I Piardi

 

> Home
> News
> Ricorrenze
> Comitato
> Incontri
> Personaggi
> Foglio notizie
> Opera
   - volume I
   - volume II
   - volume III
> Dicono di noi
> Solidarietà
> Luoghi
   - Pezzaze
   - Pomponesco
   - Viadana
   - Dosolo
   - Gussago
   - Portiolo
   - Pezzoro
   - Franciacorta
   - Lavone
   - BRASIL

> Links
> Archivio

espanol Español
english English
portugues Português
brasileiro Brasileiro

Gruppo Piardi su Facebook


Questo sito nasce da un'idea di Achille Piardi, il quale dopo anni di ricerche e dopo aver redatto una prima versione della biografia sulla Famiglia Piardi è alla costante ricerca di nuove informazioni... se anche tu sei un Piardi... continua a navigare tra queste pagine!!!


powered by digionet

Gildo Henrique Piardi, atleta e professore di Educazione Fisica (1953 - 2014)

INDICE DEI PERSONAGGI


Vorresti vedere tratteggiata in 'Personaggi' la figura di un Piardi? CLICCA QUI

Gildo Henrique Piardi, atleta e professore di Educazione Fisica


Gildo Henrique Piardi, muore in ITAPIRA – San Paolo, Brasile il 26 luglio 2014; era nato il 12 settembre 1953.

gildo
Gildo Henrique Piardi 5.9.1971 tedoforo a PACAEMBU


Gildo Piardi vincitore in periodo giovanile


Gildo Piardi gara podistica in gioventù Itapira

Il 20 maggio 2015 veniamo in possesso della nota giornalistica pubblicata da PCI - PORTAL CIDADE DE ITAPIRA. SP – BRAZIL inerente alla notizia della morte e delle testimonianze sulla vita di Gildo Henrique Piardi, sportivo, atleta, professore di Educazione Fisica. Della morte di Gildo Henrique avemmo immediatamente notizia nel corso dell’estate 2014 e di detto grave lutto comunicammo a tutti noi del Casato; infatti, l’articolo che riproduciamo in lingua portoghese brasiliana data 6 agosto 2014.


Gildo Piardi e amici sportivi in ITAPIRA

 

Nessuno, tuttavia, ci aveva posto al corrente della notorietà del personaggio, della vita del nostro Gildo. Solo ora ne abbiamo conoscenza e provvediamo a raccontare di Gildo Henrique Piardi.

{In calce al testo in lingua originale appare la traduzione in italiano.}

<< Notícia. 06/08/2014. Falecimento de Gildo Piardi enlutece uma das mais promissoras gerações de atletas produzidos em Itapira. O falecimento na sexta-fei­ra, 26, 2014, do professor de Educação Física, Gildo Henrique Piardi, aos 60 anos, deixou triste não somente os muitos familiares. Sua perda produz uma grande lacuna numa confraria de ex­-atletas que ajudaram a fazer a fama desportiva de Itapira ao longo de praticamente três décadas consecutivas. A exemplo dos demais cole­gas, Gildo teve despertada sua vocação para provas de meio fundo desde muito cedo, com o olho clínico do pai de todos, o professor aposentado, José de Oliveira Barretto Sobrinho. Chegou a ser campeão bra­sileiro juvenil. “O Gildo era especial. Vocacionado, dedi­cado e muito disciplinado. A partir do momento em que se revelou um grande corredor, o levamos para ser atleta do Clube Pinheiros, onde veio a se destacar. Foi bastante doloroso saber de seu falecimento”, disse o mestre.

{<< NEWS. 2014/06/08. La morte di Gildo Piardi pone nel lutto una delle generazioni più promettenti di atleti cresciuti in Itapira. La morte il Venerdì, 26 luglio, 2014; insegnante di Educazione Fisica, Gildo Henrique Piardi, 60 anni, ha lasciato nella tristezza non solo i molti suoi famigliari. La sua perdita lascia un grande vuoto nel consesso degli ex atleti che hanno contribuito a creare la fama sportiva di Itapira in quasi tre consecutivi decenni. Similmente ad altri colleghi, Gildo aveva visto molto presto svegliarsi in lui la vocazione per le prove di mezzo fondo, dietro l'occhio attento del padre di tutti, l'insegnante in pensione, José de Oliveira Barretto Sobrinho. Arrivò ad essere campione giovanile del Brasile. "Gildo era speciale. Vocazionalmente dedicato e molto disciplinato. Sin dal momento che si rivelò un grande corridore, ciò fece sì che lo portassimo ad essere un atleta del Club Pinheiros, spiccando il volo. E' stato molto doloroso sapere della sua morte", disse il maestro>>.}

Paulo Roberto de Oliveira, o Paulinho Teté, professor-doutor em Educação Física, comentou que Gildo Piardi tinha um perfil bastante introvertido e que o contato com pessoas como ele próprio, que já tinham uma vivência no atletismo ajudou a impulsionar sua carreira. “Foi uma perda profundamente lamentável”, asseverou.

{Paulo Roberto de Oliveira, o Paulinho Teté, professor-doutor em Educação Física, ha commentato che Gildo Piardi aveva un profilo molto introverso e che il contatto con persone come lui, che avevano un'esperienza in atletica ha contribuito a rafforzare la sua carriera. "E 'stata una perdita profondamente rincresciuta", ha assicurato.}

Outro expoente da chamada geração de ouro, o também professor-doutor Valdir Barbanti, disse que esteve recentemente com Gildo e foi surpreendido com a notícia de seu falecimento. Barbanti foi uma das pessoas que ajudaram Piardi em seu processo de acolhimento em São Paulo. “Foi um atleta promissor. Corria muito bem provas dos 800, 1500 e 3 mil metros”, disse.

{Prof. Valdir Barbanti. Un altro esponente della cosiddetta generazione d'oro, compagno professore Dr. Valdir Barbanti, ha detto che di recente si è incontrato con Gildo ed è rimasto sorpreso dalla notizia della sua morte. Barbanti è stata una delle persone che hanno contribuito ad aiutare G.H.Piardi nel sul processo di accoglimento ed integrazione in São Paulo. "E stato un atleta promettente. Correva molto bene nelle gare degli 800, 1500 e 3 mila metri”, ha detto il prof. Barbanti.}

 

Valdir Barbanti comentou ainda que ao perseguir um futuro profissional ligado ao esporte, tendo que aos poucos ir se desvinculando do atle­tismo de alta performance para acelerar outros projetos pessoais, Gildo Piardi acabou se destacando no Instituto Américo Bairral, ao dar sua contribuição com a introdução de métodos que se mostraram eficazes na terapia de pacientes de determinadas patologias mentais. “Ele se especializou de tal maneira no assunto que acabou sendo muito requisi­tado para palestrar sobre este tema em muitas cidades do Brasil”, lembrou. “Uma perda de fato muito triste e que o exemplo e o legado que ele deixou em vida possa servir de consolo aos familiares”, desejou.

{Prof. Valdir Barbanti. Valdir Barbanti ha anche commentato che pur perseguendo un futuro professionale sullo sport, tese a voler gradualmente uscire dall’atletica di alte prestazioni per poter accelerare altri progetti personali, Gildo Piardi è diventato il centro dell'attenzione nell’Istituto Américo Bairral, nel dare un contributo all’introduzione di metodi che si sono dimostrati efficaci nella terapia di pazienti con alcuni disturbi mentali. "Si è specializzato in modo tale che per questione di competenza ha finito per essere molto richiesto nel tenere conferenze su questo tema in molte città del Brasile”, ha detto Brabanti. "E’ un fatto molto triste la perdita; tuttavia l'esempio e l'eredità che ha lasciato nella vita possa servire da consolazione ai suoi famigliari".}

 

Luiz Domingues. Outro que também lamen­tou o falecimento de Gildo Piar­di foi o secretário de Esportes, Luiz Domingues. “Uma pessoa séria, dedicada, desportista nato e que fez grandes amigos neste meio”, lamentou. 

{Un altro che si è pure detto rattristato per la morte di Gildo Piardi è stato il segretario dello Sport, Luiz Domingues. "Una persona seria, dedicato, sportivo nato e che si fece grandi amici in questo ambiente", ha commentato con tristezza.}

 

Humberto Butti

Sou de um tempo em que a palavra do pai era lei. E ai de quem ousasse não cumprir.

Lembro bem que tinha meus 13 anos, frequentava a terceira série ginasial e, apesar das boas notas que sempre tirei, vez por outra saía da linha e me dispersava, talvez por conta da adolescência. E essa desviada pelos caminhos da brincadeira acabou por levar meu pai, após uma daquelas reuniões de pais e mestres, a dar a ordem expressa: ‘a partir de amanhã você vai sentar na frente do Gildo Piardi’.

A ordem foi cumprida e no dia seguinte lá estava eu, sentado na frente do Girdão, como a gente chamava aquele rapaz espigado, de cabelos loiros e encaracolados. Ele era dois ou três anos mais velho que eu e, junto com o irmão Miltinho, havia entrado na turma naquele ano.

Claro que meu comportamento mudou, passei a me comportar, mais por medo da bronca que poderia levar em casa, mas a influência do novo vizinho de classe também foi determinante. Aos poucos fui conhecendo sua determinação e sua perseguição pelo perfeccionismo.

Nas aulas de Educação Física era sempre um dos mais afiados e sua performance o levou a integrar o time de frente do atletismo da escola, comandado pelo eterno professor Barretto. Quando tinha uma prova de mil metros, tradicional naqueles tempos, a história era sempre a mesma, com ele chegando sempre na frente.

Lembro bem de sua estratégia de corrida. Largava sem pressa, ficava lá em último na primeira volta e, aos poucos, com passadas largas e determinantes, ia ‘jantando’ os concorrentes, como costumava falar.

Fora da escola sua forma de agir era a mesma. Não admitia perder e, se preciso fosse, acabava com a brincadeira antes de sair perdedor.

Lembro de um campeonato de botão que organizamos em sua casa na época da Copa de 70. Éramos 16 jogadores, 15 da classe do IEEESO e mais o Humberto, irmão mais novo dos Piardi, cada um com uma seleção e a competição seguiria os mesmos moldes da Copa, com a mesma tabela.

Meu time, por sorteio, era o Brasil. Lembro que o Luís Paulo Souza Ferreira jogava com a Tchecolosváquia e o Girdão era a Inglaterra e ambos estavam na mesma chave que eu.

Depois do primeiro jogo com o Luís Paulo, que terminou empatado em 4 a 4, eu teria que enfrentar o ‘poderoso’ Girdão.

Depois de um começo equilibrado comecei a abrir vantagem e não deu outra. Vendo que iria perder ele deu um jeito de acabar com o jogo e com o torneio.

Essa estratégia também permeou sua caminhada por esse mundo. O perfeccionismo pontuou sua passagem por essas bandas e o tornou um vencedor em todos os setores.

 Foi campeão brasileiro e sulamericano, brilhou nas pistas e construiu sua existência dando exemplos a cada passada larga. E assim foi até o ocaso precoce de sua existência.

Afinal, não foi ele que perdeu a vida apesar da batalha que travou contra um mal implacável. Foi a vida que perdeu um grande homem, que deixa uma trajetória de brilho e de ensinamentos aos que o conheceram e aprenderam, como eu, a admirar aquele rapaz espigado de cabelos encaracolados e com mania de perfeição.

{Humberto Butti. Io vengo da un periodo in cui la parola del padre era legge. E guai a chi non osava tenere fede a ciò. Ricordo bene che avevo 13 anni, frequentavo la terza ginnasio, nonostante i buoni voti che sempre ho avuto, una qualche volta uscii fuori dalla linea e mi dispersi, forse a causa dell'adolescenza. Distratto da motivi di divertimento alla fine, accompagnato da mio padre, partecipai ad una di quelle riunioni di genitori e insegnanti, dove mi fu comandato espressamente: da domani ti siederai di fronte a Gildo Piardi”. L'ordine è stato eseguito e il giorno dopo <stavo là>, seduto di fronte a Girdão, come abbiamo chiamato quel ragazzo esile con i capelli biondi, ricci inanellati. Lui era di due o tre anni più di grande di me e stava con suo fratello Milton che era entrato nella classe in quell'anno. Naturalmente il mio comportamento è cambiato, ho iniziato a comportarmi in modo migliore più per paura di rimproveri che potevo avere da casa, ma l'influenza del nuovo vicino di banco (Girdão), in classe, è stato altrettanto determinante. A poco a poco ho avuto modo di conoscere la sua determinazione e il suo esercizio verso il perfezionismo sportivo.

Nelle aule di Educazione Fisica è sempre stato uno dei più incisivi e la sua performance lo ha portato alla testa della squadra di atletica della scuola, guidata dall’eterno professor Barretto. Quando partecipava alla prova dei mille metri, tradizionale in quei tempi, la storia era sempre la stessa, lui arrivava sempre davanti a tutti.

Ricordo bene la sua strategia di gara. Lasciar andare (gli altri concorrenti) senza fretta, fissava l’ultimo una sola, prima, volta e, dopo poco, gradualmente con passi ampi e determinati, superava tutti i concorrenti, come era abituato a fare. Fuori dalla scuola la sua linea d'azione era la stessa.

Non concepiva perdere e quando fosse sicuro di ciò, lasciava ancor prima di uscirne perdente.

Mi ricordo di un campionato de botão (di tifoseria) che organizzammo in casa sua (de Girdão), nel momento della Coppa del Mondo del 1970. Eravamo 16 giocatori, 15 della classe di IEEESO ed in più anche Humberto, fratello minore dei Piardi, ciascuno con una Selezione e la competizione doveva seguire lo stesso modello della Coppa del Mondo di calcio, con lo stesso programma, la stessa tabella.

La mia squadra per sorteggio, è stato il Brasile. Ricordo che Luis Paulo Souza Ferreira giocava con Tchecolosváquia e Girdão Piardi era l'Inghilterra ed entrambi si trovavano nella stessa chiave (girone) in cui stavo io.

Dopo la prima partita con Luis Paulo Souza F., che si è conclusa in parità, 4-4, io avrei dovuto affrontare la 'potente' Girdão, l’Inghilterra. Dopo un primo equilibrato inizio - io Butti - cominciai, come tifoso della Selezione Brasiliana, ad ottenere un vantaggio senza precedenti.

Gildo H. Piardi vedendo che avrebbe perso, mostrò l’intenzione di terminare anzitempo il gioco ed il torneo, ma poi riuscì a terminarli. Questa strategia permeò, allo stesso tempo, il cammino della sua vita in questo mondo. Il perfezionismo segnò la sua vita da queste parti (terre del mondo) e lo fece diventare un vincitore in tutti i settori.

Fu campione brasiliano e sudamericano, brillò in pista e costruì la sua esistenza dando forti esempi ad ogni suo deciso e decisivo passo. E così fu fino agli inizi del crepuscolo della sua esistenza. Dopo tutto, non è lui che ha perso la vita a dispetto della battaglia condotta contro un male implacabile. E’ la vita che ha perso un grande uomo; un uomo che lascia una scia luminosa e degli insegnamenti a coloro che lo hanno conosciuto e da lui imparato, come me, ad ammirare quel ragazzo esile con i capelli ricci e con un profondo spirito di perfezione.} (Traduzione a cura di Achille Giovanni Piardi)

 

Il testo originale dell’articolo di stampa è tratto da:

http://www.cidadedeitapira.com.br/portal/newsShow/falecimento-de-gildo-piardi-enlutece-uma-das-mais-promissoras-geracoes-de-atletas-produzidos-em-itapira/22742 PCI PORTAL CIDADE DE ITAPIRA. SP - BRAZIL


 

Immagini di qualcuna delle personalità che parlano, in questo articolo, di Gildo Henrique Piardi:

 

  • Professor aposentado, José de Oliveira Barretto Sobrinho

    Prof-Jose-de-Oliveira-Barreto-Sobrinho


  • Paulo Roberto de Oliveira, o Paulinho Teté, professor- doutor em Educação Física

 

  • Professor- doutor Valdir Barbanti (in foto con insegnanti di Educazione Fisica)

 

  • O secretário de Esportes, Luiz Domingues

 

  • Humberto Butti, giornalista di ITAPIRA

    Humberto-Butti,2015.-Giornalista-che-parlò-di-GILDO-Piardi

 

Testimonianze e ricordo di GILDO da parte dei familiari:

 

Ivory Nicolai Piardi, il 12 settembre 2014 - giorno del compleanno (in cielo) di Gildo Henrique Piardi (+26.7.2014) – ricordando GILDO, scrive nel suo diario “f”: <<PARABÉNS GIRDÃO!!!! Hoje é seu dia. Seja na terra, no céu, no plano de cá ou no de lá. Os bons exemplos nunca se perdem e você sempre continuará vivo dentro dos nossos corações! 61 anos de muito orgulho e boas lembranças!!! "Vamos viver o dia de hoje que o amanhã só pertence a DEUS">>.

 

Eduardo Piardi, il 10 agosto 2014, ricordando lo zio Gildo H. Piardi, qui in foto col padre di Eduardo, scrive nel suo diario “f”: <<Parabéns para todos os pais e nossos amigos de todos os momentos!!! Meu pai te amo muito!! Meu tio onde quer que o senhor esteja, lembramos de sua inspiração todo instante! Parabéns!!

{Complimenti a tutti i genitori e i nostri amici di tutti i tempi!!! Mio papà ti amo tanto!! Mio zio ovunque tu sia, ricorda la tua ispirazione tutto il tempo, per sempre! Complimenti!}

 


Gildo Henrique Piardi con Ivory Nicolai Piardi


Gildo Piardi e Vivian Nicolai Daher


Gildo Piardi a sinistra e H. Piardi a destra (24.12.2011)

(La traduzione dei testi e la formazione di questa pagina sono a cura di Achille Giovanni Piardi).
Una pagina per Girdão, Gildo Henrique PIARDI; maggio 2015, a quasi un anno dalla morte.



GILDO QUANDO ACENDIA A PIRA OLÍMPICA NO PACAEMBU  5/9/1971


top