro del personale e consente una veloce programmazione e controllo della parte produttiva, nonché la gestione commerciale di un data-base di 30.000 clienti. L’azienda è dotata anche di un centro stampa interno, che produce quasi 500.000 bollettini tecnico-pubblicitari per anno. L’ufficio tecnico si è dotato di competenze specifiche che l’hanno messo in grado di introdurre sempre di più nei propri prodotti l’elettronica, sia analogica che digitale, nonché il software necessario per sua gestione. Tutta l’attività di DS Europe è interconnessa ad una rete informatica aziendale che collega tutte le postazioni di lavoro del personale e consente una veloce programmazione e controllo della parte produttiva, nonché la gestione commerciale di un data-base di 30.000 clienti. (...)]. (http://www.bias.it/automazione_strumentazione/... Milano, anno 2000)

2010. MILANO. Con DS Europe strumentazione di misura al servizio dell’industria
Il continuo investimento in ricerca ha prodotto una vastissima gamma di strumentazione per misurare: forze, pesi, pressioni, spostamenti lineari, livelli di liquidi, angoli ed accelerazioni. (...). (...).
L’attenzione alla qualità
La DS Europe è sempre stata sensibile all’esigenza di fornire qualità ed affidabilità alla propria clientela ed a tal fine si è organizzata per effettuare innumerevoli controlli durante il ciclo produttivo: ogni prodotto è dotato di un certificato di collaudo che ne attesta la funzionalità e la corrispondenza alle specifiche tecniche e ciò costituisce un ulteriore elemento di garanzia per le industrie che mostrano di apprezzare tale servizio. (...).
Celle di carico
L’azienda ha iniziato la sua attività producendo, come si è detto, celle di carico di tipo estensimetrico e si è quindi specializzata nella risoluzione di problematiche di misura di forza e di peso: su macchine utensili, macchine prova materiali, macchine tessili, silos, macchine di montaggio automatico e così via. (...). (...).
Altri trasduttori
Una particolare menzione merita il sistema estensimentrico Strainsentry/ Liftsentry (brevettato) che consente la misura di forze applicate su strutture in acciaio mediante la misura della deformazione indotta: questo permette di fare la limitazione di carico su presse, macchine utensili, ascensori ed apparecchi di sollevamento. I trasduttori di pressione sono di tipo estensimetrico e con il loro attacco idraulico di tipo monolitico (un monoblocco in acciaio inox temprato), possono venire applicati anche in situazioni proibitive con sovrapressioni e per un uso dinamico. (...). (...). (Da: http://www.ilb2b.it/node/1683. Prelev. 01.07.2010)
Dario Piardi. Independent Industrial Automation Professional. Sede Milan Area, Italy
Dario Piardi. ((DSCN4403 - Dicembre 2008))

top