I Piardi

 

> Home
> News
> Ricorrenze
> Comitato
> Incontri
> Personaggi
> Foglio notizie
> Opera
   - volume I
   - volume II
   - volume III
> Dicono di noi
> Solidarietà
> Luoghi
   - Pezzaze
   - Pomponesco
   - Viadana
   - Dosolo
   - Gussago
   - Portiolo
   - Pezzoro
   - Franciacorta
   - Lavone
   - BRASIL

> Links
> Archivio

espanol Español
english English
portugues Português
brasileiro Brasileiro

Gruppo Piardi su Facebook


Questo sito nasce da un'idea di Achille Piardi, il quale dopo anni di ricerche e dopo aver redatto una prima versione della biografia sulla Famiglia Piardi è alla costante ricerca di nuove informazioni... se anche tu sei un Piardi... continua a navigare tra queste pagine!!!


powered by digionet

Domenico Gioacchino Piardi

INDICE DEI PERSONAGGI


Vorresti vedere tratteggiata in 'Personaggi' la figura di un Piardi? CLICCA QUI

Domenico Gioacchino "MILO" Piardi dei Mafé (Pezzaze 1934 - 1996)

Figlio di Maffeo (1900). Noto come Milo. Sposo di Vittoria Zeni. Uomo apparentemente schivo, in realtà, sin da giovane, aveva incominciato a viaggiare in molti paesi d’Europa. Infatti, a tredici anni, già aveva preso la valigia emigrando in cerca di lavoro.
Grande, appassionato, cacciatore, per almeno dieci anni si recò in Svezia a cacciare dove si poteva, come lui soleva affermare, esercitare liberamente l’arte venatoria perdendosi in grandi spazi con immensi panorami. Scultore del legno.

milopiardi

Per lui la montagna era tutto, la sentiva sua al punto di soffrirne la mancanza quando era costretto ad allontanarsi anche per qualche giorno soltanto. L’ultimo giorno della sua vita parte da casa per recarsi nel bosco e come non aveva mai fatto prima lascia detto in casa il luogo dove intende recarsi. La figlia Carla gli rammenta di essere a casa per il pranzo perché si deve festeggiare il compleanno del nipote più grande. Come era solito fare, passa prima dal cimitero a salutare i suoi e si imbatte, sul cancello d’ingresso, in Rita Ferraglio Bontacchio, sua cugina, figlia di Maria Piardi dei detti Mafé. Rita lo saluta e gli dice: “finalmente ti vedo, sei sempre così ... selvatico”. Risponde al saluto, con riferimento al luogo in cui si trovavano: “come ci porteranno dentro qui e come fuori da qui?”. Ovviamente intendeva riferirsi al destino dell’uomo dopo la morte. “Arda”, risponde Rita, “pensonga mia, quand ol sara ‘l moment, … i la troara lur la fosa e ‘l posto…”. (Senti, risponde Rita, non pensiamoci, quando sarà il momento, altri troveranno il modo ed il luogo ...). Milo se ne va, dopo la visita, verso il bosco dove era diretto; quel bosco e quella montagna che erano dentro di lui, prendendoselo. Infatti, dopo poche ore sarebbe mancato.
“Domenico Milo nasce il 27 febbraio del 1934 in località Bait in Valle de Dendó (Pezzaze) da Candida Maffina e da Maffeo. Rimane orfano di padre a soli dodici anni; a quindici anni, forse anche prima, gira il mondo in cerca di lavoro per aiutare la madre vedova con quattro figli da mantenere di cui due ancora piccoli. Nel 1951 trova lavoro a Domodossola come boscaiolo poi, con la ditta di Umberto Gerola, come operaio. Nel 1954/56 con i fratelli Marzoli si impiega come minatore e nel ’57, sempre come minatore, per la Salci di Boazzo in Val Daone; in seguito con la ditta Barisella di Bergamo. Nel 1959 è capo cava e lo sarà per venti anni alla S.D.I. Società Dolomite Italiana di Inzino ove fu molto stimato. Nel 1957, precisamente l’8 giugno, sposa Vittoria Zeni e nel 1958 nasce a Pezzaze l’unica sua figlia: Carla.
L’infarto che lo colpisce nel 1977 lo costringe a letto e di lì a poco si pensiona e da questo momento, ripresosi, realizza il suo più bel sogno: passare la maggior parte della sua giornata in montagna coltivando le molteplici passioni per essa in aggiunta alla caccia. Alla sua morte hanno dato risalto alla sua vita il Giornale di Brescia del 20 giugno 1996 ed il Bresciaoggi dello stesso giorno.

Vedi anche in Sezione Personaggi:
- "I Maffina"
- Maffeo Piardi
- Genealogia dei Piardi detti Mafé (in Don Fabrizio Bregoli)

Vedi anche in Sezione OPERA, Volume III, pagina Costumi, Pezzaze,
primi anni Cinquanta. Gesuino Bregoli con Domenico "Milo" Piardi (1934) di Mafé


Vedi anche
CACCIATORI Piardi…nel tempo

top