home page

 

> Home
> News
> Ricorrenze
> Comitato
> Incontri
> Personaggi
> Foglio notizie
> Opera
   - volume I
   - volume II
   - volume III
> Dicono di noi
> Solidarietà
> Luoghi
   - Pezzaze
   - Pomponesco
   - Viadana
   - Dosolo
   - Gussago
   - Portiolo
   - Pezzoro
   - Franciacorta
   - Lavone
   - BRASIL

> Links
> Archivio

espanol Español
english English
portugues Português
brasileiro Brasileiro

Gruppo Piardi su Facebook


Questo sito nasce da un'idea di Achille Piardi, il quale dopo anni di ricerche e dopo aver redatto una prima versione della biografia sulla Famiglia Piardi è alla costante ricerca di nuove informazioni... se anche tu sei un Piardi... continua a navigare tra queste pagine!!!


powered by digionet

ricorrenze


RICORRENZE

Tutti i nostri Piardi e famigliari..andati avanti..nel policromo mosaico celeste del Casato
dal 2007..


Nel 2015, i nostri morti:

Angela Piardi. 18 gennaio 2015, di anni 88; NUVOLERA – Brescia. <<Maestra Angela Piardi ved. Raineri. L’annunciano i nipoti Enzo, Gianluigi con Elisabetta, Anna e Sandro. Maestra a Nuvolera. Casa di Riposo Cottinelli – Brescia>>. (Da Necrologie del Giornale di Brescia, 19 gennaio 2015). Dei Piardi nati a ROVATO (Brescia) in Franciacorta: ANGELA PIARDI di Giuseppe e di Maria Massetti. Fu Sorella di Domenico Giuseppe (1916) e di Giuseppe (1911), i due noti fratelli detti “Formaì” con riferimento alla loro attività di vendita formaggi. (Si veda il Volume 1° I PIARDI, edito l’anno 1998, alle pagine: 518, 314; il volume 2° I PIARDI, edito l’anno 2000, alle pagine 381-382)

“L'Amministrazione Comunale di Nuvolera (Brescia) ricorda la maestra Angela Piardi ved. Raineri, ricordando l'impegno profuso per l'educazione dei più piccoli, ed esprime le più sentite condoglianze a tutti i famigliari”. (19.1.2015. Da https://www.facebook.com/nuvoleranews e da https://www.facebook.com/comunenuvolera )

Cecilia Bregoli “Cilì”. Muore il 25 gennaio 2015, PEZZAZE; vedova di Giovan Battista Piardi (1914) dei detti Valì. (Vedasi Genealogia “Valì” alla pagina 102 e seguenti e alle pagine 326, 329, 363 del Volume 1° I PIARDI, edito l’anno 1998)

Eugenio Raza (23.3.1948), figlio di Andrea e Rosa Piardi (de la Costa). Pezzaze 18 febbraio 2015. [Vedi alle pagine 140 e 141 – Genealogia DE LA COSTA (Di Tone de la costa); Volume 1° I PIARDI, edito l’anno 1998]

Attilio Piardi (Pezzaze, 17.11.1929 - 2015), figlio di Bono (1903-1947) [di Antonio (1878) e Ghetti Elisa (Pezzazole di Pezzaze, 1878) coniugi l’anno 1901]. Dei detti Gaèi – Bono, ma dei più antichi Piardi detti Raca/Rache, dal nome dell’ava Lucia Racca (1842) sposata a Bono Piardi (1831), poi genitori del succitato Antonio (1878) nonno dell’odierno defunto Attilio. Funerato in Pezzaze il 18 febbraio 2015. (Vedasi alle pagine 127, 128 (Gaèl, Rache-useladur), 129 – Genealogia Gaèi, 158 (Rache), 344 (Gaèl), 517, 536 (Scotöm), 554 (Useladur) del Volume 1° I PIARDI, edito l’anno 1998 e per il sopranome Gaèi alle pagine 222, 287, 356, 374 (RACHE, Gaèi–Useladur), 727 ed anche alla pagina 855, sempre del volume 2° I PIARDI, edito l’anno 2000)

Luigino Piardi, nato a Bovegno in Val Trompia nel 1946 muore il 17 marzo 2015. Figlio di Giuseppe junior “detto Cipa” (Pezzaze, 1910) e Maria Emma Balduchelli da Pezzaze (1913). Luigino sposa nel 1970 Pierina Facchini ed ha una figlia: Luisa (1978).
I nonni paterni dell’oggi defunto Luigino furono: Giuseppe Piardi senior “detto Pì de Piarcc” (Pezzaze, 1880) e Balduchelli Giovanna “Gioanina” (Pezzaze, 1882); mentre i suoi bisnonni paterni furono Francesco Piardi “detto Sgalmer” (Pezzaze, 1843) e Caim Annunciata (Eto di Pezzaze, 6 settembre 1853 – Pezzaze, 29 gennaio 1935), coniugi il 26 settembre 1877, di anni 33 lo sposo e 23 la sposa.

I trisavoli paterni del defunto Luigino furono: Ermenegildo Piardi e Balduchelli Rosa, mentre quelli materni sono stati Battista Caim e Maria Maffina. [Vedere I PIARDI, volume 1 (1998) e volume 2 (2000)].

  • Antônio Carlos Pacheco dos Santis. (Brasile), padre di Cris PIARDI, da Sorriso. Morto il 4 aprile 2015.

  • Gianfranco Reboldi. Il 22 maggio 2015 è morto - a causa di un incidente con mezzo agricolo - Gianfranco REBOLDI di anni 70, nipote di nonna Brigida PIARDI. I funerali si sono tenuti Lunedì 25 maggio in GUSSAGO (Brescia) - Lombardia. Gianfranco fu figlio di Angelo junior del 1906 (di Angelo senior e Brigida Anna Piardi del 1872, sposi l’anno 1893) e Laura Peroni. [Vedere I PIARDI, volume 1 (1998) e volume 2 (2000)].

  • Maria Arici vedova di Ernesto Lumini (figlio di Pietro e Teresa Piardi). Gardone Val Trompia, 28 luglio 2015. Nata a Ome e vissuta a Gussago indi a Brescia.

  • Gesuino Bregoli. Sabato 2 gennaio 2016, PEZZAZE in Val Trompia. Oggi pomeriggio siamo stati al funerale di GESUINO BREGOLI di anni 83, sposo di Merile Ferraglio (1938) figlia di Maria PIARDI (1902) dei detti Mafé. I figli sono: don Fabrizio (Parroco di Collio in Val Trompia), Walter e Renato. Ha partecipato, in una chiesa gremita, una moltitudine di familiari, amici e parrocchiani di Pezzaze, Collio in Val Trompia e di altre località.

(Vedi: “ I Piardi” vol.1, edito l’anno 1998, alle pagine 69/73; alle pagine di cui al link > http://www.piardi.org/persone/p30.htm )

 


Nel 2014, i nostri morti:

 

  • Antonio Piardi. PEZZAZE in Val Trompia, 22 Marzo 2014.  Un nuovo PIARDI ci ha lasciato: ANTONIO PIARDI dei detti Valì, di anni 85. I funerali si terranno Lunedì 24 marzo, alle ore 14.30 in Pezzaze di Val Trompia. Lascia la sposa Marisa Sedaboni, i figli Paride e Armando, nipoti e pronipoti.[All’anagrafe antica di Pezzaze: PIARDI ANTONIO BETTINO, figlio di Francesco (1902) e di Bregoli Catterina (1904), nato a Pezzaze 6 febbraio 1929].

  • Licio Piardi da CIZZOLO di Viadana – Mantova. Porgiamo sentite condoglianze alla sposa, al fratello, ai figli, a tutti i familiari e parenti. Della morte di LICIO ci informa Daniela Piardi – Azzali da Viadana (MANTOVA), oggi 2 Maggio 2014 – ore 14.35: << Sono la Daniela, ti volevo informare che un altro Piardi, il Sig. Licio Piardi è venuto a mancare all’età di 88 anni. Tanti cari saluti, Daniela e famiglia>>. LICIO Piardi figlio di Pilade da CIZZOLO di Viadana – Mantova.

  • Alexandre Piardi. 18 Maggio 2014. Vacaria di Rio Grande do Sul. Alexandre Piardi da Silva. Tutta la famiglia PIARDI "I Piardi nel mondo" partecipano al lutto che ha colpito FABIANO PIARDI da SILVA con la morte del fratello ALEXANDRE PIARDI DA SILVA.

  • Ines Bontempi ved. Piardi. GUSSAGO (Brescia) Italia, 24 Maggio 2014. E’ deceduta la nostra INES. Ines BONTEMPI (1917), vedova di Pietro PIARDI (1907-1983) appartenuto ai detti Catanì di Gussago degli antichi PIARDI originari di PEZZAZE in Val Trompia. Esprimiamo sentite condoglianze ai figli: Angelo ed Ernestina ed ai discendenti, parenti tutti.

  • Mario Piardi. 1 Luglio 2014. Gardone Val Trompia. MARIO PIARDI (1960), di anni 53, figlio dei furono Giuseppe Mattia (1918) dei detti Mafé e di Iside Buscio da Pezzaze; nato a Susa (TO) il 24 dicembre 1960.

  • Giuseppe Piardi. Bussoleno (Torino), 3 Luglio 2014 muore Giuseppe Piardi figlio dei furono Faustino dei detti Mafé di Pezzaze e di Pierina Gallia da Marmentino. Nato a Susa (To) 67 anni fa.

  • Gildo Henrique Piardi. 27 luglio 2014 in Itapira, San Paolo del Brasile. La preghiera di tutta la famiglia PIARDI accompagni Gildo Henrique Piardi per la vita eterna; era nato il 12 settembre 1953.

  • Arcangelo Piardi, nato a Pezzaze in Val Trompia l’anno 1930. Morto a Bergamo il 3 novembre 2014. Della famiglia Mafé –Topo. Ultimo di nove fratelli; figlio di Bortolo Angelo Piardi (1885-1958) e Caterina Rossi.

  • Luciano Veneziani di anni 70, sposo di Alba Bonfadelli figlia di Giovanni. (Giovanni Bonfadelli figlio di Pietro e Elisa Piardi); Gussago (Brescia), 22 dicembre 2014.

  • Tutti i nostri Piardi e familiari ...andati avanti... nel policromo mosaico celeste del Casato.

Le famiglie ci aiutino a non incorrere in spiacevoli mancanze!

 


Defunti dell’anno 2013

  • Paola Codenotti (Gussago, 1948), sposata a Giorgio Gussago. Funerata in Gussago (Brescia) il 13 Febbraio 2013. Figlia di Angelo “Palasà” e Piera Guerini da Ome. Nipote di nonna Rosa Reboldi (dei furono Angelo e Brigida Piardi dei detti Catanì).

  • Nadia Bontacchio (Pezzaze, 1951), sposa di Giuseppe Bregoli. Funerata in Pezzaze il 7 Maggio 2013. Figlia di Cesare e Rita – Arnaldina Ferraglio (dei furono Giovanni e Maria Piardi del 1902 dei detti Mafé).

  • Luigi Piardi “Gigi-Gigetto” di anni 60; Viadana (Mantova), 1° Luglio 2013; sposo di Adele ROSA. Figlio di Gino (1909) della famiglia detta Pacion di Cizzolo (MN) e di Margherita Ghidini.

  • Delfina Piardi – Bernardelli. Figlia di G. Battista dei detti Cansonète e di Pasqua Piotti da PEZZAZE, ci ha lasciato il 26 Agosto 2013. Nata il 21 settembre 1927 a PEZZAZE in VAL TROMPIA (Brescia), era vedova di Francesco Bernardelli. Viveva a MILANO. Funerata a Milano il 28 Agosto 2013; Ufficiata a Mondaro di Pezzaze il 2 Settembre ed ivi tumulata.

  • Giuseppe Bregoli fu Primo e di Irene Piardi “Piarcc” o Sgalmer. Nato a Pezzaze il 3/7/1948 e morto il 30/10/2013. (Parente diretto, per mezzo di Maria Leonilde PIARDI “Sgalmer” di tutti i PIARDI romani e laziali).

  • Savino Piardi. Morto Venerdì 13 Dicembre. Nato a Pezzaze l’anno 1943 figlio di Maffeo dei detti Mafé e di Candida Maffina; sposato a Valeria Otelli.


Defunti dell’anno 2012

- Mariana de Oliveira Piardi. 12 ottobre 2011. Mariana de Oliveira Piardi, de 23 anos, estava em um Renault Logan, que bateu na traseira do veículo de carga, estacionado em um posto de combustíveis. Acidente havia ocorrido no início da manhã do feriado de quarta-feira em São Leopoldo - Brasile

- Maria Piardi vedova Toninelli. Nata a Pezzaze l’anno 1927, figlia di Giovanni (dei detti Quarantì) e Caterina Bernardelli. Funerata a Pezzaze il 28 Dicembre 2011.

- Don Gian Piero Piardi, Sacerdote della chiesa Cattolica. (Pezzaze in Val Trompia, 18 settembre 1942 – SUSA (Torino) 19.01.2012). Figlio di Faustino-Bortolo “Mafé” e Pierina Gallia da Marmentino.

- Giuseppe Piardi di Antonio (1875) e di Margherita Bontacchio. Nasce nel 1928 a Pezzaze; della stirpe pezzazese detta De la Costa. Sposa Lidia da Conflenti (Catanzaro) e va a vivere in Francia nel 1948. Decede in Francia il 27 febbraio 2012. (Fratello di Rosa Piardi De la Costa sposata Raza).

- Giorgio Falca di anni 67; sposo di Liliana Piardi (famiglia Mafé originaria di Pezzaze) da SUSA (To). [Liliana è sorella del defunto (19 gennaio 2012) Don Gian Piero Piardi].

- Clelia Piardi (“dol Giulio di Cansonète e do la Santina Piardi dol Chichera”) sposa di Franco Taglietti. Brescia, morta il 7 Agosto 2012, di anni 84. Funerata a Brescia, in Sant’Afra in Sant’Eufemia, il 9 Agosto. [A Giulio, padre della defunta Clelia, abbiamo dedicato una pagina nel nostro sito- portale, cliucca qui..]

- Gian Piero Viretti  (ved. di RENATA PIARDI di Mafé di Pezzaze). Susa (To), 13 agosto 2012. I funerali si tenuti in SUSA (Torino) Giovedì 16 agosto - chiesa di Sant'Evasio in città di Susa. Salutiamo il nostro G. Piero e porgiamo le più sentite condoglianze alla figlia MARA ed ai familiari tutti. [Cognato del defunto Don GIAN PIERO PIARDI]

- Pietro Piardi, detto Piero (Torino, 1944 - Venaria Reale (To), 22 agosto 2012). Linda, la figlia, così ci partecipa la scomparsa: <<23 agosto2012. Caro Achille, purtroppo stasera 22 agosto 2012 i Piardi hanno perso mio padre Pietro, detto Piero, dei Celvit, dopo una difficile malattia. Domani 23 agosto (ormai oggi) alle 19,00 si terrà il rosario e venerdì 24 alle ore 9,00 il funerale presso la chiesa di San Francesco a Venaria Reale (TO). Grazie, Linda Piardi>>. [Piero Piardi (Torino, 1944), autore del volume “Oltre la morte fisica”, è figlio di Leonida (Pezzaze, 1911 - detto Rico e noto a Pezzaze come “Ol Söca”) del fu Giacomo (1875) da Pezzaze, della famiglia nota col soprannome “Celvìt/Celvicc”, discendente degli antichi Piardi “Bone de Sante” o de la Santa dimoranti al Quader dè Monder (Pezzaze)]. (Intervista all’autore, Piero Piardi, in data 18 maggio 2007, a cura di Achille Giovanni Piardi)

- Antonia Piardi vedova Raza. Defunta il 20 settembre 2012 a Pezzaze, di anni 61. Funerata a Pezzaze il 22 settembre. Della famiglia detta de la Costa: figlia di GIACOMO PIARDI del 1920 (dei furono Antonio del 1875 e Margherita Bontacchio) e Ines Richiedei.


Defunti dell’anno 2011

- Carolina Lucia Ghidini d’anni 90, vedova di Enrico Bonfadelli (1911) figlio di Pietro e Elisa Piardi (1887) del fu Enrico Piardi (1853). Gussago (Brescia), 9 marzo 2011
- Teresa Bonfadelli d’anni 97, vedova di Severino Bonomi, figlia di Pietro e Elisa Piardi (1887) del fu Enrico Piardi (1853). Gussago (Brescia), 17 giugno 2011
- Oliviero Piardi di anni 69. Lumezzane San Sebastiano (Brescia), 8 Luglio 2011. Lascia <<La moglie Marsilia, i figli Paolo, Daniela con Marco e Giorgio>>. Funerato a Lumezzane San Sebastiano (Brescia) nel pomeriggio di Domenica 10 Luglio. Era nato ad Arvié (AOSTA) il 8.10.1941.
- Gianluca Piasenti d’anni 34, figlio di Laura Piardi (di Giuseppe Mattia del 1918 dei detti Mafé e Iside Buscio) e Ugo Piasenti. Dimorante in Pezzazole di Pezzaze. Funerato in Pezzaze il 31 agosto 2011.
- Barbarina Piardi (1948) di Bono (1910), dei Bone de Sante (de la Santa), e Margherita Bregoli (dei detti Fene). Funerata in Pezzaze il 13 settembre 2011.
- Andrea Piardi (1923). Medico. Brescia, 21 novembre 2011. Figlio di Giuseppe


Albino Piardi (Genova, 1925), figlio di Luigi da Riva Trigoso (Ge) di origini mantovane. †17 gennaio 2007. Avvocato - coniugato con Marangoni Maria nata a S.Maria di Lestizza (Udine).(Comunicazione del 14.7.2010).
Vedi > http://www.piardi.org/persone/p56.htm PIARDI genovesi, oriundi...

Bruno Piardi (Pezzaze, 1938), figlio di Giovanni dei detti Quarantì e di Caterina Bernardelli; sposo di Dolores Beniamina Maffina. Muore a Pezzaze in Val Trompia (Brescia) il 27 gennaio 2007.
[L’ultimo incontro con Bruno - dei Quarantì-Bone de Sante - fu il 22 maggio 2003, sotto la ‘Torre romana’ di Mondaro in Pezzaze. Come va?, domando; Bruno risponde: bene! Infatti, è di fisico asciutto, fuma, sta recandosi al bar “da Romina”. <<...ora esco poco la sera, così mi sento meglio fisicamente ed ho messo su qualche chilo... che comunque mancavano...; sono in pensione e cerco di goderla, dopo aver lavorato alla ditta Redaelli in Gardone. Gli amici hanno cercato, a più riprese, di portarmi con loro in altro stabilimento della zona, ma io ho preferito rimanere al mio primo posto di lavoro... tanto lavorare si deve in qualunque azienda tu vada... (...). (...).>>.]. (Testimonianza in breve di Achille Giovanni Piardi)

Angelo Bonfadelli, di anni 82; Gussago (Brescia), 11 febbraio 2007. Noto come “Panina” Figlio di Elisa Piardi dei detti Catanì e di Pietro “Burtulèto”; sposo di Marta Frassine. [Più volte in una settimana, in questi ultimi anni, vi fu occasione di incontrarci, quasi sempre in piazza Vittorio Veneto di Gussago; io sempre di corsa, lui, forse, dopo aver da poco lasciato gli amici al bar.]. (Testimonianza in breve di Achille Giovanni Piardi)

Giacinto Piardi, di anni 87. Gussago (13 dicembre 1919 – 11 febbraio 2007). Figlio di Luigi (Gussago, 1890-1951, detto “Bigì di Runcù”) dei detti Catanì e di Rosa Colosio; vedovo di Elvira Andrini.
[Ho avuto modo di incontrare Giacinto molte volte nel corso degli ultimi 58 anni, sin dall’infanzia - quando entrambi abitavamo nella contrada di Navezze in Gussago. Due dei suoi tre figli hanno, più o meno, l’età di chi scrive e l’infanzia è stata trascorsa assieme, in quei cortili assai promiscui e fitti di bambini; identiche le esigenze e scarse o nulle per tutti le possibilità di soddisfarle. Giacinto (con i suoi fratelli: Achille, Giovanni ed Enrico) è vissuto, anche fisicamente, vicino a mio padre Francesco quanto ai suoi fratelli e miei zii: Angelo, Giuseppe, Pietro, Andrea ed alle loro tante sorelle. Gli incontri degli ultimi anni, sino a quello del mese d’ottobre 2003, sono stati in occasione dell’annuale raduno delle ‘classi di ferro’ 1919, 1920 e ’21, allorquando vi accompagnavo mia madre Teresa (1920); l’ultimo incontro in assoluto con colloquio, stavolta ravvicinato, fu a pochi passi dalla sua casa di Casaglio, nella primavera del 2005, mentre passeggiava e mi disse: chè foi sèmper seràt sö ‘n cusina?! Chiese pure di me, della mia vita, con chi vivessi e chi mi accudisse, dopo la morte di mia madre; quasi a volersene occupare... come quando giocavo con i suoi figli, tanti anni fa, in uno di quei bei cortili con loggiato, nella contrada di Navezze. Del resto, i genitori quando smettono di occuparsi delle loro creature?
Navezze: la al dèl patöss (la Valle del fogliame). Patöss: foglie secche rastrellate, anche al chiaro di luna, da vendere per l’utilizzo a mò di strame o lettiera per le bestie; valletta tanto cara a tutti gli antichi Piardi, perchè anche fonte di piccoli, sudati, quanto immediati introiti onde poter affrontare ‘a testa alta’ l’ingresso domenicale all’osteria paesana.].
(Testimonianza in breve di Achille Giovanni Piardi)

Adelina Furchì, di anni 62, sposa di Pietro Piardi figlio di Leonida della famiglia “Celvìt” di Pezzaze, dimorante in Torino. 11 Febbraio 2007, Venarìa (TO). [Testimonianza del marito, Pietro e della figlia Linda. Maggio 2007].

Serafina Spranzi, di anni 84, vedova di Cesare “Gino” Piardi da Gussago. Nativa di Collio, muore a Gussago il 25 febbraio 2007. [Nonostante vivesse a Gussago da 60anni e avesse figli della mia stessa età, ho avuto poche occasione di incontrare Serafina. L’ultimo incontro credo risalga a quando ancora abitava la casa agli Odorici, perciò negli anni Settanta; persona schiva e lavoratrice della campagna, come lo fu il marito “Gino” (Classe 1913), anche nella nuova dimora con vigneto sulle pendici del Colle Barbisone, in vista dell’ex convento della Santissima.]. (Testimonianza in breve di Achille Giovanni Piardi)

Brigida Reboldi, figlia di Angelo del 1906 (dei furono Angelo e Brigida Piardi dei “Catanì”) e Laura Peroni (1905); di anni 76, nata a Gussago. Sposa di Angelo Turotti. †Gussago (Brescia), 10 marzo 2007.
[Sino a qualche mese fa, sovente, ho avuto modo d’incontrare Brigida: così dagli anni della mia infanzia, dimorando entrambi nella Contrada gussaghese di Navezze. Inizialmente vicinissimi quando lei viveva nel cortile del mulino Reboldi ed io nell’antica, attigua, casa dei Piardi. Molte furono, perciò, le occasioni per incontrarla gironzolando sotto il portico di casa dei suoi genitori, nel prato dei Reboldi, sulla sommità della seriola “Serioletta” dalle cui acque traeva la forza la ruota a pale del vecchio ed importante mulino di casa, ovvero negli attigui cortili dei Peroni, meglio noti come “Chèca”, famiglia della madre di Brigida, ed anche nei pressi delle antistanti abitazioni dei Lumini (Angelo “Tòni”, Ernesto e Luigi “Bigiara”) discendenti di Teresa Piardi e di Pietro “Mürachèt”. Poi: negli anni della mia adolescenza, in particolare dalla primavera del 1958 a quella del 1965, anche in località Fontana di Navezze (Vicolo dell’Alfiere), in casa del ciabattino Francesco Turotti “Türòt” e di Rosa Peli. Più in qua negli anni la incontravo, almeno una volta a settimana, sempre in piazza della chiesa, quando veniva dal medico o dopo aver fatto la spesa...; quasi ogni volta, con cortese sorriso, mi ricordava, come un antico adagio: “... pòtâ, la me nonâ e èl tò nono iera fredei ! ...” (... sai, mia nonna e tuo nonno erano fratelli!); eppure, nessuno di noi due ebbe a conoscere questi nonni.]. (Testimonianza in breve di Achille Giovanni Piardi)

Franco Facchini (di anni 80), sposo di Rachele Edda Piardi dei detti de la Costa di Pezzaze. † Inzino di Gardone Val Trompia (Brescia), 17 Maggio 2007. [In più di un’occasione ho incontrato Franco, sempre accompagnato dalla moglie; in casa propria od a Pezzaze e nel corso dei nostri Raduni. Persona mite, generosa, di grande affabilità, scherzoso con tutti; l’ultimo incontro avvenne a Inzino in casa sua, mi accompagnavano mia sorella Rosangela col figlio Francesco, di ritorno da Pezzaze ove avevamo partecipato, presente Rachele Edda, ad una seduta del Comitato dei Piardi. I funerali sono officiati in San Giorgio d’Inzino col concorso di molto popolo; l’ultimo saluto in chiesa è “riservato” alla limpidezza dei sentimenti esternati dai suoi nipotini, tanto amati. Amati come anche lui era amato in quel d’Inzino, lassù sulla strada per la località di Magno]. (Testimonianza in breve di Achille Giovanni Piardi)

Pierina Gallia, vedova di Faustino Bortolo Piardi (1916) “Mafé” di Pezzaze. Nativa di Marmentino in Val Trompia (Brescia) - †22 maggio 2007, Susa (Torino); madre di Don Gian Piero Piardi [Parroco di Sant’Evasio in SUSA (To) e, tra i molti incarichi, Vicario Episcopale della Diocesi per la Pastorale del lavoro, per i Migrantes e responsabile “Caritas”].
[Solo poche volte ebbi il piacere d’incontrare Pierina, di antica e nota famiglia marmentinese: due volte a Pezzaze e altre due in città di Susa, l’anno 1999 e 2004, in occasione dell’anniversario sacerdotale di Don Gian Piero. La conobbi, il 12 maggio 1999, in Pezzaze alla presenza del figlio, Don Gian Piero, di Vittoria Zeni Piardi con sua figlia Carla Piardi “del Milo” e di Rita Arnaldina Bontacchio, figlia di Maria Piardi (1902) dei detti Mafé. Ci trovavamo in casa di Rita e le nonne discorrevano, quasi gareggiando tra di loro, dei tempi andati in quel di Pezzaze e delle numerose famiglie dei Piardi, con tante bocche da sfamare in ciascuna, ogni dì. Così la conobbi e mi fu subito simpatica, soprattutto per il forte cipiglio con cui affrontava l’amichevole discussione. Utilizzai il mio silenzio, non potevo fare altro, per far tesoro del valore e del contenuto della conversazione, utile alla mia ricerca sui Piardi pezzazesi, i più ormai passati a miglior vita. Appresi della sua vita vissuta a partire dal matrimonio con Faustino Bortolo, della vita a Pezzaze tra e per i Piardi nella casa di Dendó, dell’attesa di Gian Piero (proprio in detta modestissima casa rurale unitamente alle paure, per notizie infauste, che qualcuno del vicinato aveva tentato di farle provare inerenti il non ritorno di Faustino dalla guerra) mentre il marito si trovava impegnato quale Alpino nella Campagna di Russia, del loro definitivo viaggio in Val di Susa col piccolo di due anni e mezzo, l’anno 1946, ed in attesa della secondogenita, Liliana, arrivata subito. Oggi, 24 maggio 2007, Piera viene tumulata non nella sua montana e nativa Marmentino di Val Trompia, ma sempre tra montagne, ed anche ben più alte, quelle della Val di Susa, nel Camposanto della città di Susa a stretto contatto del suo Faustino († 1964), guardando insieme a lui il Rocciamelone ed affidata, per invocazione del figlio Don Gian Piero, alla Regina di tutte le mamme, appunto la Madonna del Rocciamelone. Alla Messa di commiato, concelebrata da suo figlio in comunione con uno stuolo di ben 26 sacerdoti segusini, partecipano centinaia di fedeli gremendo chiesa e cortile della chiesa di Sant’Evasio. Il ricordo esequiale è semplice come tale fu la vita di “Nonna Piera” foriera di “... semplicità operosa a favore di molte generazioni di ragazzi e giovani: oggi uomini e donne, padri e madri”. << Lei soleva dire che faceva tutto per me, suo figlio sacerdote, in realtà compiva ogni azione per i ragazzi di Susa ...”, anche durante i lunghi periodi di vacanza alla Casa Alpina di Ferrera (To). << Casa Alpina che per volontà di noi figli: Gian Piero, Liliana, Renata e Giuseppe sarà riattata e riaperta nel ricordo di nostra madre “Nonna Piera” >>, come tutti la chiamavano. Don Gian Piero così ultima il ricordo: << Molto premurosa per tutti noi, soprattutto per me sacerdote che diceva essere più debole non avendo una famiglia! >>.]. (Testimonianza in breve di Achille Giovanni Piardi)
Per la vita della famiglia di Piera e Faustino, vedi anche http://www.piardi.org/persone/p26.htm.

Lucia Piardi,
di anni 87, vedova di Fioravante Reboldi. † 12 giugno 2007, Civine di Gussago (Brescia). Lucia nata a Pezzaze (1920) era figlia di Bortolo Angelo (noto come Bianco Topo, Pezzaze 1885)[di Maffeo e di Maria Viotti] e Caterina Rossi (1891) [di Giovanni e Margherita Bontacchio]. [ I funerali sono officiati in San Girolamo a Civine di Gussago, il 14 giugno 2007, dal Parroco Don Angelo Gozio tra imponente folla di fedeli; << Lucia, dal latino Lux: luce; che il Signore conceda alla sorella Lucia la luce eterna a premio delle fatiche e delle sofferenze sopportate nel corso della lunga vita; tutti saremo ricordati e premiati in ragione dell’amore che avremo saputo donare >>. Il riposo eterno di Lucia è presso il Cimitero di Civine posto su di un poggio, appena sotto casa, anche oggi sfolgorante di luce. Ho incontrato poche volte Lucia - vissuta, assai schiva, alla cascina “Nebbie” nel bosco di Civine - l’ultima il 26 gennaio 1998, giorno del funerale del marito Fioravante]. (Testimonianza in breve di Achille Giovanni Piardi)

Sacerdote Don Giuseppe Bregoli, figlio di Cecilia Seria Piardi da Pezzaze. Montichiari, 1933 - Palazzolo Sull’Oglio (Brescia), 22 luglio 2007. Funerato a Palazzolo il 25 luglio e ivi tumulato nella cappella cimiteriale dei sacerdoti. [Don Giuseppe Bregoli, parroco,  nato a Montichiari 29 settembre 1933. Ordinato a Brescia il 15-6-1957. Curato – Vicario Cooperatore a Bedizzole dal ‘57 al ‘72. Parroco a Ponte S. Marco dal ‘72 all'86. Parroco di S. Maria Assunta in Palazzolo dal 1986 al 22.7.2007]. [ Ho conosciuto Don Giuseppe, proprio in S. Maria Assunta di Palazzolo Sull’Oglio il 12 agosto 2002, giorno dei funerali di Teodoro Piardi “Doro di Cansonète” officiati da Don Giuseppe. E’ proprio nell’omelia funebre per “Doro” Piardi che il Rev.do Don Giuseppe fa esplicitamente cenno alla vicinanza parentale col casato PIARDI, in seguito alle sue origini materne Piardi. Fu lo stesso “Doro”, in un incontro di diversi anni prima, a chiedergli quale fosse il legame del sacerdote don Giuseppe con i Piardi. Mi era accanto, durante quell’omelia agostana, l’amico Pierino Gabrieli “Pim” nipote di nonna Piardi ed amico di famiglia dei “Cansonète” ]. (Testimonianza in breve di Achille Giovanni Piardi)

Renata Piardi, figlia di Faustino “Burtul” di Mafé da Pezzaze. Susa, 1949 – Susa (Torino), 7 agosto 2007. Sposata a G.P. Viretti. I funerali sono officiati, in Sant’Evasio di Susa, giovedì 9 agosto 2007 dal fratello Don Gian Piero. [Incontrai Renata alcune volte dal giugno 1999, l’ultima due mesi fa, il dì dei funerali di sua mamma, Pierina Gallia, il 22 maggio di quest’anno 2007 in Susa (To). Lascia questo mondo per l’altra patria, quella celeste, appena reduce, Domenica scorsa, dalla devozione alla Madonna del Rocciamelone; la Vergine che, innalzata sulla vetta della montagna segusina, sovrasta e protegge, da più di cent’anni, le popolazioni dell’intera vallata di Susa, del Sangone e delle convalli]. (Testimonianza in breve di Achille Giovanni Piardi). Vedi anche http://www.piardi.org/persone/p26.htm

Vittoria Zeni ved. di Domenico “Milo” Piardi dei detti Mafé. †17 ottobre 2007, Pezzaze in Val Trompia. [Ho conosciuto Vittoria, madre di Carla – Segretaria del nostro Comitato, nell’agosto del 1997, un anno dopo la morte del suo amato “Milo”. Ignaro delle piaga ancora aperta, per l’improvvisa morte di Domenico (Giugno 1996), fui in casa di Vittoria e di sua figlia Carla a proporre loro di parlarmi dei Piardi...; a ciò forte fu lo sprone infusomi dalla nota Rita (†2000) figlia di Maria Piardi di Mafé, amata benefattrice della Comunità, pizzicagnola di Pezzaze - Stravignino. L’accoglienza verso di me, da parte di Vittoria e dell’intera sua famiglia, fu in ogni modo straordinaria ed anche qui ebbi il sicuro e necessario appoggio per continuare a percorrere a ritroso il lungo cammino tra i Piardi di Pezzaze. Vittoria l’ho poi incontrata moltissime volte e, con grande affabilità, sovente sono stato trattenuto a pranzo nella sua casa di Pezzaze Stravignino; diverse le occasioni di colloquio con riferimento al trascorso passato in casa degli antichi Piardi; l’ultima volta, il mese di giugno 2007, nella nuova casa nei pressi del ponte della Frera, ai piedi di Pezzaze – Stravignino: sempre attenta ha seguito la nostra conversazione con desiderio di interloquire, anche se a fatica data la malattia]. (Testimonianza in breve di Achille Giovanni Piardi)

Teresa Loda in Abeni, nipote di Anna Maria Giuseppa “Marietta” Piardi di Catanì. † 4 Novembre 2007, Gussago (Brescia). [Con frequenza, per almeno quarant’anni, ho incontrato Teresa, tranne nei mesi di quest’anno. Ogni tanto mi ricordava di sua nonna materna “Marietta” Piardi e di suo zio Ernesto, noto come “Tòto dè Sabatol”, figlio di “Marietta”. Ernesto portava il nome del nostro comune bisnonno Ernesto Piardi dei detti Catanì noto, a Navezze di Gussago (Brescia), come “èl Siur Nano di Piardi” (†1919)]. (Testimonianza in breve di Achille Giovanni Piardi)

Tutti i nostri Piardi e famigliari ...andati avanti... nel policromo mosaico celeste del Casato, sino al termine del 2007.
Pezzaze, Dicembre 2007

Maria Piardi, di anni 93, ved. di Enrico Balduchelli. † Pezzaze, 1 marzo 2008. Figlia di Angelo (fu Antonio dei detti Valì) e di Lucia Raza (di Domenico e Ghetti Pasqua). <<Ne danno l’annuncio i figli Enrica, Celeste, Livia, Livorio, Marina e Silvia, generi, nuora, nipoti e pronipoti (...) >>. Funerata nella chiesa parrocchiale Arcipretale di Sant’Apollonio vescovo a Stravignino di Pezzaze, Domenica 2 marzo, proveniente dalla casa in frazione Pezzazole (Via Miniera, 15).

Lucia Piardi, di anni 48, sposa di Maurizio Rocchi. † Bedizzole, 11 aprile 2008. Figlia di Antonio (Pezzaze, 1919 - Bedizzole, 1991) [di Giacomo (Pezzaze, 1882-Calcinato, 1973), dei detti Pelès di Pezzaze, e Angela Viotti (Pezzaze, 1884) dei detti Mastrì] e di Angela Tameni.
<< Ne danno l’annuncio il marito Maurizio, i figli Desirè, Giampietro, la mamma Angela, il fratello, le sorelle (...) >>. Funerata nella chiesa di S. Stefano in Bedizzole (Brescia), Lunedì 14 aprile 2008.

Giacomo Osvaldo Piardi, di anni 70, sposo di Maria Grazia - Wanda Sordiglioni. † Brescia, 27 Maggio 2008. Figlio di Battista “Chichera” del fu Giacomo e di Concetta Maffina da Pezzaze. Funerato in Brescia il 29 Maggio 2008. >>Fondatore, Co-Presidente e Cassiere del nostro Comitato<< - [Con Osvaldo, Giacomo Osvaldo, e per merito suo potè avere inizio, 11 anni fa, l’avventura della ricerca sul casato Piardi tra le famiglie di Pezzaze. Osvaldo mi introdusse nelle famiglie della comunità pezzazese, nell’archivio Parrocchiale, Comunale ed in quello del Pio Istituto Angelo Bregoli; è stato il mio garante. E’ stato anche grazie alla sua forza se siamo giunti, il 1° Maggio 1999, alla formazione ed all’insediamento del ‘Comitato dei Piardi’, poi “I PIARDI NEL MONDO”. Pur tra tante difficoltà, ha creduto - convincendo noi tutti – che, unitariamente, I PIARDI potessero essere operosi ed ancora generosi come lo furono i nostri avi nel tempo, sin dal secolo XV; un tempo lo furono verso la necessitata comunità d’origine, oggi per sconosciute comunità d’oltre oceano: Bangladesh, Bolivia, Brasile. Quanti gli incontri, a due o comunitari, con Osvaldo! Quanta la sua aperta disponibilità nel fare e nell’agire, pur sempre guidata da saggia prudenza! Abbiamo, ho, perso un amico, una sicura spalla. Ho perso il mio garante!]. (Testimonianza in breve di Achille Giovanni Piardi)

Marinella Della Valle, nata a Cantù il 18.7.1945 e deceduta il 22 settembre 2007 a Cantù (Como); sposata a Molteni Gian Paolo. Figlia di Antonio Della Valle e ANGELA “Angelina” PIARDI (31.08.1909 – 31.08.1988) del Gildo (Ermenegildo) Piardi (Pezzaze, 1873). (Comunicazione pervenuta il mese di Giugno 2008).
[Ermenegildo del 1873 (figlio di Giacomo e Piardi Santina dei detti Celvìt da Pezzaze) il 2 Maggio 1897 sposò Rossi Domenica Caterina del 1874 (figlia di Angelo e Bregoli Maria)].

Giovanni Piardi, deceduto il mese di maggio 2008 in Villaguardia (CO). Figlio di Faustino (1891), dei detti Brine, da Pezzaze e Albina Parolo.
Nasce a Villaguardia/Lurate Caccivio il 17 novembre 1932. Sposo di Ida Tettamanti da Villaguardia (Como). (Comunicazione pervenuta, il 24 del mese di Giugno 2008, da Francesco “Cinì” Piardi dei detti Brine).
[Ho avuto il grande piacere d’incontrare Giovanni, per la prima volta il 31 gennaio 1999 in Gussago - Brescia, in occasione dell’incontro in Gussago dei Piardi “Catanì”- alla folta presenza dei rappresentanti di tutta la Stirpe Piardi di Pezzaze. Giovanni con la moglie Ida, Bruno (1927), il fratello di lui, erano in rappresentanza dei Brine, soprattutto quelli emigrati prima in Valtellina e poi nel comasco. Fu bello parlare con Giovanni, sempre molto allegro, direi giocoso, entusiasta dell’idea che i Piardi s’incontrassero, come mai prima era accaduto; ebbi da loro, comaschi, in regalo una cravatta che mi donarono in casa mia.]. Testimonianza in breve di Achille Giovanni Piardi.

‘Anita’ Antonia Maffina, deceduta in Pezzaze di Val Trompia (BS) il 17 settembre 2008; Vedova di Giuseppe Buscio.
Era nata a Carpenedolo di Brescia l’anno 1928, figlia di Beniamino (1904) e Pierina PIARDI (Pezzaze, 1904) di Battista (dei detti Sgalmer - Sgalmere) del 1883. (La nonna materna di Anita, fu Rachele Ferraglio di famiglia originaria di Pezzoro). Funerata in Pezzaze - Stravignino in Val Trompia, Chiesa di S. Apollonio, Sabato 20 Settembre 2008; ha officiato Don Fabrizio Bregoli, Parroco di Collio in Val Trompia, figlio di Merile di Maria Piardi dei detti Mafé. << ...che la storia di vita di Anita, che qui, oggi, abbiamo portato innanzi la misericordia di Dio, aiuti noi tutti ad essere seme fruttifero caduto sul terreno buono, dando il centuplo per i fratelli ... >>. (Dall’omelia di Don Fabrizio Bregoli).
[Incontrai Anita, così tutti la chiamavamo, per la prima volta nel 1997 in Pezzaze, poi il 16 ottobre 1998, indi il 31 gennaio 1999, in occasione dell’incontro in Gussago dei Piardi “Catanì”- quando venne a rappresentare i Piardi detti Sgalmer o Sgalmere. Poi nel giugno del 2000 in Pezzaze durante il Raduno Giubilare Universale dei Piardi. La vidi e la visitai alcune volte nel corso dei successivi anni. Fu bello parlare con Anita Antonia, sempre cordiale la sua accoglienza, l’atmosfera assumeva colori più sfumati quando faceva brevi cenni alla vita familiare, sua e degli avi; ultimamente, qualche volta, ho chiesto di Anita a sua figlia Germana.
Anita mi parlò subito, anche di Battista e poi, più tardi, mi fece avere una nota del 1946 (scritta dal vicentino Virginio De Roit, commilitone di Battista) riferita allo zio Battista (Amedeo Battista, 1917 - 1943) Piardi dei Sgalmer, trucidato, con altri, in Sicilia dalla forza di sbarco americana, il 14 Luglio del 1943, nella strage di Aeroporto Santo Pietro – Caltagirone; argomento di cui si occupò, ampiamente, la stampa locale e nazionale nell’estate – autunno 2004, lo storico e scrittore Alfio Caruso, lo storico Gianfranco Ciriacono ed altri. Clamore che indusse la Procura Militare di Padova prima e quella di Palermo poi ad avviare indagini sull’eccidio.
Termino il ‘ricordo’ di Anita con le sue parole, inizio della conversazione, in dialetto di Pezzaze, del 16.10.1998. << “Sulla mia vita niente di bello perché … ho sèmpèr laurat! So sèmpèr stada desfürtünada. Mia mamma è una Piardi. Mi ha messo al mondo, questo è il più bel ricordo unitamente all’amore che lei aveva per mio padre. Da ragazza ebbe a lavorare sempre come contadina dotata di carattere molto severo e schietta. Il loro insegnamento ci è stato di grande aiuto per condurre una vita onorata e dignitosa. Vivevamo in un rustico, la cascina dei Maffina, quella di Domenico fratello del nonno. Dopo la morte dello zio Domenico improvvisamente … ci troviamo in mezzo alla strada. I parenti e la gente, in principio mi hanno anche aiutato dal momento che mio padre è morto a soli quaranta anni con cinque figli e l’ultima è nata sedici giorni dopo la sua morte. Si può immaginare lo stato d’animo di mia madre Pierina. Io ero la prima, si era ‘poveri in canna’, non avevamo niente.... . A sedici anni ho dovuto rimboccarmi le maniche per aiutare la mamma ad allevare noi sei fratelli dal momento che lei si era ammalata anche in conseguenza dell’ultimo parto. Da principio: scoppia la guerra (giugno1940), noi eravamo con la famiglia a La Thuile al confine con la Francia, poiché papà lavorava nelle miniere di quella zona. Questo lavoro che se da una parte gli consentiva l’esonero dal servizio militare inevitabilmente lo legava al posto in quelle terre per noi lontane. Voleva andarsene dalla zona di guerra così gli zii di Pezzaze gli ottengono, molto fortunatamente, il trasferimento conservando contemporaneamente l’esonero a condizione che continuasse a lavorare nelle miniere della Valle Trompia a Pezzaze. Diciamo che è stato fortunato e così fa. Ha trentotto anni e già quattro figli, (…) omissis. Quando era il momento sono andata anche alla monda del riso e così per tanti anni cambiando più posti. ... i miei anni di gioventù li ho passati a svolgere i lavori che ho detto molto pesanti e così tutti gli anni a secondo del momento e della stagione. Quello poi della monda del riso è senz’altro uno dei lavori più pesanti forse peggio della miniera per certi versi. All’inizio sono stata presso piccoli padroncini di risaia, appena finita la guerra, e ci si rubava il lavoro senza contratto. Andavo in Lomellina, zona del pavese, e anche, ma solo una volta, a Vercelli, una zona molto più fredda. Nel pavese invece sono stata in diversi posti. (…) omissis. Le mondine di Pezzaze eravamo molto apprezzate per il nostro lavoro tanto che i capi della monda ci facevano fare tutti gli argini della risaia. (...). Con me le mondine di Pezzaze erano tante, diverse anche di Mondaro: la Gelsoma e sua madre che fungeva da capa, la Ninetta mamma dell’Elidio. Si andava alla risaia su chiamata ed in base allo stato di bisogno della famiglia. L’ultimo anno sono andata pur sapendo di essere gravida di mia figlia, bisognava! Mio marito Giuseppe non lo sapeva, non glielo dissi, lo avevo detto solo a mia madre Pierina Piardi. Come si faceva a rimanere a casa … avevo bisogno di soldi per la mia famiglia..., Ero,però, sicura di dove sarei andata, del posto quanto del lavoro che mi avrebbero fatto fare. Sapevo che mi avrebbero dato un posto buono. Andai ma subito qualcheduna di noi se ne accorse del mio stato e ‘fece la spia’ forse anche a fin di bene, per me e per la creatura.(....), omissis >>. Grazie Anita ]. Testimonianza di Achille Giovanni Piardi.


Angela “Milì” Bettenzana ved. di Achille Piardi. Di anni 88 muore a Brescia il 20 ottobre 2008.
Nativa di Gussago è sempre dimorata a Gussago, della famiglia detta “Maté”. Funerata in Santa Maria Assunta di Gussago (Brescia) il 22 ottobre. Ha raggiunto il marito Achille (1915-1998), il figlio Aldo (1950-2002) e la figlia Maria Rosa (1947-2005). Dall’omelia funebre del Parroco: << Fratelli, Angela ci ha lasciato, una mamma una nonna! Una donna di grande fede. Vedete, vorrei paragonare queste nostre mamme e nonne a quelle grandi e frondose querce presenti una volta nei nostri boschi, le più alte e come tali svettanti su tutta la restante vegetazione, le prime a ricevere e godere della luce del cielo, magari con qualche ramo spezzato anzitempo ... (...). Queste persone di forte fede che ci hanno amato in vita non ci abbandonano mai, neppure nell’aldilà, e come potrebbero lasciarci soli dopo averci tanto amato!. Dall’alto del cielo, come quelle querce, ci seguono e ci amano ancora. (...) >>. (Don Antonio Bonetta, Parroco).
[Ho conosciuto “Milì” sin dai primi anni Cinquanta vivendo a Navezze di Gussago ove abbiamo abitato, soprattutto lei, sin da sempre. Sono coetaneo dei suoi figli, Maria Rosa e Aldo, con essi ed assieme siamo cresciuti, anche tra tante difficoltà in cui versava la maggior parte delle famiglie dell’epoca. Ho conosciuto i suoceri di Milì, Luigi “Bigì” Piardi (1890) e Rosa Colosio, soprattutto quando vivevano alla cascina Ronconi, èn Val Mort. Sovente ho frequentato quella casa posta in zona pedemontana; i miei, i Piardi tutti, conoscevano bene e frequentavano quelli detti (dal 1927) “Runcù”, comunque un ramo del ceppo Cattanini (in dialetto Catanì). Molte volte da ragazzo, soprattutto, sono stato ai Ronconi. Molte volte ho parlato con Angela “Milì” sino al giugno del 1998 presente il marito Achille ed il cognato Enrico Piardi ed anche dopo, oltre che nelle tre luttuose prove. Dal 1997, sempre ammirata dell’iniziativa intrapresa (da noi) di riunire i Piardi con lo scritto e con gli incontri conviviali. Molte e “inedite” le notizie sul Casato Piardi raccolte in casa sua con l’intervento del marito Achille Andrea, del cognato Enrico Napoleone e suo. Entusiasta di venire a conoscenza dell’esistenza di così tante famiglie Piardi in quel di Pezzaze ed in altri posti del mondo. Debbo qui ringraziarla per il pubblico riconoscimento del lavoro di ricerca da noi intrapreso, del materiale fornitoci da lei e dai suoi familiari e per avermi fatto conoscere, con sommi risultati testimoniali e documentali ai fini della robustezza della ricerca storica del Casato Piardi, Antonino Minutola (1915-2001) da Catania figlio di Salvatore e Aurelia Anna Piardi (Gussago, 1878) del fu Achille (†1879) da Gussago, ancora e sempre “Catanì”. Grazie Milì e grazie ai tuoi (nostri) Piardi e discendenti per il Vostro interessamento. Che meraviglia ricordare la pacatezza delle conversazioni in casa tua con il tuo Achille e con il nostro Enrico (1925), certamente attinenti a quanto andavo ricercando sui Piardi, ma non soltanto. Ad Achille ed a tutti i Piardi “Runcù”, meritatamente, abbiamo dedicato pure qualche pagina del nostro lavoro ed alcune delle nostre pagine web in www.piardi.org con foto. Riconoscente, Achille.]. Testimonianza breve di Achille Giovanni Piardi; Gussago, 22 ottobre 2008.

Siria Piardi, morta a Salò di anni 61. (Da Bollettino della Parrocchia di Salò, 8 Ottobre 2008) - www.parrocchiadisalo.it/image/Boll2008Bol.ottobre08.pdf - .
SIRIA PIARDI di Antonio (1904) dei detti Valì e di Domenica Fusi. Nata a Sabbio Chiese. Sposa di Gilberto Folli da Salò. (Dagli archivi del casato Piardi. Vol. I “I PIARDI” - ediz. cartacea 1998).

Pasqua Piardi (cl. 1922), morta a Pezzaze il 4 Novembre 2008. Figlia di Bortolo Angelo dei Mafè (noto come Bianco T.) e Rossi Caterina. Vedova di Angelo Viotti. (Dagli archivi del casato Piardi. Vol. I “I PIARDI” - ediz. cartacea 1998). Quanta la parentela col casato VIOTTI!.
Vedi (I due volumi “I PIARDI”, pubblicati l’anno 1998 e 2000).

Enrico Piardi, di anni 82. Gussago, 15 novembre 2008. Dei detti Catanì di Gussago (Brescia), originari di Pezzaze. Funerato in S. Maria Assunta in Gussago il 17 novembre 2008.
{Vissuto in casa col fratello Achille (1915-1998), prima alla Piazza, poi ai Ronconi “èn Val Mort” indi a Navezze, è figlio di Luigi “Bigì di Runcù” e Rosa Colosio. Che raccontare di Enrico, anzi Enrico Natale (Gussago, 25.12.1925): molti sono stati, sin dagli anni Cinquanta, gli incontri con Enrico [prese il nome di suo nonno paterno (Enrico Napoleone, 1853) ultimo degli otto figli di Andrea “Catanì” da Pezzaze, 1799-1854]. Di Enrico Natale abbiamo raccontato nel primo quanto nel secondo volume “I PIARDI”; in realtà abbiamo riportato, per lui e per altri Piardi, la sua testimonianza – sempre mutuata con le parole del fratello Achille (1915). Enrico, appartenente alla sfortunata classe di leva 1925, nasce all’ora in cui gli angeli sulla grotta di Betlemme intonano il “Gloria in Excelsis Deo et in terra pax hominibus bonae voluntatis ...”, alle due della mattina di Natale e lo tiene a battesimo Elisa Piardi (sposata Trivella), la notissima corpulenta oste di Via C. Cattaneo in Brescia (dietro il Duomo), figlia di Cesare (1844) [il notissimo Garibaldino alla “Spedizione dei Mille” del 1860, a soli 16 anni, di cui abbiamo ampiamente parlato in un messaggio del 14 ottobre 2008, diffuso dal Comitato dei Piardi, a mezzo di posta elettronica] e di Anna Erminia Tosini di Teodoro. Enrico Natale “... va sotto le armi”, ad appena 18 anni, l’anno 1944 e nel pieno della confusione di quei giorni è a Novara, da un breve ritorno a casa è richiamato e destinato a Cassino, ... non vi arriva, ed improvvisamente si trova a Malles Venosta, poi da questa località alto atesina, durante il viaggio di rientro in famiglia, .... va obbligatoriamente a lavorare alla Organizzazione Todt (dal nome dell’ingegnere tedesco che la ideò nel 1938...), una sorta di esercito ausiliario. Dedica tutta la vita attiva piegato sulla terra vitata del fondo “Ronconi” in quel di Navezze di Gussago; vede partire, prima di lui, tutti i fratelli (Giacinto, Giovanni e Achille), i figli di Achille e di “Milì” (Aldo e Maria Rosa) e, da pochi giorni, la stessa “Milì” Angela Bettenzana, cognata. Enrico: te ne sei andato da noi alla mattina, prestissimo, quasi alla stessa ora mattutina in cui sei venuto al mondo, con te si chiude la ‘Saga’ degli antichi Piardi Runcù. In questo Natale 2008 il “Gloria in Excelsis Deo...” lo canterai da lassù. Grazie Rico! Achille, riconoscente}.
Testimonianza breve di Achille Giovanni Piardi; Gussago, 15 novembre 2008. [Pezzaze: Dicembre. Dal numero ‘Natale 2008’ del notiziario “I PIARDI”. ] Pezzaze, Dicembre 2008

Annunciata Piardi “Nena” ved. Bregoli. † a Pezzaze, 15 febbraio 2009. Avrebbe compiuto 100 anni il 25 febbraio.
<<È mancata all’affetto dei suoi cari ANNUNCIATA PIARDI ved. BREGOLI (Nena) di anni 99. Ne danno il triste annuncio i figli Giulio, Gesuina, Cecilia, Ilde e Giovanna, il fratello Giuseppe, i generi, le nuore, i nipoti, i pronipoti e parenti tutti. I funerali avranno luogo oggi, martedì 17 febbraio alle ore 15 nella chiesa parrocchiale di Pezzaze, partendo dall’obitorio della Casa di riposo «Istituto Bregoli» di Pezzaze. Pezzaze, 17 febbraio 2009 >>. (Giornale Bresciaoggi)
È mancata all’affetto dei suoi cari ANNUNCIATA PIARDI ved. BREGOLI. (Nena) di anni 99. Ne danno il triste annuncio i figli Giulio, Gesuina, Cecilia, Ilde e Giovanna, il fratello Giuseppe, i generi, le nuore, i nipoti, i pronipoti e parenti tutti. I funerali avranno luogo domani, martedì 17 febbraio alle ore 15 nella chiesa parrocchiale di Pezzaze, partendo dall’obitorio della Casa di riposo «Istituto Bregoli» di Pezzaze. La veglia funebre si terrà oggi, lunedì 16 febbraio alle ore 20.
Un particolare ringraziamento a medici, infermieri e a tutto il personale della Casa di riposo «Istituto Bregoli» per le premurose cure prestate. Per volontà della cara defunta niente fiori ma opere di bene. La presente serve da partecipazione ringraziamento. Pezzaze, 16 febbraio 2009 (Giornale Bresciaoggi).
Di Annunciata “Nena”, della sua vita e delle sue tante “primavere” ha parlato la stampa bresciana il 25.2.2007. (Bresciaoggi).
Noi Piardi gli abbiamo dedicato, l’anno 2007, in occasione del suo 98° genetliaco una calorosa pagina del nostro sito, ricordandone anche le antiche origini; (vedi, infatti, http://www.piardi.org/persone/p69.htm Annunciata "NENA" PIARDI dei Pelès).

Gianni Ceresoli (Pezzaze, 1935). † a Pezzaze il 11.12.2008. Figlio di Cecilia Piardi, (dei detti Sgalmer/Sgalmere) e Ferruccio Ceresoli. Gianni era noto a tutti come “Ciarighì”. Sposo di Adriana Donini. Per il suo lavoro, personaggio notissimo a Pezzaze.
[La madre, gli avi ed i fratelli del defunto Gianni: << CECILIA PIARDI di Battista o Giovan Battista (1883) e di Rachele Ferraglio. Nasce il 23 agosto 1906. Sposa Ferruccio Ceresoli (31 luglio 1902 – 9 luglio 1974) ed ha cinque figli: Mario (1929), Emma (1933), Gianni (1935), Mari (1947), Franco (1943). (...). (...). Cecilia Piardi muore il 24 gennaio 1994 >>. (Da: “I PIARDI” vol. I. Ediz. 1998)].

Maria “Marietta” Piardi ved. Marini (Gussago, 1923). † a Brescia il 13 Luglio 2009. Figlia di Achille Domenico (1880), dei detti Catanì di Gussago originari di Pezzaze, e Angela Camilla Ghedi.
[Il 15 Luglio, durante la solenne celebrazione liturgica esequiale, il Prevosto di Gussago “S. Maria Assunta”, Don Adriano Dabellani, commentando le parole del Vangelo in cui si espone il differente, quasi contrastante, comportamento delle sorelle Marta e Maria ha definito la vita della nostra “Marietta”: <<... contemplativa nell’azione e attiva nella contemplazione ...>>. Moltissime le persone della gussaghese contrada di Navezze, dell’intera Gussago e da fuori si sono viste succedersi nel compiere la visita alla defunta; molte presenti al solenne funerale. I più che l’hanno conosciuta qui nel suo spiccato dire, agire e fattivo operare l’hanno anche già preceduta nell’altra vita. La riconoscenza umana per Marietta, anche se solamente simbolica data, anche, la stagione estiva, è stata copiosamente ed unanimemente espressa; le letture liturgiche dell’esequiale eucaristia sono state proclamate dai suoi attenti contradaioli: Adriana Gozio, nata e cresciuta nel cortile di casa degli antichi Piardi, Natalina Svanera maritata Zanotti “Mosca”, da decenni accorta e sensibile dirimpettaia e Achille, nipote, figlio del defunto fratello Francesco. Molti dei presenti ci hanno testimoniato l’operosità nell’assistenza sanitaria ai malati di tutte le famiglie della Contrada compiuta da Marietta, sin dalla fine degli anni Quaranta, ... con la scusa che era e fu infermiera all’Ospedale dei Bambini “Ronchettini” di Brescia e che per questo era ... la sola a poter disporre di una siringa di vetro per le iniezioni intramuscolari. Dopo quasi 18 anni di malattia e sofferenze, serenamente sopportate, è partita l’ultima dei più antichi Piardi gussaghesi].
(Testim. di Achille Giovanni Piardi).

Angelo Abeni, di anni 78, vedovo di Teresa Loda pronipote di Anna Maria Giuseppa “Marietta” Piardi dei detti Catanì di Gussago originari di Pezzaze. Deceduto in Gussago 15 Luglio 2009.

Severino Piardi, di anni 67. Morto in Rovato il 20 Luglio 2009. << Accompagnato dai suoi cari è giunto al termine del suo cammino Severino Piardi di anni 67. Ne danno il triste annuncio la moglie Caterina Lazzari, i figli Emanuele, Monica con Alessandro, gli adorati nipoti Federico e Ilaria, cognati, cognate, nipoti e parenti tutti. I funerali si svolgeranno oggi, mercoledì 22 alle ore 17.00 partendo dall’abitazione in C.so Bonomelli n° 96 per la chiesa parrocchiale Santa Maria Assunta.
Rovato, 22 luglio 2009 >>. Giornale Bresciaoggi, 22.7.2009.

Fabio Casanova (1961), figlio di Faustina Piardi fu Giuseppe da Navezze di Gussago. Sposo di Marina Moreschi. † Brescia, 29 agosto 2009. Noto tecnico, stimato libero professionista.
[Fabio: che dire della tua bontà, disponibilità. affettuosità, dimostrateci più volte ed in diverse circostanze? Del tuo mesto, ma sincero sorriso per tutti noi! Della stima che avevi per tutti e per la persona di chi ora ti ricorda con tanto rimpianto. Scusami se non ho saputo eguagliarti, ma chi avrebbe potuto farlo? Tu avevi capito, da sempre e a fondo, la parabola evangelica in cui Gesù descrivendo il “Giudizio universale” afferma, chiaramente, quale sarà il giudizio e destino finale per ciascuno di noi se non avremo messo in atto le cosiddette “Opere di misericordia corporale e spirituale” nei confronti <<... di uno di questi miei fratelli più piccoli... >>. E’ quanto è stato solennemente proclamato e commentato durante l’Eucarestia di commiato celebrata nella chiesa di S. Giulia al Villaggio Prealpino in Brescia. Oh! quanta gente al tuo funerale; tutti a testimoniare il tuo impegno di uomo, sposo, padre di famiglia, amato professionista e stimato volontario nel servizio di Primo pronto soccorso]. (Testim. di Achille Giovanni Piardi).

Annita Bonfadelli ved. Vignetti, di anni 90, figlia di Pietro “Burtulèto” e Elisa Piardi di Enrico. Deceduta in Gussago il 20 settembre 2009. Annita è la quinta degli otto figli di Pietro e Elisa (1887) accuditi e cresciuti da zia Emilia Bonfadelli [sorella di Pietro, vedovo, pur ella vedova di Guerra di Giovanni Piardi (†1916)] assieme ai suoi tre, dopo che venne a premorienza la cognata Elisa Piardi avendo dato alla luce l’ultima figlia, anch’ella Elisa.
[Il Parroco, Don Adriano Dabellani, durante l’Omelia della Messa di commiato, commentando il Vangelo di Luca, la parabola del Seminatore e del seme che cade parte in terra arida, parte sulla strada e ... parte sul terreno buono: << ... questa nostra sorella si impegnò nell’Azione Cattolica per far grande nella fede la nostra Comunità gussaghese, la nostra gente, la nostra storia, fece crescere il seme sparso dal Seminatore e lo fece fruttificare ...>>.].
(Testimonianza di Achille Giovanni Piardi).

Giuseppe Reboldi dei furono Angelo (1906) e Laura Peroni; pronipote di Brigida Piardi – Reboldi. Decede in Gussago il 21 settembre 2009, all’età di anni 68; sposo di Maddalena Peroni figlia dei furono Paolo e Rina Piardi. [Giuseppe: Da qualche anno non c’incontravamo più come, invece, era accaduto dalla fine degli anni Quaranta e per molti anni sino alla primavera del 1965 in quel di Navezze, la nostra ‘nordica’ Contrada, tutti giorni e più volte al giorno. Tu, di qualche anno più avanti di me, mi hai visto venire al mondo e crescere nella casa attigua alla tua; ci collegava (...o ci divideva) in quegli anni la serioletta pensile che alimentava il mulino di casa tua e da me la bella fontana del cortile di casa Piardi. Noi bambini, e tra questi anch’io anche se un po più schivo e taciturno, entravamo, dopo aver superato i Lumini (nostri parenti nello stesso ordine e nello stesso grado, perchè Teresa Piardi, bottegaia pizzicagnola, detta Gosa, sorella dei nostri nonni, fu loro madre quale sposa di Pietro Mürachèt - Lumini) ed i due distinti cortili di Cèco e Pasquàl dè Chècä (Peroni, tuoi diretti parenti), dal cancello che dava sull’aia della macina dei tuoi: Angelo e Laura; era un pò difficile rimanervi poichè l’attività dell’arte molitoria comportava i suoi pericoli.... non era pensabile che dei bambini circolassero nei dintorni, tuttavia - dopo aver sbirciato dentro il mulino attratti dal rumore delle ‘macchine’ molitorie - una volta superato l’altro cancello interno, riuscivamo a recarci nel grande prato che dava sul torrente la Canale, prospiciente l’agglomerato del Mincio. Io, ricordo bene, riuscivo a rimanere nel cortile del mulino più di ogni altro ragazzo... forse con la complicità di “zia” Tirì, che sovente vedevo lì, sotto il vostro portico di casa, assieme a tua mamma Laura. Poi, bisogna pur dire che eravamo, come lo siamo, parenti..: tua nonna Brigida, caro Giuseppe fu sorella di mio nonno Achille (anche se noi non riuscimmo a conoscerli per premorienza). Tuo padre, Angelo, ed il mio, Francesco (1911), sempre si sentirono assai vicini; persino con me tuo padre fu sempre prodigo di complimenti, sicuramente per i legami con mio padre ed il bel loro rapporto di cugini; ancor di più, dal marzo 1969, quando mio padre venne a mancare! Più volte tuo papà venne in gita con mè (accompagnatore–guida), ricordo quella di Cuneo del 1971 e di Milano con Cassano d’Adda, ove vi è il monumento a G. D. Perrucchetti, ideatore del Corpo degli Alpini, del maggio 1972 e quella al Passo del Tonale del luglio dello stesso anno. Quanti altri ricordi cui potrei far cenno...! Mia Zia Palmira Bà poi, dagli anni Settanta in cui cominciai a viaggiare da loro in Argentina, ove risiedevano dal 1949, sempre mi ricordava il periodo (1934-‘39) in cui, una volta divenuta sposa (1934) di Pietro Piardi (1906) fratello di mio padre, era stata chiamata dai tuoi famigliari a lavorare in casa vostra accudendo alla faccende domestiche; con meticolosità mi parlava dei suoi compiti svolti in casa Reboldi anzi, come diceva lei, dei Boldi al mulì. Come non ricordare, anche qui, quella ‘tarde’, sera, dell’antivigilia di Natale del 1977 in cui zia Palmira, nella casa di Calle Barcala en Benegas de Godoy Cruz – Mendoza, sulle pendici delle Ande argentine, iniziò a raccontare la storia, le tante storie, di casa Piardi in quel di Navezze? Fu proprio in quel momento che presi la decisione di riordinare gli appunti scritti e mnemonici che andavo collezionando sin dagli anni dell’infanzia (facilitato in ciò dalla mia poca loquacità e riservatezza di bambino... che mi consentiva di rimanere ogni dove, anche alla presenza dei “difficili” discorsi degli adulti ed anziani...), ora, però, incoraggiato ad agire, dallo sprone della decisionista e coraggiosa zia Palmira. Grazie Giuseppe. Tu sai che la nostra parentela è andata sempre più consolidandosi, anche se non appariscente: tu ed io, infatti, nipoti dei nostri nonni (Brigida e Achille Piardi) tra di loro fratelli; tu ti sposasti con Marilena figlia di Rina Piardi (di Angelo e di ‘Bianca’ Carolina Inselvini), chèi de la Bianca, e Paolo Peroni, dal 1933 vedovo di Angela Piardi, sorella di mio padre Francesco. E tutte le altre cose ?... queste ce le racconteremo in un altro momento..., non senza prima rammentarti che tuo nonno Reboldi, anche lui Angelo e mugnaio come tuo padre, a Navezze lo ricorda(va)no come Boldi “Anima santa”, per il suo intercalare nel discorso; forse questa non te l’aspettavi, ma come dice il proverbio degli umani terreni e, come puoi constatare, è proprio vero: “non si finisce mai d’imparare!”. Ciao Giuseppe.]. (Testimonianza di Achille Giovanni Piardi).

Maria Brigida Bernardelli, vedova di Faustino Piardi “Pelès”. << GHEDI (Brescia). Maria Bernardelli. E’ mancata all’affetto dei suoi cari Maria Brigida Bernardelli di 96 anni e residente a Ghedi. Vedova a 40 anni con 11 figli, esempio di fede ha dedicato la propria vita alla famiglia, ma senza mai chiudere la porta al prossimo che bussava. Due figlie suore, 25 nipoti e 26 pronipoti. Anche la Redazione di LA VOCE DEL POPOLO si unisce al cordoglio per la scomparsa di questa fedele abbonata e lettrice da 50 anni >>.
(La Voce del popolo. Brescia, 12 Novembre 2010).
“In Pezzaze, incontrai l’ultima volta Brigida il 4 Giugno 2000, durante il nostro Raduno Giubilare, era accompagnata dai figli. Molto attenta e colse l’occasione per riconoscere molte persone di Pezzaze che ormai ... faceva fatica a ricordare dal momento che risiedeva in Ghedi da oltre mezzo secolo; uno di questi ricordati fu Cesare Piardi, il Presidente dei PIARDI. Ci volle un poco, ma poi, quando Achille le ricordò che si trattava di <<Ceserino, fiöl dol Nene di Quarantì>> (Cesarino, figlio di Nene dei detti Quarantì), le fu tutto chiaro e le parve tornare a Pezzaze anche con la memoria ed i ricordi, tanto che la sua espressione fu:<< Ah, fiöl dol Nene; certo! Quat tep...>>.
(Ricordo a cura di Achille Giovanni Piardi).

top