I Piardi

 

> Home
> News
> Ricorrenze
> Comitato
> Incontri
> Personaggi
> Foglio notizie
> Opera
   - volume I
   - volume II
   - volume III
> Dicono di noi
> Solidarietà
> Luoghi
   - Pezzaze
   - Pomponesco
   - Viadana
   - Dosolo
   - Gussago
   - Portiolo
   - Pezzoro
   - Franciacorta
   - Lavone
   - BRASIL

> Links
> Archivio

espanol Español
english English
portugues Português
brasileiro Brasileiro

Gruppo Piardi su Facebook


Questo sito nasce da un'idea di Achille Piardi, il quale dopo anni di ricerche e dopo aver redatto una prima versione della biografia sulla Famiglia Piardi è alla costante ricerca di nuove informazioni... se anche tu sei un Piardi... continua a navigare tra queste pagine!!!


powered by digionet

Viotti Giovanni Maria

INDICE DEI PERSONAGGI


Vorresti vedere tratteggiata in 'Personaggi' la figura di un Piardi? CLICCA QUI

Viotti Giovanni Maria. Pezzaze – Stravignino, 1865 – Idro, 1° novembre 1901.
Figlio di Giovanni e Annunciata PIARDI. Sacerdote nel 1890, va curato d’anime ad Idro sul lago omonimo o Eridio. Noto anche perché aveva un forte difetto di balbuzie che poi seppe domare e vincere. (Come dagli scritti del 1944 di padre Giovanni Maria Bontacchio da Stravignino di Pezzaze, sacerdote degli Oblati, e fervida mente valtrumplina con antenati paterni Piardi). Come Viotti don Giovanni Maria, gran parte dei Viotti originari di Pezzaze ha ascendenti materni (e paterni) in seno al casato dei Piardi, almeno, sin dagli anni del secolo XVIII. I Viotti dimorano in Paitone sin da prima del mese d’agosto dell’anno 1532.
Annunciata Piardi - Viotti, madre di don Giovanni Maria, muore a Pezzaze il 19 gennaio 1893, dopo aver svolto l’attività di maestra; sposa di Giovanni Viotti. Giovanni è zio di Angelo Viotti (1861). Angelo detto ‘Dise’, figlio di Faustino, è padre di Angelo “Secondo” Viotti (1916); tutti personaggi di grande rilievo in termini di

felici rapporti con la stirpe dei Piardi. Annunciata è zia dei componenti la notissima famiglia dei Piardi detti Late di Pezzaze, antichi fornai in frazione Stravignino; così, infatti, la chiamavano i fratelli Giuseppe Piardi (1893) e Giovan Maria (1888); [anche ... in dialetto: “Annunciata era una ‘Catanina’ dei Catanì Piardi. Zia anche dei Late: i la ciamaa dia Nunsiada ‘l Giusèpe e ‘l Gioan Maria dei Late”. (Testim. di Secondo Viotti, 8 gennaio 1998 e 8 gennaio 1999)].
La madre di Don Giovanni Maria ha abitato in Stravignino, in via Maestra Nina, lato destro lasciando la piazza prima di giungere al bell’arco con portone. Ha avuto due figli: uno è diventato sacerdote e mandato in cura d’anime a Idro, noto a Pezzaze come ‘Don Gioanì de Ider’; l’altra, una ragazza che si sposa a Odeno in Valle Sabbia dal nome Modesta. (Testim. di Secondo Viotti, 8 gennaio 1998).
<< “Viotti Don Giovanni Maria nacque l’anno 1865 a Stravignino da Giovanni e da Piardi Annunciata. Fin da chierico dimostrò grande zelo per tutto ciò che riguarda la gloria di Dio e il bene delle anime. In Pezzaze, andava a gara col chierico Ricchetti nel parare la chiesa per le grandi solennità, assisteva i fanciulli che si accostavano ai Santi Sacramenti e curava il piccolo clero. Chi scrive queste parole [ndr. padre Giovanni Maria Bontacchio, degli Oblati, figlio - unitamente al fratello Don Antonio - di Antonio “Türinì” notissimo Sindaco di Pezzaze (†1920)] apprese da lui a servire la Santa Messa. Fu ordinato nel 1890 e destinato ad Idro. Aveva pronunciatissimo il difetto della balbuzie. Con forza di volontà riuscì a correggersi.
L’Arciprete Ghirardelli, parroco di Pezzaze, lo invitò un anno a predicare le Sante Quarant’Ore. Fu ascoltatissimo dai suoi compaesani i quali notarono con la più viva compiacenza che in tutte le sei rituali prediche non aveva ripetuto nemmeno una parola. Il difetto della balbuzie era domato. (Le Sante Quarant’ore sono una devozione cristiana verso il SS. Sacramento in Ostensione riscontrabile nelle famiglie dei Piardi; Vedi Sezione OPERA - vol. III - Devozioni).
La larghezza coi poveri era in lui abituale, e quando riusciva a prevenire le richieste era felice. Conosceva poveri anche i numerosi seminaristi della sua terra natale, e nella portineria del seminario a Brescia, ovvero nella casa canonica a Pezzaze amava vederseli schierati dinanzi e li donava in parti eguali di qualche sommetta, spezzando magari in due un biglietto di stato per darne un pezzetto a ciascuno, non volendo valorizzare di più il dono che faceva e insegnando nello stesso tempo che al danaro non si deve attaccare il cuore. Entro la porta maggiore della chiesa parrocchiale di Idro vi sono tuttora due grandi pile d’acqua santa, che sul labbro interno portano scolpite le iniziali ‘D.G.M.V.’ e la data ‘Maggio 1897’. (…)”. >>.
In una pubblicazione del 1937 curata da Monsignor Fossati Prevosto della cattedrale di Brescia in occasione dell’ingresso di Don Pedretti a Idro si afferma che le due acquasantiere sono state finanziate con il contributo degli emigranti locali che hanno voluto omaggiare il loro Curato Viotti. Infatti, continuando nella lettura di quanto scrive Don Giovanni Maria Bontacchio nel 1944 si legge: “(…). Curò specialmente la Casa di Dio, il decoro delle funzioni e gli emigranti con i quali si teneva in relazione epistolare tenendoli uniti alla fede e alla patria. Sul Registro dei Morti 1 novembre 1901 vi è la dicitura: ‘Viotti Don Giov. M. di Giovanni e Piardi Annunciata, (…), domiciliato in Idro, morto alle ore 24 del sopradetto 1 novembre e seppellito nel cimitero di Idro il tre. Ricevette tutti i sacramenti. Alla voce < annotazione > vi si legge: < Compianto da tutti lasciò cara memoria di sé >. Dal Registro Messe risulta che l’ultima Santa Messa la celebrò il 4 agosto. Sotto l’altare della cappella del cimitero in Idro si ha questa epigrafe: <Don Giovanni Viotti nativo di Pezzaze, Curato in Idro per undici anni, - morto (…) d’anni 36 – operosissimo nel campo del bene dorme il sonno del giusto – Aspettando tra il compianto e le preghiere dei buoni di risorgere in Dio > (…)’. (…)”.
Ancora padre Giovanni Maria Bontacchio (in “Pezzaze nella storia e nella sua vita religiosa” – 1944) ricorda che sulle immagini ricordo furono stampate queste parole: “Pregate pel riposo eterno del Sac. D. Gio. M. Viotti di Pezzaze zelantissimo curato di Idro che a soli 36 anni compiva sua vita tutta santamente spesa per la gloria di Dio, per la salute del prossimo. Anima bella, dal luogo di eterna pace impetra rassegnazione alla desolata madre, sorella, nipoti, ed ogni vero bene a chi prega al tuo sepolcro”. Il Rev.mo Monsignor Ernesto Pasini, Vicario generale della Diocesi, il 27 settembre 1944 riferisce a Don Giovanni Maria Bontacchio che quando lui era in cura d’anime a Bagolino in Val Sabbia ebbe ‘campo di conoscere il Curato di Idro Viotti Don Giovanni Maria, anima ardente, che si è accorciato la vita col suo zelo’.
(Per maggiori notizie, Vedi l’opera omnia ‘I Piardi’ – Vol. I e Vol. II editi, rispettivamente l’anno 1998 e 2000).


I VIOTTI di Pezzaze e i Piardi. I VIOTTI: Viotti - Piardi e Piardi - Viotti
! “No debemos nunca olvidarnos que aqui en esta tierra somos todos alquilantes” !
(Non dobbiamo mai dimenticarci che su questa terra siamo tutti inquilini).
 
E' l'ammonimento di Padre Remo Prandini - Viotti, nato a Lodrino in Val Trompia, 1942 – † Hardeman, Notte di Natale 1986 - Bolivia, tratto dai suoi "Pensieri". 
La mamma di p. Remo Prandini (morto in Bolivia), Ilde, è figlia di Angelo Viotti “Dize” (1861) dei detti Faüstinì di Pezzaze e sorella di molti altri, tra cui di Angelo "Secondo" del 1916, il paziente e fine narratore della storia e delle storie delle famiglie Piardi di Pezzaze intrecciate da ampi collegamenti con i Viotti e con altri casati pezzazesi.
Angelo "Secondo" Viotti è stato (1997-2005) il principale collaboratore del curatore della ricerca sui Piardi di Pezzaze e di tutti quelli che sono emigrati nel mondo nel corso del secolo XX; antiche e ataviche le sue conoscenze poichè attinte dalla voce e dagli insegnamenti di suo padre, Angelo, uomo del XIX quanto del XX secolo, e dalla lettura attenta degli atti e dai rogiti notarili custoditi gelosamente in famiglia ed ampiamente "sfogliati" nel corso dei lunghi anni della sua vita. Su di ogni Atto o documento letto ha avuto la forza e la capacità di annotarvi il personale “commento” o sunto del contenuto, rendendone facile la ricerca, per se e per gli altri, anche a distanza di molti decenni. E’ ciò che è capitato anche noi che scriviamo queste poche parole in suo onore.
Sin da prima del 1700 la gran parte dei Viotti ha avuto origini materne Piardi e moltissimi Piardi sono figli di madre Viotti. Cominciassimo ad enumerarle non termineremmo più, rischieremmo di perderci.
I nostri due volumi cartacei "I PIARDI" editi rispettivamente l'anno 1998 e l'anno 2000, quest'ultimo in due tomi data la consistenza delle pagine, danno un ampio cenno della "vicinanza" genetica, parentale, economico-finanziaria e di solidale, operosa, vita comunitaria in quel di Pezzaze nei trascorsi secoli.
 
VIOTTI (famiglia). Pezzaze, sec. XVI. Anche se qualche ricercatore dà presente questo Casato in Alagna Val Sesia (Piemonte), alla base del Monte Rosa e dialogante col popolo dei Walser, sin dal 1660 e sino al 1869, noi reputiamo la famiglia essere di Pezzaze e comunque bresciana. E' noto, infatti, alla storia che al ragazzo Filippo Viotti sia apparsa la Vergine Maria in quel di PAITONE (Brescia) il mese d'agosto del 1532.  Filippo Viotti, un ragazzo intelligente e vivace, ma audioleso fin dall’infanzia, sta raccogliendo more tra i rovi del monte Pellagio, quando improvvisamente vede davanti a sé una splendida visione: una giovane donna avvolta in un manto bianco, con in testa un velo grigio perla, lo guarda con occhi dolci, ma pieni di tristezza. <<Filippo – gli dice – io voglio essere avvocata di questo popolo; va’ ed avvisa la comunità, che in questo luogo sia eretta una chiesa in mio nome, ed affinché tu sia creduto, ora ti sciolgo la lingua, e ti dono per sempre la parola>>. Sbigottito, ma al tempo stesso giulivo, Filippo esegue subito l’incarico avuto, tra lo stupore e la gioia della gente che lo sente parlare. A questo primo miracolo, altri ne seguono, cosicché due anni dopo, nel 1534, con il consenso del Vescovo di Brescia è iniziata la costruzione della Chiesa.
Basta poi accostarsi alla ricostruzione analitica del casato compiuta dal Sacerdote VIOTTI di Pezzaze, uno dei tanti sacerdoti Viotti della famiglia, per vedere quanto siano bresciane le origini dei "Viocc", come dicono a Pezzaze esprimendosi in vernacolo. (Ricostruzione genealogica VIOTTI dal XVI secolo conservata nel privato Archivio storico di famiglia, organizzato da Angelo Secondo Viotti). Nel Volume primo “I PIARDI” si trova un primo abbozzo genealogico dei Viotti (operato l’inverno 1997-1998).

Dal testo di “I PIARDI” - Volume Primo – riprendiamo, operandovi una rivisitazione:
<< VIOTTI: quelli detti Frole ed abitanti, un tempo, anche in cascina Giöstachì a Pezzaze. Secondo alcuni testi i Viotti appaiono in Pezzaze nell’anno 1539. Alcune altre famiglie dello stesso casato sono soprannominate Mastrì e Faüstinì oltre a Baöse. (Vedi infatti capitolo “Piardi nati a Pezzaze – Pélès”, di questo Volume Primo, cartaceo).
Famiglia imparentata con i Piardi da alcuni secoli. Ancor prima, però, esistono, tra le due famiglie, rapporti di amicizia e di fede cristiana dal momento che in data 5 agosto 1720 il chierico Don Giovanni Antonio Piardi (1699) è padrino di battesimo di Giov. Battista Viotti futuro sacerdote e parroco di Pezzaze.
A questo stesso casato appartiene anche Pietro, figlio di Gio.Batta fu Pietro Viotti, sposo nel 1822 di Domenica Piardi, figlia di Bortolo Catanì da Pezzaze, detta Biluna (Bellona, poichè bella e di alta statura).
Cognome della famiglia cui appartiene Caterina (di fu Antonio Viotti e di Domenica Bregoli) andata in sposa a G.Battista Piardi del 1824 da Pezzaze (morto nel 1901); saranno poi genitori, tra gli altri, di Raimondo classe 1857 (noto falegname ebanista, violinista e organista provetto, canterino), di Don Geremia Antonio (1860) e di Enrico (1862) da Pezzaze, i figli più noti.
Altro Giovanni Viotti, come recita la “monografia” che principia questa pagina, sposando la maestra elementare Annunciata Piardi ha una figlia ed un maschio, Giovanni Maria (Pezzaze, 1865 – Idro, 1901) da Stravignino, poi sacerdote della Chiesa cattolica.
ANNUNCIATA PIARDI VIOTTI: Pezzaze sec. XIX, muore il 19 gennaio 1893 (?). Svolge l’attività di maestra. Sposa di Giovanni Viotti. “Annunciata era una ‘Catanina’ dei Catanì Piardi. Zia anche dei Late: i la ciamaa dia Nunsiada ‘l Giusèpe e ‘l Gioan Maria dei Late”. (Testim. Sec. Vio. 8 gennaio 1999).
“Giovanni Viotti fu altro Giovanni e vivente Annunciata Piardi maestra” è padrino di battesimo di Gipponi Pietro Giovanni nel 1877. E’ suo figlio Don Giovanni Maria Viotti (1865 – 1901).
Noti altri personaggi femminili di questa famiglia sono: certa detta Gaspa e Angela (1884) detta Gnalì andata in sposa a Giacomo Piardi.
Per la vita dei Viotti vedi anche, sempre nel primo citato volume, l’argomento “Presgial” – Polizza di dote matrimoniale di Domenica Piardi, la sopra menzionata Biluna o Beluna (Bellona), donna assai intraprendente e risolutrice di situazioni familiari dal lato economico-finanziario, essendo (anche) figlia Bortolo Piardi detto Catanì (Cattanino) da Pezzaze. [Bortolo Piardi è uno dei primi benefattori della comunità ed ispiratore delle azioni solidali del più grande benefattore pezzazese, Angelo Bregoli dei detti Bonèt – già sposo in prime nozze di Aquilina Piardi figlia di Andrea dei detti Catanì, la stessa famiglia di quelli andati a Gussago ed a Saiano con Rodengo, sempre in Franciacorta].
Dall’ Atto (Arch. Vesc. Bs. MT b. 24 – Pezzaze) datato 3 marzo 1869 si ha un’ulteriore visione del rapporto parentale tra i Viotti e i Piardi, oltre che tra i Piardi stessi. Infatti Santa Piardi (1849) di Giacomo e Maria Viotti è sposa di Giacomo Piardi (1842) figlio di Ermenegildo e di Rosa Balduchelli.
Ancora, da atto dell’anno 1873 (Arch. Vesc. Bs. MT b. 24 – Pezzaze) datato 19 giugno si legge che Maria Piardi figlia di Bortolo del fu Bortolo è maritata con Antonio Viotti. La di loro figlia Angela si marita con Luigi Gabrieli dal quale ha Marta Aurelia (1819). Marta Aurelia sposa Apollonio Rossi e rimanendo vedova dello stesso si risposa nel 1873 con Paolo Bregoli (1813) figlio di Michele e di Barbara Tanghetti, vedovo di Cattarina Bontacchio. Cattarina Bontacchio è figlia di Antonio e di Cattarina Piardi di Bortolo del fu Bortolo del fu Bortolo.
Poco più sopra, con riferimento alle “parentele” Viotti - Piardi ed anche Piardi – Viotti, abbiamo detto: ”Cominciassimo ad enumerarle non termineremmo più, rischieremmo di perderci”; infatti, non continuiamo e ci fermiamo qui, rinviando il lettore alle pagine cartacee del volume dal quale stiamo traendo parte del presente testo.

I VIOTTI di Stravignino di Pezzaze – quelli detti “Faustinì” dal nome di Faustino vissuto nell’Ottocento, padre di Angelo detto Dize (1861) e nonno del menzionato fine conversatore Angelo “Secondo” del 1916, da tempo imparentati coi Piardi – acquisiscono, a partire dalla prima metà dell’Ottocento ed anche dopo il 1864, gran parte del patrimonio dei Piardi detti Catanì lasciato a Pezzaze dopo il trasferimento a Gussago di Andrea Piardi, padre, (1767- 1843) e figlio, sempre Andrea (1799 - 1854). (Come dalla testimonianza di Secondo Viotti e da Atti e bandi pubblici conservati nel privato archivio di Angelo Secondo Viotti in Pezzaze).
Infatti, i passaggi di proprietà avvengono a nome di Faustino (morto in Pezzaze il 3 ottobre 1877 all’età di 64 anni) padre di Giovan Battista e di Angelo “Dize” (1861). A seguito della morte di Faustino, suo figlio Giovan Battista Viotti, poi sacerdote, “el farà de tidùr al me ubà Angel”, (... farà da tutore a mio papà Angelo) poichè minore d’età, racconta Angelo Secondo Viotti (1916), l’intelligente quanto acuta, pronta e documentata mente dimostratasi di basilare, indispensabile aiuto al curatore della presente ricerca nel corso delle numerose visite e incontri in Pezzaze, lungo le tante piene giornate e settimane, degli anni dal 1997 al 2005, come ricordato.
“Secondo” Viotti, il cui vero nome è Angelo Secondo, vive nella moderna casa costruita attigua a quella antica dei Piardi – Catanì e nel podere degli stessi chiamato Campilì o meglio Capilì, Capelline nella frazione Stravignino di Pezzaze. Più di una volta Angelo Secondo accompagna Achille Giovanni Piardi da Gussago (curatore della ricerca Piardi) a visitare la casa che l’Andrea Piardi (1767), andando a Gussago, lasciò a Pezzaze vendendola al sopraccitato Faustino Viotti, mostrandogli i limiti o la consistenza dell’antica abitazione e precisando i vani aggiunti da suo nonno (Faustino) e poi ancora (nella seconda metà dell’Ottocento e nei primi decenni del Novecento) da suo padre Angelo detto Dize; mostra ad Achile Giovanni anche il perimetro esterno dell’antica abitazione del Piardi sino ad arrivare alla “storica” strettoia all’angolo della ripida Via Capelline con Via Roma, poco più in là della piazzetta ove vive Irene Piardi (del Pì di Piarcc–Sgalmer) col suo Primo Bregoli “Gazèt o Gadèt” e poco più su della casa di Giacomo Osvaldo Piardi “Chichera” (1938) sita in Capelline, avutala da suo padre Battista figlio di Giacomo.
Maria Ilde Viotti, sorella di Secondo, è madre di Remo Prandini, sacerdote, padre missionario, morto tragicamente in Bolivia il giorno di Natale del 1986. Maria Ilde, sposa di Giuseppe Prandini (già emigrato negli Stati Uniti da cui ha fatto ritorno portando con sè la conoscenza della lingua), muore a Lodrino il 29 luglio 1950. (Testim. Secondo Viotti e Cesarina Richiedei, moglie; casa Viotti in Pezzaze, 8 gennaio 1998).
Di questa famiglia ricordiamo la ancor viva figura di Don Giovan Battista Viotti (1849 – 1920), Sacerdote. Il quale fondò e diresse, dal 1872 al 1882, in Avano di Pezzaze una scuola privata preparatoria di giovani per il ginnasio che scherzosamente venne denominata “Università di Avano”. Tuttavia, a parte lo scherzoso nomignolo, è accertato la stessa aver preparato numerosi ottimi giovani al Seminario Diocesano. La stessa scuola ha formato alla vita anche diversi laici delle famiglie Bontacchio, Piotti, Corsini, Gabrieli e Viotti.
Tra questi ultimi studenti della “Università” anche, il più volte citato, Angelo Viotti “Dize” (1861), poi sindaco di Pezzaze, figlio del fu Faustino e, nel 1916, padre di Angelo “Secondo” quale frutto del secondo matrimonio con Caterina Rossi dei detti Fadöi; Angelo (1861) sia dal precedente primo matrimonio (anni ’80 dell’Ottocento, con Maria Raza) come pure dal successivo (16.2.1911) ebbe molti altri figli.
Diversi, ed almeno sin dalla fine Cinquecento, sono i Viotti presbiteri della Chiesa cattolica.
Una Viotti di Pezzaze sposa nel 1817 certo Cristini di Marone. Una loro figlia sposa un Pè detto Giupinì da Palot ed hanno figli tra cui ricordiamo Giuseppe, Francesco detto Cischì, Gioanela, Stefano ed altri due, tutti detti Giupine. “Èl vècio Belo e èl Giupinì sono due fratelli dal cognome Pè da Palot. Èl vècio Belo portava sempre una caratteristica berretta di cui molti si ricordano.Una parte di questi, i figli del Belo, si trasferiscono in località Barco di Gussago”. >>. [Vedi, meglio, alla voce Pè. Volume primo, cartaceo, “I PIARDI”, anno 1998 ed al volume secondo (due tomi), edito l’anno 2000]
Angelo Secondo Viotti (1916), rendendo più tangibile la “vicinanza” dei Viotti con i Piardi, ancora, racconta in lingua locale:
<< “Èl zio del me bubà èl ghia spudàt na Catanina dei PIARDI, i ga disìa la Biluna, la ghìa i solcc. Èl me bisnono (avo) èl ghìa fat èn debit gros a na èn zo l’inverem a le base a maià èl fe e èl riaa mia a pagal, alura … èl ga miàt entestaga el tèré e le sò sostanse a chel fiöl le, l’om de la Biluna. Za mò alura la Biluna la ghera ré na dote de tacc mila franc … Bisogna che la staes bé de cà quanc che la ga spudàt èl Viotti Pietro. I dis che l’era na bela fonna. Èl sò om, forse al bubà del sò om, èl ghìa fat, come ho dit, el debet per ‘l fé a le basse, prima del 1822. I la tignit èn longa a pagal, èl debet, sino al 1840 e i fiöi i là püdit salvà. (…). (...) >>. Ricordando la figura di tre notissimi fratelli Piardi detti Catanì, Angelo “Secondo” continua nell’esposizione: << Come go dit amò, i tre veci Catanì, Piardi, <XVIII secolo>, i ghìa sö èl sito sö al mut dè Mondér, èl sares stat: Monéle, Ambrös, Z. (…). (< Vedi Proprietà Piardi >, nel cartaceo citato volume primo “I PIARDI”). I tre fredei, giü èl vignìa a Mesa prima, giü piö tarde e l’oter a Mesa alta. I se cambiaa le scarpe sura Mondér, en per èn tré. Èn dèn turnà èn dré de mesa, sèmper sura Mondér i sè mitìa i socoi dè legn, le sgalmere; iera siori ma i tignìa ama. I è pò chei tre fredei che la storia la dis che i ghera tre bestie de lat, tat grose, che le pasaa mia de la porta sö èn de la cascina al mut …. ; isé èl ma cüntaa ol me bubà chè l’ia del 1861.
Dal matrimonio della Domenica Piardi, Biluna, col Pietro Viotti, escono i Frole e i Baöse. I Mastrì, Viotti pò a lur, iè parecc ma za destacacc prima”. >>. [Angelo Secondo Viotti (1916). Stravignino di Pezzaze, 9 agosto e 2 dicembre 1997, 29 gennaio 1998 e 20 marzo 1998].
Alcuni Viotti, in particolare i sacerdoti, sono benefattori del Pio Istituto Bregoli, come lo fu la maestra Piardi Annunciata maritata a Giovanni Viotti.

Una patriarcale numerosa famiglia VIOTTI.
Lettura del foglio di famiglia n. 36 del Comune di Pezzaze, impiantato, probabilmente nel 1910, aggiornato sino al 1931:
1. VIOTTI ANGELO fu Faustino e fu Valentini Maria, capo famiglia, possidente, nato a Pezzaze il 19 marzo 1861, iscritto dalla nascita, coniugato il 16 febbraio 1911 per la seconda volta
2. ROSSI CATERINA di Angelo e di Bregoli Maria, moglie, casalinga, Pezzaze 28 marzo 1861, iscritta dalla nascita, coniugata il 16 febbraio 1911
3. VIOTTI ANGELO di Angelo e di Raza Maria, 24 gennaio1887
4. VIOTTI FAUSTINO di Angelo e di fu Raza Maria, figlio, casaro, Pezzaze 14 maggio 1888, coniugato con Viotti Maria il 23 agosto 1919, emigra a Cimmo
5. VIOTTI GIOVANNI di Angelo e di fu Raza Maria, figlio, infante, Pezzaze 17 agosto 1890
6. VIOTTI MARIA di Angelo e di fu Raza Maria, figlia, casalinga, Pezzaze 29 aprile 1894
7. VIOTTI EMILIO di Angelo e di fu Raza Maria, figlio, mandriano, Pezzaze 5 novembre 1895, coniugato il 12 marzo 1925
8. VIOTTI PIERINA di Angelo e di fu Raza Maria, figlia, mandriana, Pezzaze 30 gennaio 1898, coniugata il 15 dicembre 1923 va a risiedere a Tavernole il 21 agosto 1931
9. VIOTTI ANGELO FELICE di Angelo e di fu Raza Maria, figlio, scolaro, Pezzaze 24 aprile 1900, coniugato con Bregoli Cecilia il 22 settembre 1924
10. VIOTTI BENIAMINO di Angelo e di fu Raza Maria, figlio, scolaro, Pezzaze 4 febbraio 1904 o 1905, coniugato nel 1927, si trasferisce a Figino Serenza (Co) il 12 marzo 1931
11. VIOTTI MODESTO GIUSEPPE di Angelo e di fu Raza Maria, figlio, scolaro, Pezzaze 26 febbraio 1906
12. CERVINI ROSSI ANGELA di Rossi Catterina, figlia, infante, Pezzaze 13 novembre 1910, riconosciuta con atto dell’11 dicembre 1922 quale figlia da Rossi Catterina
13. VIOTTI BATTISTA di Angelo e di Raza Maria, studente, Pezzaze 1 luglio 1892, si trasferisce a Milano il 2 settembre 1924
14. VIOTTI MARIA ILDE di Angelo e di Rossi Caterina, figlia, Pezzaze 10 febbraio 1912
15. VIOTTI MARIA di Angelo e di Rossi Caterina, figlia, Pezzaze 12 settembre 1913
16. VIOTTI ANNA MARIA LINDA di Libero .... e di Rossi Caterina, ....... figlia, Pezzaze, 20 ottobre 1914.
17. VIOTTI FAUSTINO SECONDO di Angelo e di Rossi Caterina, figlio, Pezzaze 4 giugno 1916
18. VIOTTI MARIA MARGHERITA di Battista e di Rossi Maria, nuora, contadina, Pezzaze 22 maggio 1897, si stabilisce a Cimmo il 22 ottobre 1923, si sposa il 23 agosto 1919 e va a Pezzazole (n.d.r.: sposa di Faustino del 1888).
19. VIOTTI GIOVANNI FAUSTINO ?? (n.d.r.: Luigino) di Angelo e di Rossi Caterina, figlio, Pezzaze 14 aprile 1920
20. VIOTTI ANGELO BATTISTA ATTILIO di Faustino e di Viotti Maria, pro-figlio, infante, Pezzaze 8 agosto 1920, transita a Cimmo il 22 ottobre 1923
21. VIOTTI MARIA ANGELINA di Faustino e di Viotti Maria, pro-figlia, infante, Pezzaze 24 giugno 1922, transita a Cimmo il 22 ottobre 1923
22. VIOTTI FELICE FRANCESCO di Faustino e di Viotti Maria, pro-figlio, infante, Pezzaze 1929
23. VIOTTI ROSA di Giovanni e di Gabrieli Catterina, nuora, contadina, Pezzaze 8 gennaio 1905, si sposa il 12 marzo 1929, proveniente da Pezzazole, coniugata con Viotti Ausilio (Vedi ??) Emilio
24. VIOTTI MELANIA di Emilio e di Viotti Rosa, pro-figlia, contadina, Pezzaze 17 agosto 1926
25. VIOTTI GIUSEPPA LUIGIA di Faustino e di Viotti Maria, pro-figlia, contadina, Pezzaze 4 marzo 1928
26. VIOTTI MARIA di Emilio e di Viotti Rosa, pro-figlia, infante, Pezzaze 1 luglio 1928
27.  VIOTTI FAUSTINO di Emilio e di Viotti Rosa, pro-figlio, infante, Pezzaze 25 maggio 1930
28. DELLA VALLE MARIA fu Pietro e di Riccetti Maria, nuora, Sondalo 11 gennaio 1903, si trasferisce in Figino Serenza (Co) il 12 marzo 1931, si sposa nel 1927
29. VIOTTI ANGELO di Beniamino e di Della Valle Maria, pro-figlio, Pezzaze 21 giugno 1928, si trasferisce a Figino Serenza (Co) il 12 marzo 1931
30. VIOTTI EZIO (Vedi ?) di Beniamino e di Della Valle Maria, pro-figlio, Carpenedolo, 5 luglio 1929, si trasferisce a Figino Serenza (Co) il 12 marzo 1931.
(?) = La suddetta numerazione, quale numero d’ordine delle persone che compongono la famiglia, risulta diversa da quella ufficiale del foglio n. 36 in conseguenza degli inserimenti operati dagli impiegati anagrafici sullo stesso foglio senza il rispetto della progressione numerica.
(??) = Alcuni nomi possono risultare errati a seguito di difficile lettura del documento.
 
Alcune pubblicazioni, come detto sopra, sostengono che i Viotti appaiono in Pezzaze nella prima metà del secolo XIV (1539) e sono, più avanti, detti: Baöse, Frole, Mastrì, Faüstinì e Pieroti.
I Baöse sarebbero, sostiene Angelo Secondo Viotti (1916), i discendenti di Pietro e di Domenica Piardi (figlia di Bortolo Catanì), coniugi dal 1822.
I Pieroti, invece, sono figli di uno dei tre figli di Domenica Piardi suddetta, nota come Biluna (Bellona).
<<Pietro Viotti, noto personaggio della famiglia, era venditore di vino, fors’anche oste, il quale su di un trave della sua casa, nei pressi dell’ abitato di Pezzaze, aveva fatto scrivere: “Piero Viot ‘l vènt ‘na pinta dè ì per ü berlingot”; “…bìògna che ‘l fàes l’ostér!, …so po’ mia sè la ghè sarà sö amò la scritta …”>>. (Testim. Angelo Secondo Viotti. Pezzaze, 14 marzo 1999)
Nell’incontro del 9 febbraio 1999 esaminiamo, con A. Secondo Viotti, alcuni documenti appartenenti al suo archivio privato. In particolare quello inerente i debiti (Stato delle sostanze, negative) accumulati dal suo avo, il fu Giov. Battista Viotti (defunto nei primi anni Trenta dell’Ottocento) padre di Pietro, Francesco e altri. La mamma Cecilia, ivi citata, dei Viotti fratelli, figli di Giov.Battista, è Cecilia Bregoli (sorella del Barba Lurinsì Bregoli e di Domenica, sempre Bregoli, andata in sposa a Giov.Battista Piardi) figlia del fu Francesco Bregoli sposata a Giov.Battista Viotti, suocero e forte debitore verso Domenica “Biluna” Piardi figlia di Bortolo “Catanì” da Pezzaze.

A ulteriore dimostrazione dei copiosi rapporti di parentela, oltre che di amicizia e di interessi, tra i due casati, al punto di prestarsi pieggio o addirittura con fini di solidarietà farsi accendere ipoteca su propri beni, trascriviamo interamente il testo del documento datato 9 gennaio 1837 proveniente dall’archivio privato di Faustino Secondo Viotti (1916) da Pezzaze, acquisito a questa ricerca il 22 ottobre 1998:
<< Brescia lì 9, nove gennaio 1837. Trentasette.
Dichiaro io sotto scritto [Luigi Raineri del fu Domenico] che nel giorno 28 febbraio 1834. Trentaquattro mi sono state pagate:
- dal sig. Bortolo Piardi q. Bortolo di Pezzaze lire sei mille nove cento di Milano dico £. 6900. di Milano
- dal sig. Bortolo Piardi di Bortolo di Pezzaze lire tre mille duecento cinquanta tre di Milano dico £. 3253. di Milano
- dal Dottore sig. Gio Batta Viotti q. Angelo di Pezzaze a mano del sudetto sig. Bortolo Piardi di Bortolo lire settecento diecisette di Milano dico £. 717. di Milano
- dal sig. Andrea di Andrea Piardi di Pezzaze lire mille duecento di Milano dico £. 1200. di Milano
- dal sig. Antonio Facchini q. Giacomo di Pezzaze a mano di questo sig. Gius.e Pè lire quattrocento di Milano dico £. 400. di Milano
- dal sig. Francesco Ghetti q. Francesco di Pezzaze a mano di questo sig. Gio Batta Contrini lire mille settecento settanta cinque di Milano dico £. 1775. di Milano
- dalla Ditta sig. Raineri e Cè lire trecento di Milano dico lire trecento di Milano
- dal sudetto sig. Andrea di Andrea Piardi altre lire trecento quaranta di Milano dico £. 340. di Milano

quali somme tutte mi vennero rispettivamente come sopra pagate per conto delli sig. Gio Batta padre e Pietro figlio Viotti di Pezzaze a conto del loro debito verso di me.
Dichiaro innoltre che mi furono pagate dai debitori medesimi a mano del sudetto figlio Pietro altre simili lire cento trentasei soldi tre dico £. 136.3. di Milano.
- Attesi pertanto i pagamenti sopra enunciati, che formano assieme l’integral somma di lire quindici mille ventuna soldi tre di Milano, dico £. 15021.3. di Milano, resta saldato interamente il debito che li suddetti sig. padre e figlio Viotti avevano verso di me sia di capitale e d’interessi insoluti, sia di spese giudiziali daccordo liquidate e transatte, derivante dai due istromenti 16. sedici giugno 1825. venticinque atti del notaio sig. Giuseppe Sartorelli di qui, e 16. sedici maggio 1829. ventinove atti del notaio sig. Alessandro Dossi q. F. di qui.
- Nel fare perciò ai medesimi sig. Gio Batta padre e Pietro figlio Viotti ampia liberazione, li autorizzo eziandio a poter chiedere ed ottenere a loro cura, diligenza, e spesa da quest‘ I.R. Ufficio delle Ipoteche la cancellazione.
Primo: dell’inscrizione da me presa a carico del detto sig. Gio Batta q. Pietro Viotti nel giorno 21 giugno 1825 n. 1753. vol. 32 per la somma di £. 4194.86 lire quattro mille cento novantaquattro centesimi ottantasei austriache in forza del sunnominato rogito Sartorelli 16. sedici giugno 1825. venticinque.
Secondo: dell’inscrizione da me presa egualmente a carico del ridetto sig. Gio Batta q. Pietro Viotti nel giorno 19. diciannove maggio 1829. ventinove n. 1774 vol. 84 per la somma di £. 7075.99 lire settemille settantacinque centesimi novantanove austriache verificata in appoggio del sopradetto rogito Dossi 16. maggio 1829. ventinove.
Terzo: dell’inscrizione stata presa a mio favore a carico dei sig. Gio Batta Viotti q. Pietro padre e Pietro Viotti figlio nel giorno 7. sette giugno 1833. trentatre n. 2194. vol. XV. del decreto di pignoramento 3. tre giugno 1833 n. 2385 emesso dal I.R. Pretura di Gardone sino alla concorrenza di £. 11270.85 lire. lire undici mille duecento settanta centesimi ottantacinque austriache di capitale, oltre i frutti, e le spese giudiziali.
Quarto: dell’inscrizione di annotazione eseguita a mio favore a carico del sig. Bortolo Piardi q. Battista di Pezzaze qual Pieggio solidale dei ridetti sig. padre e figlio Viotti nel giorno 19. diciannove novembre 1832. trentadue n. 3946. vol. XIII. per la somma di £. 5190.61. lire cinquemille cento novanta centesimi sessantuno austriache di capitale di altre £. 926.71 lire nove cento venti sei centesimi settantuno per interessi decorsi a tutto lì 16.sedici maggio 1829. ventinove, e di altre £. 259.53 lire due cento cinquantanove centesimi cinquantatre per interessi maturati fino lì sedici maggio 1832. trentadue.
Luigi Raineri del fu Domenico.
Io Leandro Concali del fu Ma… fui tistimonio at firma sodeta del sig. Luigi Raineri fatta delle sua mani.
Concali Fedele tistimone come soppra.
Certifico io Notaio sottoscritto essere vere le firme del sig. Luigi Raineri principale, e dei testimoni Leandro e Fedele Concali, perché fatte alla mia presenza nella casa di D. sig. Raineri, persone tutte a me Notaio cognite.
Io in fede principo il segno del mio (sigillo) tabellione, mi sono sottoscritto il giorno 9 gennaio 1837.
A.D.N. Alessandro Dossi del fu Franc.o R. Notaio registr. in Brescia >>.
[Il testo viene (è stato) trascritto con gli errori nello stesso contenuti].

Qualche altro rapporto di parentela, come enunciato da Angelo Secondo Viotti
- La nota componente di questa famiglia, Domenica Viotti, conosciuta a Pezzaze col soprannome di ‘Gaspa’, è della discendenza della Biluna Piardi (Domenica) sposa a Pietro Viotti.
- La ‘Gnalì’, sempre Viotti, al secolo Angela Viotti è dei Mastrì, andata in sposa a Giacomo Piardi dei Pélès. La figlia di Gaspa, Cesarina, è andata in sposa a Pietro (1914) Piardi dei Mafé. (A. Secondo Viotti, 8 gennaio 1999).
Angelo Secondo Viotti, il 13 febbraio 1999, con riguardo alle diramazioni del proprio casato, afferma:
<< “I Pieròti, che come ho detto sono Viotti, sono figli di Pietro, perciò figli del figlio di Domenica Piardi detta la Biluna sposata, appunto, Viotti. I figli di Pietro (Pieroti) sono due: Battista e un altro detto Patatì. Al Cimitero di Stravignino, sulla tomba, la prima sul lato sinistro del cimitero (nei pressi di quella dei Valì Piardi), lì si vede ‘l Checo Viotti (Francesco), la tomba dol Stefe, ghè sö ‘l Checo co la föbia söl capèl (e ha la fibbia sul cappello). Erano assai nominati qui e in valle quelli che avevano il cappello con la fibbia. Questo Checo è figlio della Biluna sposa del Giovanni Battista. A lato, sempre sulla tomba vi è anche un vecchio con i pantaloni corti al ginocchio fissati con i legacci (… ‘n vècio co le braghe cürte, chè i vüdaa na olta, co le mosète), quello è Pietro Viotti figlio di Checo” >>.
Angelo Secondo ancora precisa:
<< “I baöse sono Viotti anch’essi e parenti dei Pieroti di cui ho appena detto, per mezzo della Biluna dal momento che il nonno dei Baöse era uno dei figli di Domenica Piardi Biluna. Erano tre i fratelli Viotti figli maschi di Domenica Biluna noti come: ‘l vei Frola, ‘l Checo e ’l … . Oi di chè Pietro, detto Pièroto, è figlio dol Chèco che è figlio de la Biluna Piardi, chèla de la famosa Presgiàl >>. (Per Presgiàl – leggi: Polizza di dote matrimoniale - vedi alla voce medesima in “I Piardi” - volume 1, edito l’anno 1998 in Pezzaze).
<< Annunciata Viotti (maritata Piardi dei Pélès), Giovan Battista (poi sacerdote) e Angelo (mio padre, sposato a Maria Raza e poi con Caterina Rossi) sono fratelli Viotti, figli di mio nonno Faustino del fu Battista >>. (Vedi in “I Piardi” - Volume I: Piardi nati a Pezzaze -genealogia, Pélès).
<< Sarebbe lungo parlare del mio casato poichè dovremmo cominciare da quello studio genealogico fatto da mio zio prete, come ho già detto in altre circostanze, che parte dal XVII secolo, credo dal 1643, che io ho cercato di completare. Vedremo di parlarne più avanti se ci sarà spazio e tempo!”. (Assiste al colloquio Tarcisio Piardi dei Valì, amico di “Secondo”, quasi dirimpettaio di abitazione) >>.

Dalla lettura dell’albero genealogico della famiglia Viotti, di cui allo studio appena menzionato da Angelo Secondo Viotti, emerge che Annunciata, mamma dei Pélès Piardi, è figlia di Faustino del fu Battista di fu Pietro di fu Francesco del fu Antonio (1643) Viotti.

Al cimitero di STRAVIGNINO di Pezzaze
Il 20 marzo 1999, al cimitero di Stravignino in Pezzaze sul lato sinistro rispetto all’ingresso, alla prima arcata incontriamo la tomba dei defunti “Viocc”, menzionati da “Secondo” in una delle sue conversazioni :
- Viotti Francesco N. 1827 M. 1903 (e sotto, Bregoli Margherita 1836 – 1923),
- Viotti Battista 1899 – 1961 (e sotto, Ferraglio Angela 1902 – 1940),
- Stefano Viotti 1923 – 1984,
- Viotti Pietro N. 1864 M. 1943 (e sotto, Bregoli Caterina 1862 – 1934); come, correttamente, ci aveva indicato Angelo Secondo Viotti nel corso dell’incontro del 13 febbraio 1999, sopra menzionato.

Piero Viot, ... per ü berlingòt
Il 2 marzo 1999 Secondo Viotti (1916) a proposito di fatti e aneddoti sulla sua famiglia, rivolgendosi al Curatore della ricerca PIARDI, afferma:
<< “…come ho già avuto modo di dirti…”: “Pietro Viotti (sec. XIX), su di una terzera della casa, visibile nel vecchio cortile (löc), in località ‘la Teda’ (Tesa) conservava la scritta <Piero Viot ‘l vent öna pinta de ì per ü berlingòt> biogna chè ‘l faès l’ostér!, ‘l so po’ mia sé ‘l ghè sarà amò sö…”. Scorrendo, poi, il lavoro di ricostruzione genealogica della famiglia fatto dallo zio prete Don Viotti, ancora aggiunge: “Sintìe ‘l me ubà chè ‘l ghia fò amò ste parecc a Briò (Brione); …na olta sè ghè tignia de piö a la parèntela …, ènfàti ‘n dè la Pianta (albero genealogico) che part dèl 1600 dèi Viocc ghè na Viotti che l’ha töt, spudàt, (sposato) ü Montini dè Briò”. >>. (Angelo Secondo Viotti, 2 marzo 1999 nella sua abitazione in Pezzaze - Stravignino).

VIOTTI, Piardi ed altri casati di PEZZAZE nei Registri canonici.
La famiglia Viotti è imparentata anche con i Gabrieli, la stessa lo è anche dei Piardi che a loro volta lo sono dei Gabrieli delle diverse famiglie del casato. (Reg. Batt. Parr. S. Ap. P. – 1803).
Il 5 maggio 1810 Angelo Francesco figlio di Gian. di Antonio q. Pietro Viotti e di Giustina q. Gian. q. Lodovico Gabrieli viene battezzato in Pezzaze.
Il 16 settembre 1812, in Pezzaze, vengono battezzati i gemelli di GiamBattaViotti. Dal registro dei battesimi si legge: “GiamBatta, Domenica e la terza è morta gemelli figli del Sig.r GiamBatta del fu Pietro Viotti e di Cecilia del fu Francesco Bregoli Frinchiale, sua consorte, nati li 14 corente alle ore 15 it.ne, ed oggi battezzati da me Arciprete Richetti. Il padrino di GiamBatta. fu l’eccell.mo Dottore GiamBatta. Viotti del fu Angelo, la Matrina di Domenica è stata Annonziata relitta del fu GiamBatta.Consolini; è nata la terza creatura figlia delli sudetti giugali Viotti, ma è morta dopo auta l’aqua dalla levatrice Gabrieli.”
“Viotti Sig.r GiamBatta dottor fisico” risulta annotato quale padrino di battesimo di Mattia Bontachio della famiglia Tolot il 28 dicembre 1835. Infatti, “Il 14 novembre 1844 Bontachio Maria Domenica figlia di Bortolo q. Giammaria detto Molinér e di Maria del fu Orazio Bontachio (…)” riceve l’acqua battesimale “- ob periculum - dal medico condotto Viotti Giamb. (…)”; successivamente supplisce alle cerimonie ecclesiastiche don Antonio Piardi Parroco di Pezzaze.
La levatrice approvata Domenica Piardi, il 14 novembre 1848 in Pezzaze, porta alla luce “Viotti Giam.Battista figlio di Faustino q. Giam.Batta e di Maria Valentini di Bovegno”, la madrina è Annunciata di Pietro Viotti ed il ministro del battesimo è don Antonio Piardi. (Reg. Batt. Parr. S. Ap. Pezzaze).
“Aimo Teresa fu Pietro e fu Giovanna Rossi nata a Pralboino e domiciliata in Pezzaze sposa di Viotti Pietro fu Angelo e vivente Giuglia Ferrari, maritati a Pralboino,” battezzano “il 28 ottobre 1886 il figlio Giacomo Francesco Viotti”; lo tiene quale madrina “Maria Bontacchio fu Andrea ‘Simarolo’ ”. (Reg. Batt. 1886)
“Viotti Catterina Maria figlia di Giovanni e di Toninelli Santa nata nel 1894, febbraio 18 – battezzata il 19 (…); madrina Contrini Maria. Sposatasi con Bregoli Giuseppe detto Canaro il 16 febbraio 1915, sposò in seconde nozze Bregoli Rocco il 22 maggio 1920 (…); sposò in 3° voto Bregoli Antonio (Canaro) il 25 luglio 1927”.
La nascita ed il battesimo del noto Angelo Secondo di questo Casato Viotti, collaboratore [con Carla Piardi di “Milo”] nella realizzazione del I e II volume dell’Opera I PIARDI, sono così registrati: “Viotti Angelo Faustino di Angelo e Rossi Catterina, nato l’anno 1916 mese di Giugno giorno 4 at ore 23, levatrice Peroni Santina; battezzato da Don Umberto Sigolini con l’assistenza del Padrino Piardi Giacomo”. Si legge pure la chiara firma di “Viotti Angelo, padre”. Da successive annotazioni, ancora, si legge: “Il 29 maggio 1948 sposò Richiedei Giuseppina Elisena; vedovo sposò Richiedei Cesarina il 24 gennaio 1950”. (Registro dei battesimi anno 1916 - Parr. S. Ap. Pezzaze)

I fratelli VIOTTI alla guerra.
Il 9 febbraio 1999, Angelo Secondo Viotti ancora racconta:
<< Quando è scoppiata la guerra nel 1940, mio fratello Felice, della classe 1895, ed io del 1916, veniamo chiamati alle armi tutti e due. Siamo andati insieme sino a Milano e mentre lui si ferma quale arruolato nell’arma dei Carabinieri del Re, io proseguo verso Livorno.
Felice che aveva già quarantacinque anni viene poi ‘avvicinato a casa’ e messo a svolgere il servizio di guardia presso l’arsenale di Gardone V.T. e nel contempo presenta domanda di esonero essendo il più anziano di tre fratelli contemporaneamente alle armi (lui, Giovanni Faustino Luigino del 1920 ed io). Così torna a casa.
A luglio del 1940, dopo la licenza agricola, torno al Reparto e con me c’è Giacom di Gaei Piardi, Francesco del 1913; strada facendo, ogni tanto ci fermavamo a prendere qualcosa da bere, Giacomo raccoglieva dalle famiglie pacchi da portare ai loro figli militari, suoi commilitoni. ‘Pasa le de cà che po’ i te da re argòt per no’. Andavamo a Brescia in bicicletta, anzi, lo prendevo io sul tubo. Èl Giacom ‘l la fàt ‘l soldàt!.
Arriviamo a Brescia e mi assalgono forti dolori di ventre … resisto sino ad arrivare ad Asti, mentre lui prosegue per la Val Susa ed io torno indietro al Corpo e … subito subisco l’intervento al peritoneo, ancora la sera dello stesso giorno.
Torno a casa con tre mesi di convalescenza e mio fratello della classe 1895 è dovuto tornare nuovamente al Corpo. Dopo qualche tempo torna a casa avendo tre figli a carico. La qual cosa obbliga l’altro mio fratello nato nel 900 a partire per il servizio militare.
D’accordo con questo fratello domando io di tornare a casa avendo mio padre in casa con me che già ha compiuto gli ottant’anni di età; allora io ero ancora scapolo.
Del resto mio fratello si trovava bene a Leno, ove era di stanza il suo Battaglione, quanto in galleria a fare il minatore dove avrebbe dovuto comunque ed obbligatoriamente presentarsi. La Società Mineraria Marzoli lo ha poi comunque richiesto e così è tornato anch’egli a Pezzaze, vicino alla famiglia >>. (Angelo Secondo Viotti; 9.2.1999)

Alcuni dei VIOTTI secondo il soprannome e qualche altro legame di parentela sino ai Cristini
- Il ramo dei Viotti dal quale discende Angelo Secondo (1916), figlio di Angelo (1861) di Faustino di Battista di Pietro di (…), è lo stesso di quello dal quale nasce Pietro, poi sposo di Domenica Piardi detta la Biluna, figlio di G. Battista di (…). I figli dei coniugi Pietro e Domenica “Biluna” sono: Pietro “Baösa”, Angelo “Frola” e Francesco “Chèco”, più volte nominati.
Da Pietro con la Biluna Piardi sposi dal 1822, da Giovanni figlio di Battista e da Faustino (nonno di Secondo del 1916) discende la gran parte della Stirpe Viotti avente origini in Pezzaze. Alcuni altri discendono da due dei tre fratelli: Antonio, Angelo e Giovanni privo di discendenza altri figli - unitamente al succitato Pietro - di Francesco del fu Pietro (1643).
- I Viotti sono imparentati, da lunga data - inizio secolo XVIII - (?), con i “Cristini di Marone (di Sale Marasino) Contrada Pregasso” sul lago d’Iseo, per mezzo di Annunciata figlia (con Angelo-sacerdote, Pietro, Francesco, Giovanni-Domenico, Faustino e Batta. Giovan Battista-sacerdote, in cura d’anime a Rogno di Bergamo in ...Val Camonica) di Battista del fu Pietro, andata in sposa a Giovanni Cristini e venuta a premorienza lasciando minori: Angela, Cecilia e Giovanna. (Albero Geneal. Viotti a cura dello zio prete; aggiornato da Angelo Sec. Viotti. Presa visione il 9 febbraio 1999. In: Archivio privato di Sec. Viotti – Pezzaze).
- I Piardi detti Cansonète sono figli e nipoti di Caterina (1829) Viotti. Infatti, Raimondo (1857) dei Cansonète, sposato a Angela Bernardelli, è figlio di Caterina Viotti e Battista (1824) Piardi. (Capitolo I Piardi nati a Pezzaze - genealogia, Cansonète ed anche di altri Piardi noti con altro soprannome, in “I Piardi” - Volume I).
- Maria Viotti sposa di Giacomo Piardi è madre di Giovanni (1844), nonna di Giovanni (1882) detto Quarantì, bisnonna di Giovanni (1909) detto ol Nene. Maria medesima è nonna di Giacomo Piardi (1875) {figlio di Giovanni (1844) e Rosa Facchini} capostipite dei Piardi detti Celvìt/Celvicc; è nonna, anche, di Bono Piardi (1866) {figlio di Giovanni (1844) e Rosa Facchini} capostipite dei detti Bone de Sante. (Vedi capitolo Piardi nati a Pezzaze - genealogia: Bone de Sante, Celvit e Quarantì, in “I Piardi” - volume I).
- Maria (o Maria Aurelia) Viotti, figlia di Angelo e Giulia Ferrari, nata a Pezzaze il 18 settembre 1850 (ovvero 29/4/1847) e † nel 1919, è sposa di Maffeo Piardi del 1845 dei Mafé. Come tale è madre di molti figli, tra cui: Giovan Maria del 1875, poi sposo di Margherita Bontacchio, e Bortolo Angelo del 1885, poi sposo di Caterina Rossi, noto come Bianco Topo. La citata Maria è poi nonna di una miriade di nipoti, tra cui: Maffeo (Mafetto) del 1900; Giovan Maria del 1907, noto come Cavra; Faustino Bortolo “Lasela” del 1916 (padre di Don Gian Piero parroco in Susa) figli di Giovan Maria – Mafé (1875) e di Maffeo Valeriano, classe 1915, figlio del noto Bianco T. (Sono solo indicazioni; vedi, meglio, capitolo Piardi nati a Pezzaze - genealogia, in “I Piardi” - volume I).
- I Viotti oltre che figli di madri Piardi quali: Domenica detta Biluna; Annunciata - mamma dei Pélès - e altra Annunciata - mamma di Don Giovanni Maria) lo sono anche di madri provenienti dalle famiglie: Valentini, Rossi, Richiedei e altre famiglie ancora.

Alcuni degli addentellati parentali PIARDI - VIOTTI o VIOTTI - PIARDI menzionati delle nostre pagine web o, comunque, riferimenti che conducono al casato VIOTTI:

Annunciata "NENA" Piardi (1909) dei detti Pelès, figlia di Angela Viotti detta Sbesèta (1884) e di Giacomo Piardi (1882)
.

Foglio dell'antica famiglia di Francesco Piardi (1852), nonno di Annunciata "Nena"


Per la composizione della famiglia formata da Annunciata "Nena" con Lucio Bregoli dei detti Frinciai

PIARDI noti come Cansonète - Pepa, la cui ava fu Viotti Caterina (1829) sposa di Battista Piardi (1824) del fu Giuseppe dei detti Catanì
 
Spirito Bono PIARDI dei detti "Quarantì", con la mamma ed i fratelli. La loro ava fu Viotti Maria, sposa di Giacomo Piardi e madre di Giovanni (1844); quivi anche altri Cenni di parentela con i PIARDI (Bone de Sante: Quarantì e Celvìt)

Pezzaze - casa di Andrea Piardi, poi dei Viotti       
Pezzaze, anni '930. Angelo (1861) fu Faustino Viotti  

"Secondo" Angelo Viotti (Pezzaze, 1916 - 2005) e Cesare Piardi

“Baöse' Giovanni Viotti e Mordenti Maria con Domenica  

Pezzaze, 29 maggio 1948. Matrimonio dei tre fratelli Viotti  
 
Ponte di Mondaro, transito del corteo matrim. dei tre f.lli Viotti   
 
ANTONIO PIARDI (1 settembre 1801 - 1880)   

Teodoro PIARDI e sue origini Viotti   
  
Giovanni Maria Piardi "Grillo" (1882) e Bortolo (1887), rapporti con i Viotti  

Levatrici VIOTTI - PIARDI  

Gian Maria Piardi dei detti Late 

I PIARDI Mafé, con Maffeo del 1844 sposo di Maria Viotti (1847)  
 
Bortolo Angelo Piardi di Maffeo e Maria Viotti  
 
Madonna del Rosario e...Cappellania del Rosario  

Raimondo Piardi figlio di Caterina Viotti  

L'Alpeggio ed anche i Viotti  PDF]  L'ALPEGGIO in VAL TROMPIA e nelle Valli Bresciane

Le abitazioni dei Viotti  

Franco Piardi di Ermenegildo, morto in Slesia; Ermenegildo ... e i Viotti   

La famiglia di Domenica PIARDI (1793) VIOTTI, detta La bellona "Biluna", nello stato di vedova di Pietro VIOTTI
(Redatto nel secolo XIX ed aggiornato sino al 16 luglio 1880, data della morte di Domenica).
<<Capo famiglia>>: poichè ormai vedova di Pietro VIOTTI, nel "Foglio di famiglia" redatto dal Comune nella seconda metà del Ottocento (dopo le disposizioni di legge post 1861):
- PIARDI DOMENICA di Bortolo. Femmina. <<Capo Famiglia>>. Contadina. Pezzaze 6 giugno 1793. Vedova di Viotti Pietro. Morta il 16 luglio 1880.
- VIOTTI GIACOMO di Pietro e Piardi Domenica. Maschio. Figlio. Mandriano. Pezzaze 20 marzo 1827. Coniugato con Domenica Balduchelli. 
- BALDUCHELLI DOMENICA di Pietro e Calcini Bartolomea. Femmina. Nuora. Mandriana. Pezzaze 7 giugno 1826. Coniugata con Viotti Giacomo.
- VIOTTI GIOVANNI BATTISTA di Pietro e Piardi Domenica. Maschio. Figlio. Mandriano. Pezzaze 14 ottobre 1828. Celibe. Morto 12 giugno 1880.
- VIOTTI FRANCESCO di Pietro e Piardi Domenica. Maschio. Figlio. Mandriano. Pezzaze 24 aprile 1838. Coniugato con Bregoli Margherita.

(Vedi i volumi, cartacei, "I PIARDI": 1(1998) et 2 (2000) per la Genealogia dei PIARDI e dei VIOTTI) 

 

top