I Piardi

 

> Home
> News
> Ricorrenze
> Comitato
> Incontri
> Personaggi
> Foglio notizie
> Opera
   - volume I
   - volume II
   - volume III
> Dicono di noi
> Solidarietà
> Luoghi
   - Pezzaze
   - Pomponesco
   - Viadana
   - Dosolo
   - Gussago
   - Portiolo
   - Pezzoro
   - Franciacorta
   - Lavone
   - BRASIL

> Links
> Archivio

espanol Español
english English
portugues Português
brasileiro Brasileiro

Gruppo Piardi su Facebook


Questo sito nasce da un'idea di Achille Piardi, il quale dopo anni di ricerche e dopo aver redatto una prima versione della biografia sulla Famiglia Piardi è alla costante ricerca di nuove informazioni... se anche tu sei un Piardi... continua a navigare tra queste pagine!!!


powered by digionet

I gemelli Giuseppe e Pietro Piardi

INDICE DEI PERSONAGGI


Vorresti vedere tratteggiata in 'Personaggi' la figura di un Piardi? CLICCA QUI

I GEMELLI GIUSEPPE E PIETRO PIARDI

Gemelli Pietro e Giuseppe Piardi
foto: Giuseppe col gemello Pietro Piardi il 14 agosto 1984, giorno del 78° compleanno,
in casa della nipote Rosangela Piardi.
Alla sinistra di Pietro la sposa Isabella Palmira Ba;
i coniugi sono da qualche mese tornati in Patria dopo aver vissuto dal 1949 in Argentina.

Le famiglie formate dalle due figlie continuano a vivere, e crescere, in Mendoza (Argentina).
Giuseppe (Agosto, 1906 - Ottobre,1984) sempre vissuto in Gussago, ha trascorso una vita coltivando la campagna e ricoprendo la carica di Presidente dei Coltivatori diretti di Gussago e quella di Presidente della fanfara dei Bersaglieri.

Per approfondire si veda anche sezione Opera > Emigrazione e Dicono di noi.
Altre foto di Pietro e Palmira in sezione OPERA/Vol. III - Costumi, cliccando qui e sezione OPERA/Vol. III - Vita vissuta/Emigrazione, cliccando qui.

Per la famiglia d'origine dei gemelli Giuseppe e Pietro vedi anche Andrea Piardi.

GIUSEPPE (1906) sposa Maria Venturelli, dei detti Raù, da Gussago che gli dà: FAUSTINA e GIUSEPPA

PIETRO (1906) sposa Isabella Palmira Ba, da Gussago che gli dà:
VINCENZINA e ADELINA

Vincenza e Adele Piardi, anni 1940
Vincenza e Adele Piardi, anni 1940


Argentina, marzo 2008. La famiglia formata da VINCENZINA PIARDI GONZALEZ
e quella di sua figlia Laura.

Per altre foto di Pietro PIARDI ed Isabella con le loro figlie, nipoti e generi vedi, VOL 3 > COSTUMI

• Vincenzina con il marito, anno 1960, in Yacanto di Cordoba
• 50° Matrimonio, o "Boda de oro", in sezione "Costumi"
• Pietro Piardi e Palmira Isabella Ba, 50° di Matrimonio, a meno di due mesi dal ritorno dall'Argentina;
• Nozze d'Oro - "Boda de Oro" di Pietro Piardi e Palmira Ba, tutti i presenti; Gussago (BS), 6 maggio 1984
• Pietro Fedele Piardi (Gussago, 1906 - Brescia, Italia) con la sposa Palmira Ba e la figlia Vincenza, alle terme di Cacheuta - Argentina, anni '50
• Pietro e Palmira con i nipoti Bruno ed Achille Piardi (Ottobre 1983, Argentina)
• Ottobre 1983, Argentina. Laura Gonzalez Piardi si sposa.
• Mendoza (Argentina), Piardi - Gonzalez e discendenti
• 1983, Mendoza (Argentina). Piardi italiani e argentini nella "Tierra del sol y del buen vino
Pietro con i fratelli ed i genitori, anno 1928
Pietro con i fratelli ed i genitori, anno 1921 - ' 22
• L'EMIGRAZIONE, la partenza ed il viaggio di Pietro
La famiglia di Pietro Piardi (notte di Natale 1977, in Argentina)
In sezione "Dicono di Noi" (23 febbraio 2002. Giornale di Brescia), "L'Argentina in occhi bresciani". Vincenza e Adele Piardi: "Siamo partite da Gussago nel 1949"
San VINCENZO FERRERI, a Navezze di Gussago (BS) e Mendoza (Argentina).
Navezze di Gussago. Antica casa Piardi, dalla metà dell'Ottocento sino al 1940.
Achille Domenico Piardi (1880), padre di Pietro e Giuseppe.

Per foto in cui sono ritratti Giuseppe PIARDI e Maria Venturelli vedi: VOL 3 > COSTUMI

• Gussago, ottobre 1967. Piardi al matrimonio di Sergio Piardi di Andrea in sezione "Costumi"; Giuseppe e Maria sono in primo piano da sinistra (in piedi).
• Matrimonio di Marietta Piardi con Ottorino Marini. Gussago, 1956; a sx, Giuseppe Piardi (1906) accompagna la sorella, oggi "sposa".


Argentina, febbraio 2010. La famiglia formata da ADELINA PIARDI di Pietro con SILVIO BARDINI e quelle delle loro figlie: Silvia maritata ad Alessandro e Claudia maritata a Sergio, con discendenti e coniugi di quest'ultimi. (Febbraio 2010)

 


Yésica, Claudio Andres con la mamma Laury,
sotto lo sguardo dei nonni GONZALEZ PIARDI

 

MENDOZA. Laura Gonzalez, Yessica, Claudio e Ricardo Aurieme
MENDOZA. Laura Gonzalez, Yessica, Claudio e Ricardo Aurieme

Piardi Giuseppe (1906),bersagliere. BO, 1926
Piardi Giuseppe (1906),bersagliere. BO, 1926

Piardi Pietro (1906), anno 1926, soldato sanità
Piardi Pietro (1906), anno 1926, soldato sanità

20 dicembre 2011. Mendoza (Argentina)
VINCENZA Piardi - figlia di Pietro e Palmira Isabella Bà da Gussago - scrive: <<Mille grazie per i cari auguri che ci hai mandato il 13 di dicembre. (…) ti ho mandato i nostri più fervidi auguri di S. Natale in due messaggi distinti. Il tredici di dicembre, poi, mi ricordai di Santa Lucia (che a Gussago di Brescia porta i doni ai bambini la notte tra il 12 ed 13 dicembre…); (all’epoca, anni 1936-1939) andavo su a dormire con le zie Piardi (Brigida, Marianna e Marietta, ancora nubili, a nord del cortile, con grande aia e caseggiati, in quel di Navezze di Gussago) e mettevo in un cestino un pò di paglia alla finestra della camera per l’asinello di Santa Lucia (… qualcuno passava con un campanello) bisognava chiudere gli occhi ...e arrivava Santa Lucia. Alle tre del pomeriggio del 13 di dicembre, invece, la nona Bà – Marzi (nonna materna, sposa di Gian Battista Bà), mentre toccavano (rintoccavano) le campane, ci chiamava tutti quali nipoti e ci lavava gli occhi. La mia memoria va ancora bene, quasi come il computer. AUGURISSIMI. VINCENZA E PEDRO>>.
Il 21 dicembre Achille risponde: << VINCENZA. Grazie dei tuoi ricordi della notte di S. Lucia, ...con le zie Piardi e con la tua nonna materna. Dell’azione di “lavarsi gli occhi” non ero a conoscenza. Però pensando a S. Lucia quale protettrice della vista tutto viene più facile capire e …ricordare la semplicità di vita quotidiana dei nostri genitori, nonni ed avi gussaghesi. Metterò questa tue parole nella pagina dedicata ai gemelli Pietro (tuo padre) e Giuseppe Piardi ed a Voi tutti. Ciao da Achille>>.


2012. Gussago (Brescia. Italia) e Mendoza (Argentina).
Il 9 marzo 2012, Achille Piardi da Gussago manda saluti alla cugina Vincenza Piardi Bà Gonzalez allegando una foto ove in un prato di Gussago si è potuta cogliere, ancora quest'anno 2012, una bella, primaverile, macchia di "Masuchìne" (Colchici, Crocus), corredata della seguente dialettale didascalia, con traduzione: << Sono, come sa disìa na olta a Neeze de Güsàc, "Masuchine", in Italiano Colchici. (Sono, come si diceva una volta a NAVEZZE di GUSSAGO, Masuchine)>>. (Foto a cura dell’ottantenne Angelo Cartella, molto vicino ai Piardi sin da sempre, in particolare dal 1952 quando defunse il padre Stefano).
La risposta di Vincenza è immediata: << Le me piasìa le masuchine, naem a truale en la Pendulina del nono coi cüsi.   Ciao Vincenza. ... qui non ci sono le masuchine>>. (Mi piacevano i colchici per il sottostante bulbo, andavamo con i cugini in località Pendolina ove il nonno aveva il campo).
Achille argomenta: << Andavi in Pendulina, col nonno Giovan Battista BA?>>.
Vincenza precisa: << Andavo in Pendulina con Gianni Ba, sua sorella Gina, la Teresina, la Maria, facevamo arrabbiare il nonno Ba, perchè mangiavamo le fragole molto grosse che lui aveva, ""i maúlòcc"", correvamo su e giù per il sentiero ripido, e il povero nonno brontolava (ardò le cavre le...), Luciano no, era piccolo. Ciao Vincenza>>.

Colchici o Crocus
Colchici o Crocus

Achille, il 14 marzo, argomenta e informa Vincenza scrivendole: <<Passo a qualcuno dei Ba, tuoi cugini materni, qui di Gussago, copia dei tuoi ricordi. Grazie. Sono ricordi, questi, che io non ho e non conoscevo. Ciao da Achille>>.
Il 17 marzo, Achille passa a Gina Ba copia delle scambievoli conversazioni avvenute con Vincenza, dimorante dal 1949 sulle pendici delle Ande mendosine; soprattutto “copia…” dei lontani ricordi d'infanzia (ma ben presenti nella mente) risalenti agli anni dal 1939 al 1949 in quel di Piedeldosso di Gussago, prima del definitivo trasferimento familiare in Argentina del nucleo formato da Pietro Piardi (1906) con Palmira Isabella Ba nativa di Piedeldosso; località posta ai piedi del celebrato Santuario dedicato alla Madonna della Stella, come sempre e dal Cinquecento, assai venerata.
Il 18 marzo 2012, Vincenza si fa nuovamente sentire da Mendoza e così si esprime: << Sono bellissime le fotografie panoramiche che mi hai mandato, la Pendolina dovrebbe essere sotto La Stella ma... è passato tanto tempo. Sai mi ricordo anche dei bucaneve, quei fiori bianchi d’inverno. Proprio lì, nella Pendolina, c'era un posto fra le pietre e la neve dove sbucavano i bucaneve, “èl nono èl  vülìa miga che i tucaèm” (…nonno non voleva li toccassimo). Ciao Vincenza >>.
Achille risponde: <<Proprio ieri, 17 marzo, ho consegnato a GINA "Ginì" Ba, tua cugina materna, copia delle nostre conversazioni a mezzo mail. E' stata molto contenta e pure lei si è ricordata, benissimo, delle vostre scorribande in Pendolina, era anche molto più grande (credo ora abbia 85 anni...)>>.

Per le vedute panoramiche di Gussago (Franciacorta), menzionate nei “Ricordi” di Vincenza clicca qui.

Per le dimore Piardi, anche in Gussago qui.

Per il Santuario della Madonna della Stella qui.



Gussago (Brescia), 1984.
50° di Matrimonio di Pietro Piardi ed Isabella Ba,
poco dopo il ritorno dall'Argentina.


Gussago (Brescia), 1984.
50° di Matrimonio di Pietro Piardi ed Isabella Ba,
poco dopo il ritorno dall'Argentina.


Civine Natale 2012 e Pietro Fedele Piardi

S. Natale 2012. Civine di Gussago sotto la protezione del patrono San Girolamo, padre e dottore della Chiesa, secoli IV - V. Nato a Stridone in Dalmazia, morto a Betlemme.
Ore 11, dopo la S. Messa del Giorno di Natale passo a salutare nella loro casa di Civine i coniugi Angelo Arici “Dei detti Margiulì” e Anna Quatti nativa di Marmentino in Val Trompia. In casa è presente il loro parente Aristide Zanoletti abitante a Brescia in Via Zoccolo (Frazione Urago Mella), precisa Anna, col quale faccio conoscenza; è giunto a Civine appositamente per gli Auguri natalizi. Il cognome Zanoletti di Via Zoccolo, suscita in me tanti motivi per ricordare fatti ed avvenimenti del passato, vissuti od anche solamente perché letti nei Registri dei diversi archivi. Infatti, tento un leggero abbozzo di conversazione: <<La via Zoccolo, dove Lei abita, è da molti decenni un po’ la patria d’adozione di tutti gli Zanoletti e non solo anche dei miei parenti materni gli Arici già dimoranti a Peder di Ome e Barche di Brione imparentati, anzi della stessa famiglia di quegli Arici ormai radicati qui a Civine. Arici come: Luigi (1925) che da tempo, ora col figlio, detiene il “banco” di funghi ed altro al mercato ortofrutticolo all’ingrosso di Brescia, figlio di Giuseppe e di Rosa Arici sorella degli Arici di Civine quali: Stefano, Barbara (maritata a Carlo Angelo Zanoletti figlio di Fedele e Catterina Gossio), Luigi, Pietro, Vittorio ed altri ancora. Sono miei parenti materni per il fatto che Rosa (primogenita di Giovanni, detto de Pedemùt) sposò Giuseppe, sempre Arici, fratello di mio nonno materno Giovanni; Angela, sorella di Luigi (Barche di Brione, 1925), che andò in sposa a Santo Borboni da Ome >>. Lo Zanoletti interloquisce: <<Sì, certo, gli Arici sono abitati proprio in Via Zoccolo, vicino ai miei, a noi>>. Dopo questa primo approccio, ovviamente al fine di conoscere, aggiungo:<< Mio Zio Pietro Piardi, fratello di mio padre Francesco, venne battezzato, il mese d’agosto dell’anno 1906, col nome di Pietro Fedele. Ad incuriosirci è sempre stato il secondo nome, quello di Fedele, un nome non poco impegnativo nella vita! Noi Piardi, comprese Vincenzina e Adelina, figlie di Pietro, andavamo perciò scoprendo le motivazioni alla base del secondo nome; poi, leggendo l’atto del conferimento del sacramento abbiamo inteso: “Lo tenne al sacro fonte, Fedele Zanoletti”. Fedele, anche per il neonato alla Fede, quale omaggio al Padrino. Rimaneva da comprendere perché uno Zanoletti>>. Oggi, giorno di Natale 2012, lo abbiamo scoperto incontrando Aristide Zanoletti. Infatti, Aristide, ancora, afferma: <<Fedele Zanoletti era mia nonno della classe 1880 ed aveva sposato una ragazza delle Civine>>. Aggiungo, io Achille, “anche mia nonna, Angela Camilla Ghedi, la mamma di Pietro Fedele era nativa delle Civine e pur ella della classe 1880 come suo marito, mio nonno, Achille Domenico. Pertanto, genitori del battezzato e padrino erano tre coscritti nati in quell’anno dell’Ottocento”. Sicuramente le due spose - mamme civinesi si conoscevano dal tempo in cui erano state ragazze.
La nonna di Aristide Zanoletti - odierno interlocutore - sposa di Fedele Zanoletti fu Catterina Gossio (Gosio) e, con ogni probabilità, imparentata in qualche modo con la famiglia Ghedi, quella cui appartenne Angela Camilla (1880) maritata ad Achille Domenico Piardi, coniugi, genitori del più volte menzionato Pietro Fedele Piardi (1906).
Effettivamente ci risulta da altre nostre ricerche dei primi anni Duemila, famiglia GHEDI e famiglia ARICI, edite rispettivamente l’anno 2006 e l’anno 2005, che:
<<1915. “Civine il 21 Marso 1915. Italo Giuseppe Ghedi di Pietro e di Arici Angela (...), di questa parrochia, nato il giorno 11 marso (...) venne batezzato dal sottoscritto parroco il giorno sudetto 21 marso alle ore 14. Ghedi Pietro Padre, Zanoletti Fedele padrino. La levatrice assistente Rolfi Maria approvata. Bernardelli D. Giacinto Parroco”.>>.
Pietro Ghedi, padre del battezzato Italo Giuseppe Ghedi (1915), è fratello di Angela Camilla madre di Pietro Fedele Piardi.
1906, 24 maggio. Civine di Gussago. Ghedi Angela è madrina di Maria Angela Zanoletti di Fedele e di Gossio Catterina, nata il giorno 20 maggio.
1936. Civine di Gussago. Ghedi Ines. L’anno del Signore millenovecento36 il giorno 22 del mese di gennaio io Bernardelli Giacinto Parroco di Civine ho battezzato una bambina nata il giorno 14 gennaio dai coniugi Ghedi Angelo e Botti Rosa domiciliati in questa Parrocchia Contrada Quarone n. 43 sposati nella parrocchia di Civine nell’anno 1922 cui fu imposto il nome di Ines. Furono Padrini: Zanoletti Fedele fu Orazio. Bernardelli Giacinto Parroco.
1934, 28 aprile. Civine di Gussago. Parrocchia San Girolamo: <<Annotazione a margine dell’atto di battesimo di: “Carlo Angelo Zanoletti di Fedele e di Catterina Gossio (...), nato il giorno 5 ottobre 1907 (...)”: “Contrasse matrimonio con Arici Barbera il 28 aprile 1934 nella chiesa parrocchiale di Civine”.>>. Trattasi di: “Arici Barbera Margherita nata a Ome, nubile, casalinga, di anni 18, residente a Gussago, figlia di Giovanni e di Arici Domenica”; e di: “Carlo Angelo Zanoletti, celibe, agricoltore, di anni 26, nato a Gussago, residente a Brescia, figlio di Fedele e di Gozio (Gossio) Catterina”. [Certificato Pubblicazioni di Matrimonio. Brescia, lì 29 marzo 1934, anno XII. L’ufficiale dello Stato civile... .Archivio di S. Girolamo in Civine di Gussago].
[Achille Giovanni Piardi; per la pagina di Pietro Fedele Piardi (col fratello gemello Giuseppe) in www.piardi.org. 4 Gennaio 2013]
--------------------------------------------------
MENDOZA, Argentina. 1° Febbraio 2013.
Vincenza Piardi con riferimento al racconto "Civine, Natale 2012 e Pietro Fedele Piardi - S. Natale 2012. Civine di Gussago", appena pubblicato il 4 gennaio 2013 e riguardante suo padre Pietro Fedele, ci scrive: <<Achille. Bellissimo tutto ciò che hai scritto, mi è piaciuto molto. Grazie, e mi fa piacere che lì a Gussago sappiano che dopo tanti anni di lontananza (62)!!!!!!, ancora voglio molto bene al mio paese, a tutti i miei cugini, figli di fratelli, da una parte e dall'altra. Sembra che passando gli anni invece di dimenticare i ricordi si fanno più vìvidi. Un abbraccio. Vincenza>>.
--------------------------------------------------

Mendoza – Argentina, 30 Novembre 2010.
VINCENZA Piardi figlio di Pietro ci aiuta nel costruire queste pagine; a lei facciamo omaggio della pubblicazione dell’ATTESTATO (a suo tempo) conferitole
E’ il 30 novembre 2010.
Da qualche mese stiamo diffondendo notizie concernenti l’impegno delle donne Piardi e dei Piardi. Lo stiamo facendo per mezzo delle nostre Newsletter (Riprodotte, poi, all’apposita sezione http://www.piardi.org/news/index.htm del Portale PIARDI). Infatti, l’inizio di queste ultime news trovano esplicito l’invito nelle parole “Cogliendo l'opportunità di questi messaggi veloci, prendendo a prestito le pagine del nostro sito portale I PIARDI, vogliamo porre in evidenza la presenza nel nostro casato delle tante figure femminili che lo hanno fatto grande. Di loro possiamo non avere molti dati o notizie, tuttavia le proponiamo per la loro personalità per il valore del loro esempio ed impegno. Dalle famiglie che avessero altre notizie attendiamo segnali al riguardo. Grazie per la Vostra lettura e per le segnalazioni che ci farete pervenire”. A ciò abbiamo fatto seguito evidenziando di qualcuna delle nostre donne Piardi, spose, mamme dei Piardi la pagina loro dedicata. In effetti cominciammo, qualche mese fa, proponendo all’attenzione di tutti i circa 1800 PIARDI, sino a questo momento censiti, la personalità di:
LIA da Cizzolo http://www.piardi.org/persone/p21.htm
RITA ARNALDINA di Maria Piardi http://www.piardi.org/persone/p23.htm
MARIAANNA e sorelle http://www.piardi.org/persone/p10.htm
AURELIA ANNA "Annetta", in Sicilia http://www.piardi.org/persone/p06.htm
… e molte altre donne Piardi.
Poi, nella news dell’11 settembre 2010, proponemmo, ai PIARDI e alle loro famiglie nel mondo:
Le donne PIARDI e dei Piardi. I loro costumi, impegni e fatiche con le pagine di http://www.piardi.org/vol3/volume3costumi.htm;
L'intero VOLUME III http://www.piardi.org/volume3.htm I PIARDI NEL TEMPO - dimore, vita vissuta, costumi portati dai Piardi ed anche devozioni cui siamo stati capaci in più di cinque secoli di vita. Volume III realizzato con il Vs. aiuto. Piardi, appunto, nelle loro DIMORE, COSTUMI, nella VITA VISSUTA: LEVATRICI; L'EMIGRAZIONE; BENEFICENZA; PASTORI DI ANIME; MESTIERI E PROFESSIONI; MODI DI DIRE;
LE DONNE PIARDI e dei PIARDI nella pagina PERSONAGGI del sito internet.

Per ultimo e per tutte le nostre donne Piardi, spose e madri d’Italia e del mondo “piardesco” evidenziammo quelle d’Argentina: VINCENZA e ADELE PIARDI, così come proposte dal Giornale di Brescia - 23 febbraio 2002 http://www.piardi.org/dicono.htm dal titolo "L'Argentina in occhi bresciani"- Vincenza e Adele Piardi: "Siamo partite da Gussago nel 1949", alle quali facemmo seguito col presentare Catterina Piardi di Lagoa Vermelha (Brasile) http://www.piardi.org/brasileiro.htm .

VINCENZA, lo stesso giorno 30 novembre 2010, da Mendoza (Argentina) scrive a proposito di <<“Donne che hanno fatto grande il nostro Casato”. Achille, ti ringrazio per tutto quello che fai, io non ti avevo detto niente (riguardo a me...) perché il solo fatto di far del bene agli altri che ne hanno bisogno fa bene anche a me e mi sento meglio; questo riconoscimento (che ti unisco; Ndr) me lo diedero alla Università Nazionale di Cuyo in MENDOZA. (Per il conferimento; Ndr) Sono venuti a questo proposito da Buenos Aires, proprio qui a Mendoza. Adesso faccio riposo. Saluti cari a tutti. Vincenza>>. (Mendoza – Argentina, dopo esatti 61 anni di vita in terra Andina).

Achille  risponde: Così si deve fare!; quel poco o tanto che si può per gli altri dev’essere nell'assoluto anonimato; ...troppi si mettono in vista, faranno anche del bene, ma... hanno già avuto la loro ricompensa. Ciao da ACHILLE.

Oggi, 13 Marzo 2013 – ore 20 e 30, dopo aver seguito il saluto a Roma ed al mondo di Papa Francesco, chiamato dall’Argentina ad essere Vescovo di Roma, concludiamo e pubblichiamo questa testimonianza giuntaci dalla stessa nazione latino – americana.

“La Dirección Nacional de Migraciones de la República Argentina distingue a Vicenza PIARDI por su valioso aporte al crecimiento del país”.

attestato Vincenza Piardi


Cosa può far “sbocciare” nei ricordi, oltre Oceano, la vista di un fiore


Da http://www.valtrompianews.it/. Fiore: Dente di cane. “Erythronium dens – canis”

2 Aprile 2013
De: Achille Giovanni Piardi <info@piardi.org>
Para: VINZENCINA PIARDI < ….@yahoo.com.ar>
Enviado: martes, 2 de abril de 2013 20:40
Asunto: un Fiore di Gussago e di Valtrompia.
Ciao da Achille.

Il 5 aprile 2013 da MENDOZA - Argentina, VINCENZA PIARDI risponde:
E bellissimo questo fiore, molto delicato. Me lo ricordo ancora dopo tanti anni, e con questo fiore mi ricordo del nonno materno Gian Battista BA. Mi voleva molto bene il nonno; quando il mio babbo venne in Argentina nel 1949, erano undici in totale, siamo andate con la mamma e Adele un tempo ad abitare con loro, nella casa BA, in una stanza di sopra, a Piedeldosso di Gussago (Brescia). Lui, il nonno, andava su in Pendolina, dove aveva un campo coltivato, appariva sotto la finestra, mi chiamava "maistrina", e la prima frutta era per me. Lui non sapeva leggere, era nato nell’Ottocento, vedeva me con un quaderno o pure un libro e mi domandava: <<Cosa dicono quelle formichine lì?>>. (…le paroline scritte). Seduti sotto quelle piante alte che c'erano nel cortile da casa (forse ci sono ancora).  Mille grazie Achille.  Salutissimi Vincenza.

 

top